Esercito

COMANDANTI DI COMPAGNIA: CURA DEL PERSONALE, ESEMPIO E CONSAPEVOLEZZA

19 Luglio 2019: FONTE – Stato Maggiore Esercito –   Il Capo di SME in visita ai frequentatori del 4° Corso per Ufficiali subalterni a Torino. ​Nell’ambito della Scuola di Applicazione e Istituto di Studi Militari dell’Esercito di Torino, si sta svolgendo il 4° Corso per Ufficiali subalterni (Tenenti prossimi alla nomina a Capitano) del Ruolo Normale […]

Leggi

Marina Militare

MARINA MILITARE: PARTE DA TARANTO LA CAMPAGNA D’ISTRUZIONE DI NAVE ETNA

18 Luglio 2019: FONTE – Marina Militare Comando Marittimo Sud –   La campagna degli allievi della seconda classe dell’Accademia Navale toccherà diversi porti del Mediterraneo  Domenica 21 luglio dalla Stazione Navale Mar Grande della Marina Militare di Taranto, partirà la nave da supporto logistico Etna, per la campagna d’istruzione degli Allievi della seconda classe […]

Leggi

Aeronautica Militare

DIFESA AEREA: INTERCETTATO UN VELIVOLO CIVILE CHE AVEVA PERSO CONTATTO RADIO

19 Luglio 2019: FONTE – Aereonautica Militare –   Un caccia F-2000 Eurofighter dell’Aeronautica Militare, in prontezza per il servizio di sorveglianza dello spazio aereo, si è alzato rapidamente in volo questa mattina dalla base aerea di Istrana (TV), sede del 51° Stormo, per intercettare un velivolo civile Gulfstream IV decollato dall’Aeroporto Tel Aviv – […]

Leggi

 

Video

 

Carabinieri

FANO, DÀ FALSE GENERALITÀ AI CARABINIERI PER NON ESSERE ESPULSO MA VIENE SCOPERTO ED ARRESTATO

19 Luglio 2019: FONTE- Legione Carabinieri Marche Compagnia di Fano – I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Fano hanno arrestato in flagranza di reato C.P., 46enne di origine romene, disoccupato, in Italia senza fissa dimora e con diversi precedenti alle spalle. L’uomo era stato fermato per un normale controllo dei documenti ma aveva dichiarato […]

Leggi

Polizia di Stato

ORE 16,58 19 LUGLIO 1992

19 Luglio 2019: FONTE – Polizia di Stato –   Ci guardano da 27 anni dalle 16,58 del 19 luglio 1992, precisamente. Ci guardano attraverso delle fototessere perché i loro occhi si sono spenti per sempre quel giorno, polverizzati da 90 chili di plastico mafioso. Sono “i ragazzi della scorta” di Paolo Borsellino morti a […]

Leggi

Guardia di Finanza

SGOMINATA ORGANIZZAZIONE NARCOTRAFFICANTE TRA IL SUD AMERICA E LA SICILIA

18 Luglio 2019: FONTE – Guardia di Finanza Comando Provinciale di Messina – Dalle prime luci dell’alba, i Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Messina stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 11 soggetti (9 dei quali in carcere e 2 agli arresti domiciliari), promotori e membri di un’organizzazione criminale […]

Leggi

Altre Istituzioni

SWIM FOR SMILE 2019

05 Luglio 2019: FONTE – Marina Militare Comando Marittimo Sud – Fondazione Operation Smile Italia Onlus –  Brizzi Comunicazione –   La traversata, per il quarto anno, sarà l’occasione per parlare dell’importanza di una chirurgia sicura, tempestiva ed efficace nella cura della labiopalatoschisi.   Per il quarto anno consecutivo, Domenico Scopelliti, Vicepresidente Scientifico e chirurgo […]

Leggi

Geopolitica da bar

Geopolitica da bar

15 Maggio 2019: FONTE -Unione Stella d’Italia-

E’ risaputo che noi italiani siamo grandissimi politici, allenatori di calcio e tuttologi da bar o da poltrona del barbiere e quindi oggi mi sento anche io di dire due parole sulla romantica “Via della Seta” che ci riporta al Milione di Marco Polo, ai viaggi di Giovanni da Pian del Carpine, alla seta del Catai.

Devo fare una doverosa premessa: dei pochi amici intimi che ho tre sono cinesi, uno abita a Taiwan, l’altro a Hong Kong e il terzo in Australia. Sono un ammiratore della cultura cinese e della sua storia e, avendo passata una ventina d’anni in Asia, ritengo di avere una sia pur marginale conoscenza della Cina contemporanea.

Mi chiedo quindi se tutto questo timore nei confronti del colosso economico cinese sia giustificato o se non sia solo un ennesimo prepotente tentativo americano di imporre i loro interessi ai nostri.

Guardiamo con attenzione alla Cina, paese che ha mantenuto l’apparato iconografico del comunismo ma che ha, di fatto, restaurato l’impero e abbracciato una forma di capitalismo particolarmente dinamico.

Per prima cosa dobbiamo notare che il popolo cinese non è un popolo aggressivo. Sono grandi lavoratori, eccellenti uomini d’affari, gente pragmatica e capace.

Le loro capacità militari, sulla carta imponenti, mi lasciano alquanto perplesso visto che ricordo bene quando nel 1979 Pechino decise che i loro protetti vietnamiti andassero puniti e invasero il paese confinante, dopo una serie di imbarazzanti sconfitte stabilirono, sempre con il loro noto pragmatismo, di dichiarare che il loro scopo era stato raggiunto e che quindi potevano ritirarsi mantenendo salvo l’onore.

Precedentemente c’erano state scaramucce con i sovietici, la guerra di Corea e dei micro conflitti incentrati sulla proprietà delle isole Spratly, degli scogli intorno ai quali però c’è il petrolio. In tutte quelle occasioni l’esercito popolare cinese (PLA) non ha brillato per competenza o risolutezza.

Dobbiamo quindi credere che la Cina sia un paese disarmato? No certo che no, è un paese potentemente armato ma diciamo che si tratta di un gigante potentemente armato ma tendenzialmente pacifico.

Confrontiamoli con gli americani, paese potentemente armato e potentemente aggressivo, un paese che ha destabilizzato il mondo arabo, che ha rovesciato decine di governi, che ha messo lo zampino ovunque ci fosse da difendere non un impero terrestre ma un impero economico.

A me francamente la Cina non impensierisce, sono certo che i nuovi ricchi cinesi, che sono centinaia di milioni, sono ben felici di comprare generi di lusso europei e di bere i nostri vini pregiati. Se poi ci rifileranno le loro merci di qualità infima in cambia beh, pazienza, abbiamo i nostri poveri a cui queste merci inferiori fanno comodo visto che grazie alle politiche dell’Unione Europea non possono permettersi di meglio.

Ma la Cina non esporta più solo prodotti da un euro, magari tossici. Io uso un telefono cinese e lo reputo migliore di quelli prodotti negli Stati Uniti o in Corea. La Cina è oggi una grande potenza tecnologica ed è lì che gli americani si incazzano, si sentono minacciati nel loro predominio tecnologico, industriale e economico.

Ma a noi che siamo andati già contro i nostri interessi avallando le ridicole sanzioni alla Russia, un paese che invece è amico dell’Italia, a noi conviene baciare ancora la pantofola americana e rinunciare a un rapporto privilegiato con un paese con cui abbiamo più punti in comune che differenze?

Italia e Cina sono portatori di una grande cultura, fari di civiltà nel mondo. entrambe i popoli sono lavoratori, intraprendenti, amanti della famiglia, casinisti, amanti della buona tavola e poco propensi a farsi ammazzare in guerra.

Sarebbe ora di smettere di guardare agli Stati Uniti come a una potenza amica e riconoscere che dalla fine della guerra in poi abbiamo pagato loro un pesante pedaggio per la democrazia che hanno portato in Italia. Ora abbiamo delle alternative, abbiamo potenze che non ci considererebbero delle colonie economiche, la Russia e la Cina non sono nostre nemiche, non ci impongono nulla, non si immischiano nei nostri affari interni e non pretendono di insegnarci a stare al mondo. Vogliono solo fare affari con noi…vi sembra poco?

Andrea Marrone

Una risposta a Geopolitica da bar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *