Esercito

ESERCITO ITALIANO: 2^ EDIZIONE DELLA GARA PODISTICA DI BENEFICENZA   "TORO TEN"

26 Gennaio 2020: FONTE – 82° Reggimento Fanteria “Torino” –   Barletta, 26 gennaio 2020. Dopo il grande successo della prima edizione, oltre 1300 persone hanno partecipato alla seconda edizione della gara podistica non competitiva “Toro Ten”, organizzata dall’82° Reggimento Fanteria “Torino”, unità alle dipendenze della Brigata meccanizzata “Pinerolo”, in collaborazione con il Comune di […]

Leggi

Marina Militare

IL VARO DI NAVE EMILIO BIANCHI

26 Gennaio 2020: FONTE – Marina Militare –   Il 25 gennaio, presso lo stabilimento cantieristico di Riva Trigoso, si è svolta la cerimonia di varo della decima Fregata Europea Multi Missione, che porta il nome del Capo palombaro Emilio Bianchi medaglia d’oro al valor militare per l’impresa di Alessandria d’Egitto. La madrina del varo è stata Elisabetta Bianchi, figlia dell’eroe scomparso […]

Leggi

Aeronautica Militare

DUPLICE INTERVENTO PER GLI ASSETTI DELL’AERONAUTICA MILITARE

26 Gennaio 2020: FONTE – Aeronautica Militare –   Un Falcon 900 del 31° Stormo di Ciampino si è alzato un volo per un trasporto sanitario d’urgenza ed un HH139 dell’82° Centro CSAR di Trapani è stato impegnato per il contrasto ad un incendio in Sicilia.   Il 25 Gennaio è stato un sabato di […]

Leggi

 

Video

 

Carabinieri

CONTROLLO ANTIDROGA SULLE PISTE DA SCI: DECINE LE PERSONE CONTROLLATE. 1 SEGNALATO

26 Gennaio 2020: FONTE – Arma dei Carabinieri Comando Provinciale di Bergamo – Questa mattina i Carabinieri della Compagnia di Zogno, supportati dalle unità del Nucleo Cinofili di Orio al Serio, hanno effettuato un’attività di prevenzione e repressione per contrastare l’uso e lo spaccio di sostanze stupefacenti sull’impianto sciistico in località Foppolo/Carona. I controlli sono stati […]

Leggi

Polizia di Stato

FOGGIA: MAXI BLITZ DELLE FORZE DELL'ORDINE

20 Gennaio 2020: FONTE – Polizia di Stato – Controlli a tappeto nelle strade, perquisizioni alla ricerca di armi e droga, caccia ad alcuni latitanti e fermi nei confronti di alcune persone ritenute responsabili di estorsioni ai danni di alcuni imprenditori. Da questa notte le aree più sensibili di Foggia sono sotto la pressione di […]

Leggi

Guardia di Finanza

Bancarotta fraudolenta, sequesto da 5 milioni di euro

23 Gennaio 2020: FONTE -GdF Comando Prov.le Napoli- Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, a conclusione di indagini coordinate dalla locale Procura della Repubblica, ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale partenopeo con la quale sono stati disposti gli arresti domiciliari nei confronti dell’ortopedico […]

Leggi

Altre Istituzioni

FISE AWARDS 2020: IL GRANDE SPORT A SOSTEGNO DEL SOCIALE

26 Gennaio 2020: FONTE – Fondazione Operation Smile Italia Onlus – Brizzi Comunicazione s.r.l. –   Gran Gala di beneficenza della Federazione Italiana Sport Equestri 27 gennaio, Salone dei Cavalieri del Rome Cavalieri, A Waldorf Astoria Hotel, ore 20.00   Serata a sostegno della Fondazione Operation Smile Italia Onlus per donare il sorriso ed un futuro ai bambini e […]

Leggi

La Turchia in Libia

La Turchia in Libia

07 Gennaio 2020: FONTE -Stella d’Italia News-

Mentre la nostra diplomazia, a dire il vero insieme a quella inesistente della Unione Europea balbetta e bela delle inutili banalità circa la necessità di fermare i combattimenti e di cercare una via di uscita diplomatica dal disastro totale nel Vicino Oriente e mentre le truppe del generale Haftar e una variegata coalizione di tagliagole islamici e mercenari conquista la città natale dell’infame Gheddafi: Sirte, i Turchi sbarcano nuovamente in libia dalla quale furono scacciati proprio da noi italiani nel 1911 con la guerra italo-turca.

Paghiamo ancora la violenta e stupida politica delle primavere arabe e soprattutto, per noi, il violento e stupido tentativo della Francia e Inghilterra di scalzarci dalla Libia e dal petrolio e gas libico attaccando Gheddafi, per il quale, detto per inciso, non ho nessun rimpianto ma che era comunque un elemento di stabilizzazione dei flussi di migrazione illegale dall’Africa.

Ora ci sono tre forze locali a contendersi il potere e i territori del Nord Africa e della penisola Araba: Turchia, Iran e Arabia Saudita e due forze globali: Gli Stati Uniti e la Russia anche se vedrete che tra poco arriveranno anche i cinesi, sempre che fiutino la possibilità di guadagnarci qualcosa economicamente.

Di tutti questi i più pericolosi per i nostri interessi sono i turchi che hanno già ostacolato le nostre prospezioni minerarie nel mare di Cipro con minacciose manovre della loro marina militare.

Il regime islamista e imperialista di Erdogan ha già superato i propri confini attaccando e massacrando le popolazioni curde in Iraq con l’appoggio degli americani e ora lo sbarco a tripoli di truppe turche rinfocola il sospetto di un nuovo impero ottomano in divenire.

Con la Libia controllata dai turchi la nostra presenza sulla antica Quarta Sponda svanirebbe. Abbiamo già visto l’atteggiamento dei Turchi verso di noi nel mare di Cipro. Il gasdotto tra Libia e Italia sarebbe controllato da loro e le nostre aziende petrolifere dovrebbero lasciare il passo a quelle gradite ai turchi e, visto l’appoggio americano alle mire di Erdogan, sicuramente sarebbero quelle americane a spadroneggiare.

Ma perchè gli americani appoggiano Erdogan? Dato per scontato che all’America non importa nulla dell’Europa e vedrebbe anzi con piacere un declino economico europeo che farebbe sparire un concorrente all’uso del dollaro come valuta di riferimento internazionale, il motivo sta nell’Arabia Saudita e nell’Iran.

Iran e Arabia Saudita, entrambe teocrazie repressive, oscurantiste, misogine, violente hanno due visioni opposte dell’Islam e su questa divisione religione si basa l’aggressività espansionistica iraniana che guarda con cupidigia non solo al controllo dei luoghi considerati santi dai musulmani ma anche e soprattutto alle immense ricchezze petrolifere della penisola araba.

Il problema sta nel fatto che quelle ricchezze petrolifere sono sfruttate primariamente dai soliti americani che sorreggono e difendono l’orribile teocrazia saudita.

Ecco quindi che Erdogan viene utile e che quindi gli si permette di massacrare gli inermi curdi e di proiettare la sua influenza nel Mediterraneo che potrebbe, anche a breve, diventare un lago turco e allora addio Mare Nostrum, Erdogan controllerebbe non solo le risorse minerarie ma anche la bomba demografica dell’immigrazione illegale che ha già alterato la demograzie europea in maniera preoccupante e in direzione di una crescente islamizzazione di cui la Turchia potrebbe essere paladina e sponsor.

Con tutto l’amore che si può avere per la pace e per la diplomazia questo sarebbe il momento di mostrare i muscoli almeno in Libia, un teatro che è alle porte di casa tralasciando i belati qualunquistici e generici. Se ci sfuggirà di mano l’iniziativa sia come italiani che come europei avremo perso il Mediterraneo e questo comporterà il nostro strangolamento.

Andrea Marrone

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *