Esercito

Laureati gli ufficiali del corso "Tenacia"

04 Agosto 2020: FONTE -Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito – Si è tenuta nella caserma “Alessandro Riberi” la cerimonia di consegna dei diplomi di Laurea Magistrale in Scienze Strategiche e Militari a centoventidue Ufficiali frequentatori del 197° corso “TENACIA” ed a nove studenti civili del corso di Laurea Magistrale in Scienze […]

Leggi

Marina Militare

I Palombari della MM bonificano residuati bellici pericolosi

31 luglio 2020: FONTE -Marina Militare- Dal 27 al 31 Luglio 2020 i Palombari del Gruppo Operativo Subacquei (GOS) del Comando Subacquei ed Incursori della Marina Militare (Comsubin), distaccati presso il Nucleo SDAI (Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi) di Taranto, sono intervenuti sul litorale di San Vito (TA) per condurre una delicata operazione subacquea tesa a […]

Leggi

Aeronautica Militare

Una colonia estiva per minori a Latina in collaborazione con l'Aeronautica

31 luglio 2020: FONTE -4ª Brigata Telecomunicazioni e Sistemi per la Difesa Aerea e l’Assistenza al Volo- Anche per quest’anno così particolare, i bambini e i ragazzi del Centro Minori “Stefano Bottoni” di Latina Scalo hanno potuto trascorrere la loro vacanza estiva sulla spiaggia del litorale pontino di Foce Verde. Tutto questo è stato possibile […]

Leggi

 

Video

 

Carabinieri

Comprano souvenir con una carta di credito rubata

10 Agosto 2020: FONTE -Comando provinciale Carabinieri di Foggia- Forte e costante in questo periodo l’impegno dei Carabinieri della Stazione delle Isole Tremiti, che dopo un mite inizio di stagione hanno visto giungere sull’Arcipelago notevoli flussi di visitatori, diportisti e turisti, che lì approdano provenienti dai porti di Peschici, Vieste e Termoli. Le attività commerciali […]

Leggi

Polizia di Stato

SICUREZZA: SERVIZI DI POLIZIA CON LA NUOVA YAMAHA SPORT TOURER

29 Luglio 2020: FONTE – Polizia di Stato –   La “partnership” tra la Polizia di Stato e la Yamaha, già positivamente collaudata con la fornitura delle moto d’acqua per i reparti speciali, si arricchisce ancora con la fornitura di moto per i servizi di Polizia. Con il programma “Yamaha for Police” la Polizia di […]

Leggi

Guardia di Finanza

Sequestrati manufatti di avorio

06 agosto 2020: FONTE -GdF Comando Prov.le di Torino- Sequestrati una ventina di manufatti ricavati dalle zanne d’elefante e dal corallo rosso destinati al mercato clandestino. La Guardia di Finanza di Torino denuncia una coppia di imprenditori. È quello che si sono trovati davanti i Finanzieri del Gruppo Pronto Impiego Torino in occasione di una […]

Leggi

Altre Istituzioni

AL VIA IL 23° WEEKEND CLINIC DELLA SMILE HOUSE ROMA OSPITATO ALLA CLINICA PARIOLI

28 Maggio 2020: FONTE – Fondazione Operation Smile Italia Onlus – Brizzi Comunicazione s.r.l. –   Tre criteri per rispondere al Covid-19: tempestività, qualità e sicurezza    Dopo l’interruzione forzata dovuta all’emergenza coronavirus riprendono i weekend clinic della Smile House Roma anche se in trasferta presso la Casa di Cura Parioli.   “Perché Marco, Ciro, […]

Leggi

I Palombari della MM bonificano residuati bellici pericolosi

I Palombari della MM bonificano residuati bellici pericolosi

31 luglio 2020: FONTE -Marina Militare-

Dal 27 al 31 Luglio 2020 i Palombari del Gruppo Operativo Subacquei (GOS) del Comando Subacquei ed Incursori della Marina Militare (Comsubin), distaccati presso il Nucleo SDAI (Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi) di Taranto, sono intervenuti sul litorale di San Vito (TA) per condurre una delicata operazione subacquea tesa a rimuovere e distruggere una bomba d’aereo da 500 libbre, due proiettili di medio calibro da 80 mm e 1 spoletta di prossimità, tutte risalenti alla seconda guerra mondiale.

L’attività di bonifica è stata richiesta dalla Prefettura di Taranto a seguito della segnalazione, da parte di un privato cittadino alla locale Capitaneria di Porto, sulla presenza in acqua di un grande manufatto, riconducibile ad un residuato bellico, nei pressi della diga dell’Arenile di San Vito ad una profondità a meno di 3 metri.

Gli ordigni esplosivi, delicatamente rimossi, sono stati rimorchiati a distanza fino a raggiungere una zona di sicurezza, individuata dalla competente Autorità Marittima, dove sono stati distrutti attraverso le consolidate procedute in uso al Gruppo Operativo Subacquei tese a preservare l’ecosistema marino.

 

È necessario ricordare che questi manufatti possono essere molto pericolosi e pertanto non devono essere toccati o manomessi in alcun modo, ma ne va denunciato immediatamente il ritrovamento alla locale Capitaneria di Porto o alla più vicina stazione dei Carabinieri, così da consentire l’intervento dei palombari di Comsubin al fine di rispristinare le condizioni di sicurezza del nostro mare.

Questi interventi rappresentano una delle tante attività che i Reparti Subacquei della Marina conducono a salvaguardia della pubblica incolumità anche nelle acque interne, come ribadito dal Decreto del Ministero della Difesa del 28 febbraio 2017, svolgendo operazioni subacquee ad alto rischio volte a ripristinare le condizioni di sicurezza della balneabilità e della navigazione a favore della collettività.

Chiunque dovesse imbattersi in oggetti con forme simili a quelle di un ordigno esplosivo o parti di esso, non deve in alcun modo toccarli o manometterli, denunciandone il ritrovamento, il prima possibile, alle autorità di polizia competenti.

Lo scorso anno i Palombari della Marina Militare hanno recuperato e bonificato oltre 72.000 ordigni esplosivi di origine bellica rinvenuti e neutralizzati nei mari, fiumi e laghi italiani.

Con una storia di 170 anni alle spalle, i Palombari del Comsubin rappresentano l’eccellenza nazionale nell’ambito delle attività subacquee essendo in grado di condurre immersioni lavorative fino a 1.500 metri di profondità a mezzo ROV (veicoli filoguidati dalla superficie) oppure fino a 300 metri con intervento umano ed in qualsiasi scenario operativo, nell’ambito dei propri compiti d’istituto (soccorso agli equipaggi dei sommergibili in difficoltà e la neutralizzazione degli ordigni esplosivi rinvenuti in contesti marittimi) ed a favore della collettività.

Per queste peculiarità gli operatori subacquei delle altre Forze Armate e Corpi Armati dello Stato possono essere formarti esclusivamente dal Gruppo Scuole di COMSUBIN che, attraverso dedicati percorsi formativi, li abilita a condurre immersioni secondo le rispettive competenze.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *