Esercito

ADDESTRAMENTO OFF ROAD...IN SICUREZZA

03 Luglio 2020: FONTE – Stato Maggiore Esercito –   Riparte l’addestramento dei reparti della Brigata Alpina “Taurinense”.   Il 1° Reggimento Artiglieria Terrestre (da montagna) e il Reggimento logistico “Taurinense” hanno concluso un corso di guida off road per veicoli tattici che ha abilitato trenta nuovi conduttori alla guida sicura su percorsi estremi.   […]

Leggi

Marina Militare

GIRONE E LA TORRE: EMESSO IL PROVVEDIMENTO DAL TRIBUNALE ARBRITRALE DELL'AJA

02 Luglio 2020: FONTE – Stato Maggiore Difesa –   Lo Stato Maggiore della Difesa rende noto che il Tribunale costituito a l’Aja il 6 novembre 2015, presso la Corte Permanente di Arbitrato, per dirimere la controversia tra Italia e India in relazione all’incidente occorso il 15 febbraio 2012 nell’Oceano Indiano nel quale è rimasta coinvolta la […]

Leggi

Aeronautica Militare

CAMBIO DI COMANDO AL 4° STORMO

03 Luglio 2020: FONTE – Aeronautica Militare –   Il Colonnello Eros Zaniboni subentra al Generale di Brigata Aerea Urbano Floreani   Mercoledì 2 luglio 2020 ha avuto luogo l’avvicendamento al Comando del 4° Stormo tra il Generale di Brigata Aerea Urbano Floreani, Comandante uscente, ed il Colonnello Eros Zaniboni, Comandante subentrante. Il Cambio di […]

Leggi

 

Video

 

Carabinieri

1° BATTAGLIONE CARABINIERI TUSCANIA E 2° BATTAGLIONE TARQUINIA RICORDANO LE ORIGINI COMUNI

03 Luglio 2020: FONTE – Comando Generale Arma Carabinieri – 187° Reggimento Paracadutisti “Folgore” –   Celebrazioni alla P. Vannucci di Livorno   1° Battaglione Carabinieri Tuscania e 2° Battaglione Tarquinia ricordano le origini comuni   Si è svolta in data 1 Luglio 2020, presso la Caserma “P. Vannucci” di Livorno, una cerimonia congiunta volta […]

Leggi

Polizia di Stato

MILANO: FALSI MATRIMONI ED ESAMI DI ITALIANO, 5 ARRESTI

03 Luglio 2020: FONTE – Polizia di Stato –   Favorivano l’immigrazione clandestina organizzando matrimoni fittizi e falsi esami di conoscenza della lingua italiana: 5 persone sono finite in manette mentre 78 persone sono state indagate dagli uomini della Squadra mobile di Milano. L’ordinanza di custodia cautelare è stata eseguita nei confronti di cittadini stranieri, […]

Leggi

Guardia di Finanza

ATTIVAZIONI FRAUDOLENTE DI SERVIZI A PAGAMENTO SUL CONTO TELEFONICO: VASTA OPERAZIONE A TUTELA DEI CONSUMATORI

03 Luglio 2020: FONTE – Guardia di Finanza Nucleo Speciale Tutela Privacy Frodi Tecnologiche – Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Milano –   ADDEBITI PER SERVIZI A SOVRAPPREZZO SENZA IL CONSENSO DEGLI UTENTI. PERQUISIZIONI E SEQUESTRI DELLA GUARDIA DI FINANZA ANCHE PRESSO LA SEDE LEGALE DI WINDTRE. MISSIVA ALL’AUTORITA’ PER LE GARANZIE […]

Leggi

Altre Istituzioni

AL VIA IL 23° WEEKEND CLINIC DELLA SMILE HOUSE ROMA OSPITATO ALLA CLINICA PARIOLI

28 Maggio 2020: FONTE – Fondazione Operation Smile Italia Onlus – Brizzi Comunicazione s.r.l. –   Tre criteri per rispondere al Covid-19: tempestività, qualità e sicurezza    Dopo l’interruzione forzata dovuta all’emergenza coronavirus riprendono i weekend clinic della Smile House Roma anche se in trasferta presso la Casa di Cura Parioli.   “Perché Marco, Ciro, […]

