Esercito

FERRAGOSTO DI LAVORO PER 20.000 SOLDATI

14 Agosto 2019: FONTE – Stato Maggiore Esercito – L’ESERCITO IMPEGNATO IN OPERAZIONI IN PATRIA E ALL’ESTERO   Roma, 14 agosto. L’Esercito, con circa 20.000 soldati, è impegnato a Ferragosto in numerose attività operative, in Italia e all’estero. Quasi 3.300 soldati sono impegnati all’estero, in 16 Paesi, in missioni sotto egida ONU, UE e NATO, […]

Leggi

Marina Militare

MARINA MILITARE: RECORD GIORNALIERO DI VISITATORI AL CASTELLO ARAGONESE DURANTE IL PERIODO DI FERRAGOSTO

16 Agosto 2019: FONTE – Marina Militare Comando Marittimo Sud – Taranto – Nel giorno di Ferragosto, nel pieno periodo estivo, il Castello Aragonese, la cui gestione è affidata al Comando Marittimo Sud, ha registrato il record giornaliero, il più alto numero di visitatori durante una sola giornata. Un totale di 2609; di cui 960 di […]

Leggi

Aeronautica Militare

LOTTA AGLI INCENDI: CONTINUA L'IMPEGNO DELL’AERONAUTICA MILITARE IN SICILIA

14 Agosto 2019: FONTE – Aeronautica Militare – Sganciate dall’inizio dell’estate oltre 100 tonnellate di acqua dagli elicotteri del soccorso aereo   Dieci incendi domati, oltre 100 mila litri di acqua sganciati e quasi trenta ore di volo dall’inizio dell’estate: questo un primo bilancio dell’attività degli elicotteri del soccorso aereo dell’Aeronautica Militare nella campagna antincendi […]

Leggi

 

Video

 

Carabinieri

IL COMANDANTE GENERALE DELL’ARMA DEI CARABINIERI, GENERALE DI CORPO D’ARMATA GIOVANNI NISTRI IN VISITA AI REPARTI DELL’ARMA DISLOCATI NEL TERRITORIO DI CASTEL VOLTURNO (CE)

16 Agosto 2019: FONTE – Arma dei Carabinieri Comando Provinciale Caserta – Il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Generale di Corpo d’Armata Giovanni NISTRI, si è recato, nella prima mattinata di ieri 15 agosto, in visita ai Reparti dell’Arma dislocati nel territorio di Castel Volturno (CE). Il Generale NISTRI, dopo essere stato accolto dal Comandante […]

Leggi

Polizia di Stato

TORINO: TOPI D’APPARTAMENTO SORPRESI IN AZIONE

16 Agosto 2019: FONTE – Polizia di Stato – Strani movimenti vicino ai portoni dei palazzi di un quartiere semi-deserto di Torino, il giorno di Ferragosto, hanno insospettito i residenti rimasti in città che hanno chiamato il Nue. L’equipaggio di una volante della Questura ha fermato due uomini di nazionalità georgiana che a bordo di un’auto presa […]

Leggi

Guardia di Finanza

LA SICUREZZA ECONOMICO-FINANZIARIA NON VA IN VACANZA. NEGLI ULTIMI DUE MESI, RAFFORZATI I CONTROLLI NELLE ZONE TURISTICHE

13 Agosto 2019: FONTE – Comando Generale Guardia di Finanza – I risultati in breve: 768 venditori abusivi individuati 483 lavoratori senza contratto o pagati con somme “fuori busta”, di cui 24 minori. Denunciati 56 datori di lavoro 256 casi di affitti “in nero” scoperti: irregolare il 63% dei controlli quasi 1 milione e mezzo […]

Leggi

Altre Istituzioni

DESME’

24 Luglio 2019: FONTE – Alessandro Macchi – Centro Studi Piemontesi-Ca dè Stùdi Piemontèis –   Desmè è parola piemontese antica, forse originaria delle “terre alte”, che dice del potere interiore di far rivivere in assoluta attualità emotiva momenti mai dimenticati, ma pacatamente riposti nel fondo della memoria. In “Desmé” colpisce innanzi tutto la capacità […]

Leggi

Commercio e territorio

Commercio e territorio

30 Novembre 2018: FONTE -Unione Stella d’Italia-

Ieri ho avuto il piacere di pranzare con alcuni amici in uno dei più suggestivi ristoranti di Chiavari, in Liguria. La giornata era splendida, un sole tiepido, qualche barca di pescatori sotto costa, coppie con i passeggini in passeggiata, una delle poche non devastate dalle mareggiate dello scorso mese.

Mentre parlavamo della situazione politica e sociale del nostro Paese non ho potuto fare a meno di pensare come il commercio di qualità e la difesa del territorio siano indissolubilmente legati.

Locali come quello in cui ci siamo riuniti portano lustro, producono reddito e occupazione, creano le premesse per la circolazione delle persone che è il primo antidoto contro il degrado e la delinquenza spicciola e gratificano chi li frequenta.

Però questo fatto non è sempre chiaro per una burocrazia ottusa, permeata da un certo senso di invidia sociale e soprattutto convinta che il commerciante sia sempre e comunque un personaggio da punire, reprimere, mettere sotto accusa. Infatti quel bellissimo posto, dotato di una cucina d’eccellenza e di una cantina invidiabile, di un personale attento, cortese e competente viene sottoposto a una serie di controlli dove, quando si risulta in regola con una cosa, immediatamente se ne va a ricercare un’altra con l’apparente logica del “scava scava e qualcosa salterà fuori”.

Indubbiamente vista la selva di leggi, leggine, regolamenti, norme, usi e consuetudini temo che nessun imprenditore, piccolo o grande che sia, possa essere sempre e completamente nelle regole.

Una vecchia strategia dello stato, complicare le cose per impedire di essere in regola, schierare contro i commercianti una forza d’urto di codicilli contraddittori che lo mettano alla mercé dell’interpretazione di chi lo sta controllando.

Penso e credo che sarebbe ora di finirla, sarebbe ora di semplificare veramente, non come hanno fatto i governi precedenti che per semplificare immettevano altre complicazioni in un sistema allucinante che avrebbe fatto la felicità letteraria di Kafka.

Punire i commercianti sempre e comunque rende tutti più poveri, costringe i commercianti a cercare di aggirare le regole nella impossibilità di adempiere in pienezza ad esse, costringe lo stato a rincorrere con multe assurde i commercianti spesso spendendo più di quello che incassa visto che mette i multati nella impossibilità di pagare a causa degli importi marziani, aumenta i costi e quindi punisce anche i consumatori facendo la felicità di due sole categorie di professionisti, guarda caso categorie da cui provengono moltissimo deputati e senatori: avvocati e commercialisti.

Sarebbe ora di smettere di essere tanto distanti dal popolo dei commercianti da sembrare gendarmi asburgici alla ricerca perenne di cavilli per punire, punire, punire. Lasciamo respirare il commercio, lasciamo che i commercianti continuino a essere un elemento imprescindibile del decoro urbano.

Andrea Marrone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *