Esercito

VENTENNALE DELL’INGRESSO IN KOSOVO DEL CONTINGENTE ITALIANO

20 Settembre 2019: FONTE – Stato Maggiore Esercito –   Il Capo di SME presente alle celebrazioni   Caserta, 20 settembre 2019. Conclusa con una cerimonia militare in piazza Carlo II, alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Generale di Corpo d’Armata Salvatore FARINA, del Comandante Generale dell’Arma del Carabinieri Generale di Corpo d’armata […]

Leggi

Marina Militare

I PALOMBARI DELLA MARINA MILITARE CONTINUANO IN MANIERA ININTERROTTA LE OPERE DI BONIFICA A MOLA DI BARI (BA), NEL LAGO DI BRACCIANO (RM) E NEL LAGO DI VARNA (BZ)

19 Settembre 2019: FONTE – Marina Militare –   Dal 1° gennaio 2019 sono già 35.440 gli ordigni esplosivi neutralizzati   Dall’11 settembre 2019 i Palombari del Gruppo Operativo Subacquei (GOS) del Comando Subacquei ed Incursori della Marina Militare (Comsubin), distaccati presso i Nuclei SDAI (Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi) di Taranto, La Spezia ed Ancona hanno […]

Leggi

Aeronautica Militare

ACCADEMIA AERONAUTICA: GLI ALLIEVI SALUTANO IL NUOVO COMANDANTE

19 Settembre 2019: FONTE – Aeronautica Militare – Dopo due anni trascorsi alla guida dell’Accademia, il Generale Degni cede il comando dell’Istituto al Generale Tarantino   Si è svolta mercoledì 18 settembre, sul piazzale delle Medaglie d’Oro dell’Accademia Aeronautica di Pozzuoli, la cerimonia di avvicendamento tra il Generale di Divisione Aerea Enrico Degni e il Generale di Brigata Aerea Paolo Tarantino quale nuovo Comandante dell’Istituto. La cerimonia […]

Leggi

 

Video

 

Carabinieri

ORTONA – VASTA OPERAZIONE DI CONTROLLO DEL TERRITORIO: MULTE AGLI ESERCIZI PUBBLICI E UN ARRESTO

20 Settembre 2019: FONTE – LEGIONE CARABINIERI “ABRUZZO E MOLISE” Comando Provinciale di Chieti – Ha visto impegnati 30 militari dell’Arma, tra cui un’unità antidroga del Nucleo Cinofili di Chieti, personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Chieti e del N.A.S. di Pescara, la vasta operazione di controllo del territorio messa in atto ieri […]

Leggi

Polizia di Stato

TORINO: SCONTRI PER SGOMBERO CENTRO SOCIALE, IDENTIFICATI GLI AUTORI

20 Settembre 2019: FONTE – Polizia di Stato – Quattordici misure cautelari emesse dalla procura della Repubblica di Torino sono state eseguite questa mattina dagli uomini della Digos nei confronti di militanti anarchici che lo scorso 9 febbraio si son resi responsabili degli scontri durante l’operazione “Scintilla”: lo sgombero dello storico centro sociale “Asilo”. Tre persone sono […]

Leggi

Guardia di Finanza

OPERAZIONE CARTHAGO - SGOMINATO TRAFFICO INTERNAZIONALE DI DROGA TRA MAROCCO, SPAGNA, SVIZZERA, OLANDA ED ITALIA

19 Settembre 2019: FONTE – Guardia di Finanza Comando Provinciale Trento – Lo spaccio anche a pochi passi da scuole e piazze di Trento e Bolzano. Indagati settantatré narcotrafficanti, fra i quali esponenti della camorra e della “quarta mafia foggiana”. Quindici gli arresti eseguiti dalle Fiamme Gialle in varie località d’Italia e all’estero. Sequestrati oltre […]

Leggi

Altre Istituzioni

DESME’

24 Luglio 2019: FONTE – Alessandro Macchi – Centro Studi Piemontesi-Ca dè Stùdi Piemontèis –   Desmè è parola piemontese antica, forse originaria delle “terre alte”, che dice del potere interiore di far rivivere in assoluta attualità emotiva momenti mai dimenticati, ma pacatamente riposti nel fondo della memoria. In “Desmé” colpisce innanzi tutto la capacità […]

Leggi

TACTICAL LEADERSHIP PROGRAMME (TLP) FLYING COURSE 4/18 Amendola, 19 novembre – 14 dicembre 2018

TACTICAL LEADERSHIP PROGRAMME (TLP) FLYING COURSE 4/18 Amendola, 19 novembre  – 14 dicembre 2018

3 Dicembre 2018: FONTE – Raffaele Fusilli/Stella d’Italia News


Testo Raffaele Fusilli

Foto AM, Raffaele Fusilli, Vito Del Vecchio

Il Tactical Leadership Programme (TLP), istituito nel 1979, nasce dall’esigenza delle Forze Aeree europee e NATO di cooperare efficacemente e rappresenta oggi il focal point nel settore dell’addestramento tattico congiunto e nello sviluppo della leadership, peculiarità essenziali per affrontare le sfide poste dai moderni scenari operativi.
Il programma, cui aderiscono attualmente 10 nazioni (Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Italia, Paesi Bassi, Spagna, Gran Bretagna e Stati Uniti), prevede quattro Flying Course annuali, di norma tenuti presso la base spagnola di Albacete, con l’obiettivo di qualificare equipaggi delle linee aerotattiche quali Mission Commander nell’ambito di complesse Combined Air Operations (COMAO) che prevedono l’interazione di forze aeronavali e terrestri in realistici scenari riconducibili a moderni contesti operativi internazionali.
Il TLP è anche ente di riferimento nel settore dottrinale in tema di leadership aerotattica, curando redazione ed aggiornamento di direttive, in supporto a diverse agenzie NATO ed a varie forze aeree.
Questa sessione, ospitata ad Amendola (FG) sede del 32° Stormo dell’Aeronautica Militare cui appartengono gli F-35 (alla loro prima partecipazione), costituisce un ulteriore tassello nella transizione verso sistemi d’arma e tecnologie caratteristiche di velivoli di 5ª Generazione, in un ambito ad elevata connotazione internazionale ed interforze.
La contestuale partecipazione di velivoli di 4ª e 5ª Generazione ha costituito infatti la peculiarità di questo Flying Course, un’occasione unica non solo per favorire la standardizzazione di tattiche, tecniche e procedure, ma soprattutto per esercitare l’interoperabilità tra sistemi diversi, anche non omogenei, ossia la capacità di un sistema di cooperare, scambiare o riutilizzare informazioni o servizi prodotti da altri.
Da sottolineare, tra l’altro, l’importante primato conseguito dall’Aeronautica Militare (prima forza aerea in Europa nel raggiungere tale traguardo)  avendo l’F-35 ottenuto la Initial Operational Capability (IOC) nel corso del 4° Flying Course TLP.

Assetti AM:

• 2 F-35 (blue);
• 2 F-2000 (blue a/g);
• 2 F-2000 (blue a/a);
• 2 F-2000 (red a/a);
• 2 T-346A (red a/a);
• 1 G-550 CAEW;
• 1 KC-767A;
• 1 P-72°
• 2 HH-101A (solo per specifiche missioni);
• 1 HH-212 (solo per specifiche missioni);
• 1 RPAS (MQ-1C oppure MQ-9A, in base alla disponibilità);
• 1 sistema SIRIUS;
• 1 Joint Terminal Attack Controller (JTAC) team.

Assetti multinazionali:

• 8 F-15C USAFE;
• 6 F-2000 Luftwaffe;
• 2 Tornado ECR Luftwaffe;
• 6 F-16 BAF;
• 2 F-16 KLu.

Alle attività hanno preso parte anche 2 AV-8B ed unità navali della MM.
Tutti i velivoli, ad eccezione del KC-767A operante direttamente da Pratica di Mare e dell’ HH-212 ridislocato a Gioia del Colle, decollavano da Amendola; dalla NAEW FOB di Trapani ha operato l’E-3A (AWACS).
Area di lavoro il mar Ionio come da specifico Airspace Combat Order (ACO).
Gli assetti navali, il sistema mobile di comando e controllo IT-DARS, il sistema Surface Based Air Defence (SBAD) SIRIUS ed il personale specializzato Joint Terminal Attack Controller (JTAC) sono stati disposti in base a scenari elaborati dal TLP Staff.
Coinvolti quasi 300 militari italiani ed oltre 600 stranieri.

Gli F-35 italiani ottengono la capacita operativa reale

“È un giorno importante – ha dichiarato il Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica, Generale Alberto Rosso – con il conseguimento della Initial Operational Capability (IOC) dei nostri F-35 siamo in grado di esprimere, primi in Europa, una capacità operativa reale con una macchina di quinta generazione, che vuol dire la capacità di un sistema costituito da più velivoli, da equipaggi addestrati ad impiegarli, da supporto manutentivo e logistico sostenibile nel tempo.
Dobbiamo essere orgogliosi di questo traguardo, raggiunto grazie al lavoro di chi ci ha preceduto e di chi ogni giorno – con impegno, cuore e passione – ha permesso di raggiungere risultati incredibili, addirittura in anticipo rispetto a quanto previsto”.
“Un giorno importante – ha aggiunto Rosso – anche per il significato di questo Corso TLP, che rappresenta la prima concreta integrazione tra sistemi d’arma di 4a e 5a generazione e un’importante opportunità per crescere e sviluppare insieme ad altre nazioni le capacità essenziali che il potere aero-spaziale deve essere in grado di esprimere a livello internazionale.
Amendola è oggi un’eccellenza per la Difesa e per il Sistema Paese in quanto racchiude una serie di capacità di proiezione verso il futuro uniche in Europa.
Questo Stormo rappresenta al meglio il salto generazionale che stiamo vivendo, in cui il fattore determinante è l’integrazione tra tecnologia ed elemento umano, sia in ambito addestrativo che operativo”.
L’F-35 è un velivolo concepito per affrontare diverse tipologie di operazioni aeree, in grado di ricevere e ridistribuire un flusso straordinario di dati essenziali per conseguire l’information superiority, elemento fondamentale delle moderne operazioni complesse.
Dopo l’arrivo del primo esemplare al 32° Stormo, avvenuto il 12 dicembre 2016, l’Aeronautica Militare ha avviato un serrato programma per il raggiungimento della capacità operativa della piattaforma di 5a generazione attraverso diverse tappe.
Dal primo volo su cielo campo di Amendola avvenuto l’11 gennaio 2017, si è passati – dopo solo un mese – al primo volo su un altro aeroporto militare. Nell’ottobre dello stesso anno, con la partecipazione alla più importante esercitazione nazionale interforze dell’anno “Vega 2017”, l’F-35 ha operato al fianco degli assetti delle Forze Armate, fornendo un contributo di assoluto rilievo che ha permesso di apprezzare le straordinarie potenzialità operative che il velivolo è in grado di offrire.
La successiva integrazione con tutti i sistemi di comando e controllo nazionale e NATO, nonché con tutti gli altri sistemi d’arma e l’ulteriore inserimento dell’assetto all’interno del dispositivo di allarme per la Difesa Aerea dello spazio aereo nazionale sono alcuni dei più importanti obiettivi raggiunti.
A completare la rosa delle capacità operative offerte dal velivolo sono state effettuate attività di addestramento presso il poligono di guerra elettronica di Polygone, in Germania, e la campagna addestrativa per impiego aria/suolo in campo nazionale.
La partecipazione al TLP, elemento fondamentale della NATO nel settore dell’addestramento tattico congiunto delle forze aeree alleate, rappresenta un rilevantissimo traguardo conseguito nel processo di integrazione dell’F-35 nel contesto operativo internazionale nell’ambito delle operazioni aeree complesse.
Tutte attività che testimoniano le eccezionali potenzialità e l’adattabilità ai contesti più diversi dell’F-35, un caccia che di fatto può essere definito omni-ruolo, ovvero in grado di esprimere simultaneamente numerose capacità operative, ponendolo come assetto strategico per la Difesa ed indispensabile nella conduzione delle moderne operazioni.
L’impiego del velivolo rappresenta, inoltre, un amplificatore di capacità per tutti gli altri sistemi d’arma disponibili nell’ambito Difesa e di coalizione che, lavorando in sinergia con un velivolo di quinta generazione, acquisiscono una rinnovata attualità, elevando le proprie potenzialità operative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *