Esercito

ESERCITO: UN NUOVO SISTEMA DI ADDESTRAMENTO PER LA “PINEROLO”

10 Dicembre 2019: FONTE – Brigata Meccanizzata “Pinerolo” –   Un nuovo munizionamento non letale ha reso ancora più aderente alla realtà operativa odierna le attività del personale della Brigata Meccanizzata “Pinerolo”, qualificato per la scorta e tutela VIP, che si è addestrato per circa due settimane in terra pugliese. L’obiettivo è stato quello di […]

Leggi

Marina Militare

LA FREGATA MARTINENGO HA EFFETTUATO UNA SOSTA A LARNACA

10 Dicembre 2019: FONTE – Marina Militare – La fregata Federico Martinengo della Marina Militare ha effettuato una sosta nel porto di Larnaca, Cipro. Nave Martinengo, sta conducendo un operazione di pattugliamento nel Mar Mediterraneo Orientale per svolgere attività di presenza e sorveglianza degli spazi marittimi, in rispetto del diritto internazionale e a tutela degli […]

Leggi

Aeronautica Militare

INTELLIGENZA ARTIFICIALE, AERONAUTICA MILITARE E LEONARDO INSIEME PER L’INNOVAZIONE

10 Dicembre 2019: FONTE – Aeronautica Militare –   Giovani start-up, sviluppatori e ricercatori in una maratona tecnologica per presentare soluzioni di assistenza virtuale ai sistemi ed equipaggiamenti aeronautici. L’iniziativa vede anche il coinvolgimento di Oracle in qualità di partner tecnologico.   Un approfondimento sulle enormi potenzialità dell’Intelligenza Artificiale applicata ai sistemi aeronautici sarà al […]

Leggi

 

Video

 

Carabinieri

IL CALENDARIO CITES 2020

10 Dicembre 2019: FONTE – Comando Generale Arma Carabinieri –   La tutela delle specie italiane e dei loro habitat protetti dai Carabinieri   Questa mattina, presso la Fondazione Bioparco di Roma, alla presenza del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri Giovanni Nistri e del Gen. C.A. Ciro D’Angelo, Comandante delle Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari […]

Leggi

Polizia di Stato

SICUREZZA STRADALE: UN CENTRO DI ECCELLENZA PER DIMINUIRE GLI INCIDENTI

10 Dicembre 2019: FONTE – Polizia di Stato – Competenze e professionalità diverse per ridurre gli incidenti stradali. Questo è lo scopo del Centro di eccellenza per la sicurezza stradale, reso operativo da un protocollo firmato oggi a Roma da Polizia di Stato, Sapienza università di Roma, Fondazione Ania e Asl Roma1. Alla cerimonia di […]

Leggi

Guardia di Finanza

MAXI OPERAZIONE ANTIDROGA - 10 ARRESTI E 22 PROVVEDIMENTI CAUTELARI

10 Dicembre 2019: FONTE – Guardia di Finanza Comando Provinciale di Venezia –   Dalle prime ore di oggi la Guardia di Finanza di Venezia sta eseguendo l’ordinanza con cui il G.I.P. presso il Tribunale del capoluogo lagunare ha disposto provvedimenti restrittivi della libertà personale nei confronti di 32 soggetti, ritenuti responsabili, a vario titolo, […]

Leggi

Altre Istituzioni

LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE E TUTELA DEL MADE IN ITALY

10 Dicembre 2019: FONTE – Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Leonardo da VINCI” di Martina Franca –   Mercoledì 11 dicembre 2019 alle ore 14.30, si terrà il secondo incontro del ciclo di conferenze “LEALTA’ E RISPETTO DELLE REGOLE” – VIII Edizione,  organizzato dall’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Leonardo da VINCI” di Martina Franca in collaborazione con […]

Leggi

Il risveglio del Dragone

Il risveglio del Dragone

03/02/2019: FONTE -Stella d’Italia News-

Mentre nella nostra sfortunata penisola si discute se fare o meno la TAV il mondo va avanti e lo fa in una maniera che dovrebbe preoccupare ma si preferisce concentrarsi su chi guiderà il carrozzone azzoppato del PD oppure ascoltare quello che i balbuzienti epigoni del berlusconismo blaterano sperando che qualcuno, almeno i parenti più stretti, li ascolti e diano loro ancora credito.

Credo di non essere stato il solo a pensare che Donald Trump avesse interrotto l’interventismo americano nel mondo cominciato con la Prima Guerra Mondiale per concentrarsi sul suo paese. In effetti lo ha fatto e ha risolto molte cose, ha snellito la burocrazia, rilanciato l’economia e, in generale, migliorato la vita dell’americano medio anche se, così facendo, ha scontentato molti. Il mio giudizio su di lui fino a questo punto è stato positivo anche se devo dire che la persona non mi piace. Non deve piacere a me, è americano e quindi deve piacere, o non piacere, agli americani.

Il passo di uscire dal patto di non proliferazione nucleare e missilistica è stato un brusco cambiamento di rotta rispetto alla sua politica concentrata sul suolo americano. L’utilità dei missili è quella di essere un deterrente contro altri paesi, una pistola puntata e carica contro avversari e concorrenti.

Immediatamente anche la Russia di Putin ha abbandonato il patto e la Cina ha avvertito che ci saranno “conseguenze”. E’ stato Putin stesso a chiarire la mossa statunitense che lui ha definito in funzione anti cinese.

La guerra commerciale tra USA e Cina è un fatto acclarato e si manifesta come una serie di tariffe, dazi e proibizioni varie che le due super potenze economiche si stanno scambiando vicendevolmente, delle due paradossalmente quella che sembra essere sfavorita dal pendolo del tempo è l’America, un mercato saturo che fa sempre più fatica a assorbire i nuovi prodotti e superata dalla ricerca tecnologica e innovativa dalla Cina che, oltre a produrre a basso prezzo prodotti eccellenti come qualità e contenuto tecnologico ha anche un mercato interno recettivo e enorme per numero di potenziali consumatori.

A questa supremazia commerciale e tecnologica l’America di Trump ha cercato di mettere un freno con gli impedimenti ad accedere al suo mercato interno, ha verificato che queste misure alla fine non solo non erano sufficienti ma addirittura danneggiavano le esportazioni americane e quindi ora cerca altre soluzioni e, essendo americani, la soluzione spiccia della minaccia missilistica sembra essere ora la carta da giocare.

Potrà funzionare? Difficile dirlo, la Russia sicuramente ne avrà un danno economico importante, il paese è in crisi, ha dovuto recentemente alzare l’IVA e aumentare le tasse e la corsa agli armamenti è costosa. La soluzione allora potrà essere quella di offrire a paesi amici della Russia le nuove armi prodotte e sappiamo bene che spesso i paesi amici della Russia non sono propriamente paesi amanti della pace o rispettosi dei loro vicini.

Anche la Cina, paese eminentemente mercantile, potrà esportare le sue nuove armi che saranno perfino migliori dal punti di vista tecnologico sia di quelle americane che di quelle russe e sicuramente più economiche. Immagino quindi che una serie di paesi definiti “canaglia” possano accedere a missili a medio raggio e questo potrà scatenare guerre locali fin troppo vicino a noi, mi riferisco al Vicino Oriente già ora sconvolto da guerre, ribellioni e conflitti più o meno a bassa intensità.

Di fronte a questo scenario dove i protagonisti saranno cinesi, russi e americani la ridicola Europa dei burocrati di Bruxelles che sembra solo intenta a trovare modi per impoverire gli europei pare destinata a subire una accelerazione del suo declino oltre che a ritrovarsi vaso di coccio tra vasi di ferro, accozzaglia di paesi sostanzialmente disarmati che saranno costretti a subire decisioni altrui oltre a rischiare di essere il terreno su cui un conflitto globale verrà combattuto.

Andrea Marrone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *