I MASSIMI FUNZIONARI MILITARI DI CINA E RUSSIA AVVERTONO LE FORZE STRANIERE CHE ALIMENTANO DISORDINI IN ASIA E OLTRE

Fonte: Presstv.ir

I massimi leader militari cinesi e russi hanno lanciato l’allarme riguardo alle forze straniere che tentano di seminare discordia e disordini in Asia e oltre.

Intervenendo oggi al decimo Forum Xiangshan di Pechino, il vicepresidente della Commissione militare centrale (CMC), il generale Zhang Youxia, ha dipinto un quadro cupo delle gravi difficoltà in cui versa oggi la sicurezza mondiale.

“Alcuni paesi, per paura che il mondo possa stabilizzarsi, creano deliberatamente disordini, interferiscono nelle questioni regionali, interferiscono negli affari interni di altri paesi e istigano rivoluzioni colorate”, ha avvertito Zhang senza nominare alcun paese.

“Oggi, guardando il mondo, i problemi legati agli hotspot stanno emergendo uno dopo l’altro. Il dolore della guerra, del caos, dei disordini e della perdita di vite umane è costantemente presente”, ha aggiunto.

I vertici cinesi hanno sottolineato che alcuni paesi stanno causando trambusto e creando attriti perché hanno tratto vantaggio dalla guerra e dai conflitti.

“Dietro le quinte, distribuiscono coltelli e pensano solo a condurre la gente in guerra, assicurandosi che siano loro a trarre vantaggio dal caos.”

Zhang ha anche affermato che Pechino sta perseguendo mezzi diplomatici per risolvere il conflitto con gli Stati Uniti, cercando di migliorare i legami militari con il Pentagono.

“Siamo anche disposti a sviluppare le relazioni militari tra Cina e Stati Uniti in conformità con i principi del rispetto reciproco, della coesistenza pacifica e della cooperazione vantaggiosa per tutti”.

La marina statunitense invia regolarmente le sue navi da guerra in quelle che Pechino considera le sue acque territoriali, ma Washington le definisce operazioni di libertà di navigazione.

Anche il ministro della Difesa russo, Sergei Shoigu, intervenendo al forum, ha confermato che i paesi occidentali mirano a estendere la crisi in Europa, innescata dalla politica espansionistica della NATO guidata dagli Stati Uniti, all’Asia e oltre.

“Dopo aver provocato una crisi acuta in Europa, l’Occidente sta cercando di espandere il potenziale di crisi nell’Asia del Pacifico”, ha detto ai delegati di 90 paesi presenti alla conferenza internazionale sulla difesa di Pechino.

Shoigu ha avvertito che l’impegno militare dei paesi dotati di armi nucleari nei conflitti internazionali crea un grosso rischio per il mondo.

“Il coinvolgimento diretto dei paesi dotati di arsenali nucleari moltiplica i rischi strategici”.

“La linea dell’Occidente verso l’escalation con la Russia comporta il rischio di un conflitto diretto tra le potenze nucleari, che si tradurrà in conseguenze catastrofiche”, ha avvertito Shoigu.

All’inizio di questo mese, il presidente russo Vladimir Putin ha effettuato una visita di due giorni in Cina, la prima al di fuori dell’ex Unione Sovietica quest’anno e parte della spinta del Cremlino a rafforzare i suoi partenariati economici in tutta l’Asia.

Sempre oggi Zhang – che ha abbracciato Shoigu a margine del forum – ha promesso che Pechino cercherà di “approfondire la cooperazione strategica e il coordinamento tra gli eserciti cinese e russo”.

Washington e Pechino sono in disaccordo, tra le altre questioni, sulla guerra della Russia in Ucraina, iniziata nel febbraio dello scorso anno.

La Cina mantiene ancora una posizione neutrale e si astiene dal prendere posizione nella guerra, sostenendo che mentre il territorio di un paese deve essere rispettato, l’Occidente deve anche considerare le preoccupazioni di sicurezza della Russia riguardo all’espansione della NATO.

Pechino ha anche accusato Washington di prolungare i combattimenti fornendo armi a Kiev, armi che la Casa Bianca sostiene siano necessarie per difendersi dalla Russia.

Gli Stati Uniti hanno annunciato l’intenzione di prepararsi ad affrontare contemporaneamente Cina e Russia nel caso scoppiasse la Terza Guerra Mondiale.

Un  rapporto  pubblicato all’inizio di questo mese dal Congresso degli Stati Uniti, intitolato “La postura strategica dell’America”, affermava che Cina e Russia rappresentavano una “sfida esistenziale” per l’America.

“È una sfida esistenziale per la quale gli Stati Uniti sono impreparati, a meno che i suoi leader non prendano decisioni adesso”, afferma il rapporto di 160 pagine lanciando l’allarme sull’approfondimento della cooperazione strategica e del coordinamento tra gli eserciti cinese e russo.

https://www.presstv.ir/Detail/2023/10/30/713686/CHINA-RUSSIA-WARN-FOREIGN-FORCES-STOKING-TURMOIL-IN-ASIA–ZHANG-YOUXIA–SERGEI-SHOIGU–BEIJING-XIANGSHAN-FORUM

Condividi

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Sponsor

Articoli correlati