Leggi

OPERAZIONE “CHINA SHIPPING”

OPERAZIONE “CHINA SHIPPING”

05 Settembre 2019: FONTE -GdF Comando Provinciale Gorizia-

SEQUESTRATI OLTRE 2 MILIONI DI PRODOTTI NON CONFORMI E PERICOLOSI O RECANTI MARCHI CONTRAFFATTI 48 PERSONE DENUNCIATE, 32 SOCIETÀ COINVOLTE

I finanzieri della Compagnia di Gorizia, al termine di una complessa operazione di polizia giudiziaria condotta tra il 2016 ed il 2019, hanno sottoposto a sequestro 2.269.176 prodotti non conformi, pericolosi o recanti marchi contraffatti e denunciato 48 soggetti per i reati di frode in commercio, vendita di prodotti industriali con segni mendaci, commercio di prodotti pericolosi, introduzione nello Stato di prodotti con segni falsi e ricettazione. L’operazione, denominata “CHINA SHIPPING”, è volta in particolare alla verifica dei prodotti che dalla Cina giungono in Italia dopo aver effettuato le operazioni di sdoganamento in Paesi limitrofi, a tutela del consumatore finale.  Le merci, del valore commerciale di circa 13 milioni di euro, sono state rinvenute a bordo di autoarticolati fermati nel corso di posti di controllo attivati dalle Fiamme gialle isontine presso il valico di confine di Gorizia-Sant’Andrea ed i caselli autostradali di Villesse e Monfalcone-Lisert. In particolare, trattasi di articoli elettronici, elettrici, giocattoli, prodotti per alimenti, utensili, tutti privi delle garanzie per la sicurezza e delle dichiarazioni di conformità previste dalla normativa europea.  Sono 32 le imprese risultate coinvolte nel traffico internazionale di prodotti non conformi, 21 delle quali sono state denunciate per responsabilità amministrativa, i cui amministratori si sono resi responsabili di illeciti penali. Le indagini, avviate nel gennaio 2016 a seguito del fermo presso il casello autostradale di Villesse di un container con a bordo cosmetici ed articoli elettrici per l’igiene della persona, sono proseguite attraverso l’analisi ed il monitoraggio del traffico stradale proveniente dalla Slovenia. Decine le perquisizioni disposte dall’Autorità Giudiziaria di Gorizia in diverse località del territorio nazionale, in particolare nelle province di Napoli, Roma, Firenze, Prato, Padova, Milano, Bergamo, ove avevano sede le imprese importatrici dei prodotti sottoposti a sequestro.   Dagli accertamenti è stato possibile delineare un fenomeno ben definito, originato  prevalentemente da soggetti di nazionalità cinese, consistente nell’importazione nel territorio comunitario, attraverso il porto di Capodistria (Slovenia), di rilevanti quantitativi di prodotti realizzati in Cina, non conformi, pericolosi o contraffatti, sdoganati in modo antieconomico in alcuni Paesi dell’Est Europa e successivamente introdotti nel territorio nazionale al fine di evitare o eludere i controlli alle importazioni.
Importante nel corso delle indagini si è rivelata la collaborazione con il Centro di Cooperazione di Polizia e Dogana di Thörl Maglern (A), che ha consentito di acquisire dati e notizie all’estero utili alle indagini. Le merci sequestrate sono state stoccate e inventariate presso gli spazi dell’ente fiera isontino messi a disposizione dalla C.C.I.A.A. di Trieste / Gorizia, nonché presso alcune aree dei Comandi Provinciali dei Vigili del Fuoco di Roma, Belluno e Vicenza. Gran parte delle merci, prevalentemente di tipo elettrico / elettronico, sono state distrutte mediante conferimento al Centro di Coordinamento R.A.E.E. di Milano.  L’attività di servizio svolta dalla Guardia di Finanza di Gorizia è stata finalizzata alla tutela dei consumatori e degli operatori economici onesti che agiscono lealmente nel rispetto delle regole, importando e vendendo merci dalle caratteristiche qualitative certificate e rispondenti alle normative nazionali e comunitarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *