Esercito

VENTENNALE DELL’INGRESSO IN KOSOVO DEL CONTINGENTE ITALIANO

20 Settembre 2019: FONTE – Stato Maggiore Esercito –   Il Capo di SME presente alle celebrazioni   Caserta, 20 settembre 2019. Conclusa con una cerimonia militare in piazza Carlo II, alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Generale di Corpo d’Armata Salvatore FARINA, del Comandante Generale dell’Arma del Carabinieri Generale di Corpo d’armata […]

Leggi

Marina Militare

I PALOMBARI DELLA MARINA MILITARE CONTINUANO IN MANIERA ININTERROTTA LE OPERE DI BONIFICA A MOLA DI BARI (BA), NEL LAGO DI BRACCIANO (RM) E NEL LAGO DI VARNA (BZ)

19 Settembre 2019: FONTE – Marina Militare –   Dal 1° gennaio 2019 sono già 35.440 gli ordigni esplosivi neutralizzati   Dall’11 settembre 2019 i Palombari del Gruppo Operativo Subacquei (GOS) del Comando Subacquei ed Incursori della Marina Militare (Comsubin), distaccati presso i Nuclei SDAI (Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi) di Taranto, La Spezia ed Ancona hanno […]

Leggi

Aeronautica Militare

ACCADEMIA AERONAUTICA: GLI ALLIEVI SALUTANO IL NUOVO COMANDANTE

19 Settembre 2019: FONTE – Aeronautica Militare – Dopo due anni trascorsi alla guida dell’Accademia, il Generale Degni cede il comando dell’Istituto al Generale Tarantino   Si è svolta mercoledì 18 settembre, sul piazzale delle Medaglie d’Oro dell’Accademia Aeronautica di Pozzuoli, la cerimonia di avvicendamento tra il Generale di Divisione Aerea Enrico Degni e il Generale di Brigata Aerea Paolo Tarantino quale nuovo Comandante dell’Istituto. La cerimonia […]

Leggi

 

Video

 

Carabinieri

ORTONA – VASTA OPERAZIONE DI CONTROLLO DEL TERRITORIO: MULTE AGLI ESERCIZI PUBBLICI E UN ARRESTO

20 Settembre 2019: FONTE – LEGIONE CARABINIERI “ABRUZZO E MOLISE” Comando Provinciale di Chieti – Ha visto impegnati 30 militari dell’Arma, tra cui un’unità antidroga del Nucleo Cinofili di Chieti, personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Chieti e del N.A.S. di Pescara, la vasta operazione di controllo del territorio messa in atto ieri […]

Leggi

Polizia di Stato

TORINO: SCONTRI PER SGOMBERO CENTRO SOCIALE, IDENTIFICATI GLI AUTORI

20 Settembre 2019: FONTE – Polizia di Stato – Quattordici misure cautelari emesse dalla procura della Repubblica di Torino sono state eseguite questa mattina dagli uomini della Digos nei confronti di militanti anarchici che lo scorso 9 febbraio si son resi responsabili degli scontri durante l’operazione “Scintilla”: lo sgombero dello storico centro sociale “Asilo”. Tre persone sono […]

Leggi

Guardia di Finanza

OPERAZIONE CARTHAGO - SGOMINATO TRAFFICO INTERNAZIONALE DI DROGA TRA MAROCCO, SPAGNA, SVIZZERA, OLANDA ED ITALIA

19 Settembre 2019: FONTE – Guardia di Finanza Comando Provinciale Trento – Lo spaccio anche a pochi passi da scuole e piazze di Trento e Bolzano. Indagati settantatré narcotrafficanti, fra i quali esponenti della camorra e della “quarta mafia foggiana”. Quindici gli arresti eseguiti dalle Fiamme Gialle in varie località d’Italia e all’estero. Sequestrati oltre […]

Leggi

Altre Istituzioni

DESME’

24 Luglio 2019: FONTE – Alessandro Macchi – Centro Studi Piemontesi-Ca dè Stùdi Piemontèis –   Desmè è parola piemontese antica, forse originaria delle “terre alte”, che dice del potere interiore di far rivivere in assoluta attualità emotiva momenti mai dimenticati, ma pacatamente riposti nel fondo della memoria. In “Desmé” colpisce innanzi tutto la capacità […]

Leggi

Uscire dall’Euro?

Uscire dall'Euro?

11 Ottobre 2014: FONTE -Unione Stella d’Italia-

In una kermesse da strapaese popolata dal popolo del Mulino Bianco, quelli che fissano gli occhi cerulei al cielo sfoggiando sorrisi ebeti e che vivono in un mondo provo di discariche, di OGM, di energia nucleare, di TAV e dove tutti, ma proprio tutti, percepiscono un reddito perché sono al mondo e il mondo si deve prendere cura di loro, un esagitato barbuto promette un referendum per l’uscita dell’Italia dall’Euro.

Bene, non è neppure originale il barbuto, un altro figuro, con una barba molto più misera di lui ma di colore diverso, per intenderci è nera e non verde come si potrebbe supporre, conciona su questo argomento le folle di una regione del mondo partorita dalla fantasia di chi andava sul Monviso a raccogliere con ampolle l’acqua sacra del Po per poi non si sa bene cosa farne.

La moneta unica, l’Europa unita, il Mercato Comune Europeo per questi individui sono momenti sciagurati da superare.

Indubbiamente dall’Europa Unita e dal Mercato Comune abbiamo avuto benefici e penalizzazioni però, se andiamo ad analizzare i costi e i ricavi in maniera anche grossolana l’uscita dell’Italia dall’area dell’Euro sarebbe per la nostra fragile economia un disastro epocale.

A mio avviso, modesto avviso, si intende, il problema dell’Italia non è l’Euro. il problema dell’Italia è la saldatura di diverse problematiche a cui nessuno sembra dare il peso necessario: La corruzione, vedi Mose o Expo, la burocrazia, vedi i soldi destinati dal 2001 a mettere in sicurezza Genova e mai impiegati, la generale inefficace della macchina statale e il disinteresse colpevole di una classe politica autoreferenziale e manifestamente incapace di rispondere adeguatamente alle immense problematiche economiche e sociali che il popolo italiano sta affrontando da solo.

Questa però è la mia opinione che ricapitolo dicendo che uscire dall’Euro sarebbe un errore imperdonabile ma che, trascinati dal populismo becero o dal tornacontismo elettorale potrebbe essere anche quello che scaturirebbe da un referendum ordito da mestatori. Indubbiamente avremmo bisogno di rimodulare molte delle politiche europee che hanno visto prosperate la Germania Uber Alles e devastare le economie più deboli, non un prodotto dell’Euro ma un prodotto di una Europa germanocentrica e ottusa.

Dal momento che l’Unione Stella D’Italia ha nel suo statuto il compito di presentare delle proposte, elaborate con sistemi democratici, invito tutti i nostri associati a esprimere un loro parere in merito, questo parere, ulteriormente elaborato dalle nostre commissioni sfocerà in un documento che sarà poi la posizione ufficiale dell’Unione, posizione che faremo valere in tutte le sedi competenti sempre nello spirito di piena democrazia, di dialogo e di collaborazione con le Istituzioni.

Andrea Marrone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *