Esercito

TIRATORI SCELTI IN ADDESTRAMENTO

23 Aprile 2019: FONTE – Stato Maggiore Esercito – Perfezionamento del tiro a distanza, autovalutazione dei nuclei tiratori scelti attraverso l’utilizzo delle differenti armi in dotazione e condotta di un’attività di orienteering notturna con addestramento a stazioni. È stato questo lo scopo della “Devil’s bullseye”, l’esercitazione per tiratori scelti condotta dall’8 al 18 aprile nel […]

Leggi

Marina Militare

MARINA MILITARE: COMMEMORAZIONE DEL 74° ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE D’ITALIA

23 Aprile 2019: FONTE – Marina Militare Comando Marittimo Sud – Il prossimo 25 aprile, alle ore 10.00, presso Piazza della Vittoria, la Marina Militare in collaborazione con il Comune di Taranto, celebrerà il 74° Anniversario della Liberazione d’Italia dal nazifascismo, per ricordare coloro che hanno sacrificato la propria vita per assicurare un futuro prospero […]

Leggi

Aeronautica Militare

NELLA NOTTE DI PASQUA DUE VOLI PER SALVARE DUE UOMINI IN PERICOLO DI VITA

23 Aprile 2019: FONTE – Aeronautica Militare – L’elicottero HH139 dell’82° Centro C.S.A.R. di Trapani è decollato dalla base siciliana per trasportare un uomo in imminente pericolo di vita da Lipari (ME) ed un altro da Marettimo (TP) Nella notte di Pasqua, un elicottero  HH-139A dell’82° Centro C.S.A.R. (Combat Search and Rescue – Ricerca e […]

Leggi

 

Video

 

Carabinieri

AMBIENTE: INDAGATE 13 PERSONE PER REATI DI DISASTRO AMBIENTALE E UNA MISURA CAUTELATE DEGLI ARRESTI DOMICILIARI

23 Aprile 2019: FONTE – Comando Generale Arma Carabinieri – Carabinieri NOE di Potenza – In data odierna, a conclusione di una lunga e complessa attivita’ investigativa svolta attraverso accertamenti tecnici, indagini tradizionali, consulenze tecniche e l’acquisizione e lo studio di una ponderosa documentazione – su disposizione della Procura della Repubblica di Potenza, che ha coordinato le indagini• […]

Leggi

Polizia di Stato

RAGUSA: MINACCIAVA I FAMILIARI PER LA DROGA, ARRESTATO STALKER

23 Aprile 2019: FONTE – Polizia di Stato – Gli agenti della Squadra mobile di Ragusa hanno arrestato un uomo di anni 46 anni, con l’accusa di estorsione e stalking ai danni della madre e dei fratelli. L’attività investigativa della Mobile ragusana è iniziata due mesi fa su richiesta della procura della Repubblica, per accertare i fatti relativi alla […]

Leggi

Guardia di Finanza

SICUREZZA PRODOTTI: SEQUESTRATI A ROMA OLTRE 9 MILIONI DI ARTICOLI PERICOLOSI, PRONTI A ESSERE VENDUTI PER LE FESTIVITÀ PASQUALI, E DENUNCIATI 4 RESPONSABILI

20 Aprile 2019: FONTE – Guardia di Finanza Comando Provinciale Roma – I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma, nei giorni scorsi, hanno sottoposto a sequestro oltre 9 milioni di articoli pericolosi per la salute dei consumatori e non conformi alle norme, denunciando 4 soggetti cinesi all’Autorità Giudiziaria capitolina. Nell’ambito dell’intensificazione […]

Leggi

Altre Istituzioni

ANNIVERSARIO UNITA NAZIONALE DELLA COSTITUZIONE DELL’INNO DELLA BANDIERA INAUGURAZIONE MUSEO REALIZZATO DAL COORDINAMENTO GIOVANI ALPINI SEZIONE ALTO ADIGE E GRUPPO ALPINI LAIVES

17 Marzo 2019: FONTE – Sezione Alpini Alto Adige – Grandi soddisfazione oggi per la Sezione Alpini Alto Adige che oltre a partecipare come negli anni scorsi alla cerimonia dell’unità Nazionale della Costituzione organizzata dal comune di Laives quest’anno ha realizzato tramite il Coordinamento Giovani Alpini della Sezione il museo per il Centenario della fine […]

Leggi

Rubavano nei centri commerciali, 10 arresti a Cuneo

Rubavano nei centri commerciali, 10 arresti a Cuneo

18 Febbraio 2013 : FONTE – Polizia di Stato –

“Tesoro mi fai la spesa?”. Era una delle frasi in codice che utilizzavano gli appartenenti a un gruppo di criminali specializzati nel rubare articoli di ogni genere in alcuni centri commerciali di Cuneo.

L’indagine della Squadra mobile ha portato all’arresto di dieci persone, accusate a vario titolo di furto, ricettazione, detenzione illegale di armi da guerra e munizioni.

Tra gli arrestati ci sono cinque ex dipendenti dell’istituto di vigilanza che gestisce la sicurezza negli esercizi commerciali interessati dai furti, nonché tre donne, due delle quali nomadi di etnia Sinti. Gli ultimi due arrestati, di origine campana, sono stati trovati nell’immobile abitato da una delle ladre e utilizzato come magazzino di stoccaggio della refurtiva.

L’attività di indagine dell’operazione “Mano lesta” è iniziata nel mese di ottobre scorso ed è durata circa due mesi, durante i quali gli agenti della Mobile, attraverso intercettazioni telefoniche, ambientali, appostamenti e pedinamenti, hanno accertato il modus operandi della banda.

Tutto ruotava intorno ai cinque operatori addetti all’antitaccheggio che indicavano alle tre complici il materiale più interessante da rubare. Le donne prelevavano la merce e la portavano fuori senza essere controllate dai complici.

Un certo livello di furti è fisiologico, ma dal giugno scorso erano aumentati in maniera sospetta, tanto da far richiedere l’intervento della polizia. I responsabili dei centri commerciali hanno calcolato un ammanco di merce per oltre 60mila euro, da giugno a novembre.

L’analisi degli investigatori ha evidenziato che all’interno dei due centri commerciali colpiti dai furti operavano gli stessi operatori di sicurezza, che sono stati subito “attenzionati” dai poliziotti. Dalle intercettazioni è emerso che le guardie infedeli ricevevano in cambio beni di varia natura, tra cui alimenti, alcolici e soprattutto oggetti tecnologici.

Durante la perquisizione dell’abitazione di una delle ladre arrestate, gli uomini della Mobile hanno trovato un vero e proprio magazzino pieno di merce rubata nonché una piccola “Santa Barbara” composta da un mitragliatore “Uzi”, una pistola semiautomatica e due revolver di provenienza furtiva, munizioni di vario calibro, caricatori, passamontagna e targhe false.

Nell’immobile c’erano anche i due partenopei arrestati, uno dei quali marito di una delle ladre e destinatario di un mandato di arresto europeo per reati commessi in Spagna.

Sono in corso ulteriori indagini tecniche sulle armi sequestrate per accertare il loro eventuale utilizzo in episodi delittuosi .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *