Esercito

SANIFICAZIONE AL CARCERE DI SAN SEVERO (FG)

01 Giugno 2020: FONTE – Brigata Meccanizzata “Pinerolo” –   I militari foggiani intervengono a supporto della Casa Circondariale di San Severo(FG)   Il 21° Reggimento artiglieria di Foggia, unità dell’Esercito inquadrata nella Brigata Meccanizzata “Pinerolo” di Bari, continua il suo impegno sul territorio in piena sinergia con le Istituzioni locali. In particolare nella Città […]

Leggi

Marina Militare

AL VIA LA TERZA FASE DELLA CAMPAGNA FARI 2020

29 Maggio 2020: FONTE – Marina Militare –   La Spezia – Ieri mattina, con la partenza dalla base navale di La Spezia di Nave Tavolara, unità della classe MTF – Moto Trasporto Fari, ha preso il via la terza fase della Campagna Fari 2020, attività che la Marina Militare svolge a favore della comunità […]

Leggi

Aeronautica Militare

50.000 ORE DI VOLO PER I PREDATOR DI AMENDOLA

29 Maggio 2020: FONTE – Aeronautica Militare –   Raggiunto il significativo traguardo delle 50.000 ore di volo dai Predator (MQ-9 e MQ-1) del 32° Stormo   Dopo i primi voli effettuati nel 2004 negli U.S.A., dove gli equipaggi italiani si sono inizialmente addestrati e qualificati, le Streghe del 28° Gruppo Volo hanno dimostrato da subito di poter […]

Leggi

 

Video

 

Carabinieri

CERIGNOLA (FG): EVASIONE, FURTI, RESISTENZA A PUBBLICO UFFICIALE. 7 ARRESTI DEI CARABINIERI

01 Giugno 2020: FONTE – Comando Provinciale Carabinieri di Foggia –   Sono sette gli arresti eseguiti dai Carabinieri, a Cerignola, durante la settimana appena trascorsa.   I militari della locale Stazione hanno arrestato in flagranza per il reato di evasione un 65enne del posto. L’uomo, che si trovava agli arresti domiciliari per furto aggravato, […]

Leggi

Polizia di Stato

POSTALE: ATTENZIONE AL “VISHING”

30 Maggio 2020: FONTE – Polizia di Stato –   Attenzione al “Vishing”: addebiti non autorizzati sulle carte di credito attraverso raggiri via telefono. La polizia Postale avvisa che sono in aumento le denunce di cittadini che sono stati contattati telefonicamente da finti operatori bancari o di società emittenti carte di credito che, riferendo di presunte “anomalie” […]

Leggi

Guardia di Finanza

POLIZIA DI STATO E GUARDIA DI FINANZA: SIGILLI AL PATRIMONIO DI ESPONENTE DI UN NOTO CLAN DI SAN SEVERO

 29 Maggio 2020: FONTE – Comando Generale della Guardia di Finanza –   Nell’ambito di specifica attività volta al contrasto della criminalità organizzata ramificata nel territorio della Capitanata, la Polizia di Stato e la Guardia di Finanza, nella prima mattinata di oggi stanno dando esecuzione ad una misura di prevenzione patrimoniale del sequestro anticipato d’urgenza […]

Leggi

Altre Istituzioni

AL VIA IL 23° WEEKEND CLINIC DELLA SMILE HOUSE ROMA OSPITATO ALLA CLINICA PARIOLI

28 Maggio 2020: FONTE – Fondazione Operation Smile Italia Onlus – Brizzi Comunicazione s.r.l. –   Tre criteri per rispondere al Covid-19: tempestività, qualità e sicurezza    Dopo l’interruzione forzata dovuta all’emergenza coronavirus riprendono i weekend clinic della Smile House Roma anche se in trasferta presso la Casa di Cura Parioli.   “Perché Marco, Ciro, […]

Leggi

I 40 ANNI DI ITALAIR

I 40 ANNI DI ITALAIR

27 Luglio 2019: FONTE – Stella d’Italia News –

 

Testo Stefano Reduzzi

Foto ITALAIR e Lara Reduzzi

 

Storia

 

Lo “Squadrone Elicotteri ITALAIR”, così designato quarant’anni fa, è l’unità dislocata nei pressi della cittadina di Naqoura (il cui nome locale è “An Nāqūrah” ) dal 3 luglio del 1979, per adempiere alle risoluzioni 425 e 426/1978 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che, successivamente, diedero vita a UNIFIL (United Nations Interim Force in Lebanon), con il mandato di ristabilire la pace e la sicurezza internazionale e assistere il Governo del Libano nella ripresa della sua effettiva autorità sul territorio, in ossequio a quanto prescritto dalla ”Letter Of Assist” (LOA), ovvero il documento con il quale il governo italiano si impegna a fornire assetti aerei alla missione delle Nazioni Unite nel “paese dei cedri”.

A seguito dell’escalation del conflitto israelo-libanese del 2006, le Nazioni Unite, con la risoluzione 1701 dello stesso anno, estendevano le competenze di UNIFIL, ampliandone il mandato nel monitorare la cessazione delle ostilità tra i due Paesi lungo la Blue Line (la linea di demarcazione, lunga 120 km, tra Libano ed Israele), per assistere le Forze Armate libanesi e supportare la popolazione locale.

La più longeva missione di peacekeeping italiana il 2 e 3 luglio ha celebrato la sua quarantennale presenza nel teatro libanese nonché l’unità UNIFIL con il servizio ininterrotto più lungo nella missione.

All’inizio ITALAIR era a livello Squadrone, montato su quattro AB-204B e 34 unità tra equipaggi e personale di supporto, che sostituì norvegese.

A quel tempo UNIFIL stava muovendo i suoi primi passi sotto le risoluzioni ONU adottate dal Consiglio di sicurezza nel marzo 1978. Il compito principale era quello di collegare rapidamente i battaglioni schierati nella zona operativa con il quartier generale dell’UNIFIL a Naqoura.

Nel 1982 gli AB-204B furono sostituiti da cinque AB-205 (aumentati a sei il 15 dicembre 1984) e il personale venne di conseguenza incrementato a 50 unità. Nell’ottobre del 1999, lo squadrone Elicotteri ITALAIR passò alle dirette dipendenze del Comando Aviazione dell’Esercito (precedentemente dipendeva invece dal 1° Reggimento AVES “Antares”).

Dopo la guerra israelo-libanese del 2006 e la conseguente Risoluzione n. 1701 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (agosto 2006), lo Squadrone Elicotteri ITALAIR è stato aggiornato al livello Task Force e l’equipaggio è stato aumentato a 65 unità.

Nell’aprile 2007 sono stati schierati altri due elicotteri AB-412 e nel gennaio 2008 quattro AB-212 hanno sostituito la linea di volo AB-205, rientrati per l’occasione in Italia. Nel 2009 l’AB-412 lasciò il Libano e da allora la linea di volo è composta da sei AB-212.

La Task Force è un’unità congiunta, basata sul 2 ° Reggimento AVES “Sirio” con sede a Lamezia Terme (CZ). Equipaggi di volo e soldati provengono principalmente dall’Esercito Italiano, con la partecipazione di personale della Marina e dell’Aeronautica, ai quali da qualche decennio si è aggiunta anche una componente di sicurezza composta da militari dell’Arma dei Carabinieri.

Attualmente il Comandante della Task Force ITALAIR ed Italian National Contingent Commander di Naqoura è il Colonnello pilota dell’aviazione dell’esercito Luca Piperni.

 

Dislocazione ed Organizzazione

 

L’unità si trova nella sede di Naqoura. Nel cosiddetto “Campo vecchio” (Old Camp) si trova il quartier generale della Task Force e la componente di supporto, mentre nell’area denominata “Collina Verde” (Green Hill) è situato il gruppo di attività insieme a tutti gli elementi di supporto di volo e l’eliporto con 9 piazzole, di cui una concessa per la sosta di un elicottero Mil.

La Task Force impiega piloti, specialisti, tecnici operatori di bordo, personale antincendio e personale di supporto. Il Comandante della Task Force ha alle dipendenze un ufficiale addetto alla Sicurezza del Volo, uno di collegamento (ALO – Air Liaison Officer) per le attività condotte a Beirut, varie cellule operative come S1 (personale), S2 (informazioni), S3 (operazioni), S4 (logistica) e, infine, il gruppo di attività di volo con il Task Group ITALAIR, componente operativa della Task Force.

 

Compiti

 

ITALAIR fornisce supporto aereo a UNIFIL in termini di beni per le ali rotanti. I compiti della Task Force sono originati da una Lettera di assistenza e dalle Risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite 1701 e 2373.

In dettaglio, la Task Force assicura i seguenti compiti:

 

– CASEVAC / MEDEVAC: NTM in 30 minuti giorno e notte, 24 ore su 24, 7 giorni su 7 insieme al team medico       francese chiamato AMET (Air Medical Evacuation Team);

– MULTITASK: NTM (Notice To Move) in 30 minuti durante il giorno e 60 minuti durante la notte, 24/7. Si tratta di    una risorsa in grado di condurre tutte le missioni di volo non programmate, come lo schieramento urgente di beni /    carichi, il trasporto del team investigativo, il trasporto urgente dei dirigenti, le attività antincendio e così via;

– Oltre ai compiti sopra menzionati, ITALAIR supporta UNIFIL con le seguenti capacità:

– Ricognizione, pattugliamento e osservazione della Linea Blu e oltre l’AoO (Area di Funzionamento);

– Trasporto del personale (civile e militare) e dei materiali;

– Missioni di collegamento;

– Missioni S.A.R.;

– Missioni antincendio.

 

A dimostrazione dell’importanza e della prontezza dell’attività di ITALAIR, nel momento della cerimonia che si svolgeva nell’ippodromo di Tiro, a causa di un’emergenza medica, un nostro elicottero è decollato per trasportare urgentemente il malato grave al locale ospedale, confermando così l’efficienza e la peculiarità di questo nostro Reparto.

 

AB-212

 

L’elicottero AB-212, attualmente utilizzato in Libano, è in grado di eseguire l’intero spettro di missioni di volo assegnate alla Task Force ITALAIR. È stato costruito dalla società Agusta su licenza della Bell Helicopter Company. È di tipo bimotore con un rotore principale a doppia pala. La sua velocità massima è di 130 nodi e la durata del volo è fino a 1 ora e 50 ‘(può essere estesa a 3 ore con serbatoi interni supplementari).

Con gli elicotteri avuti in dotazione, in quarant’anni di attività ininterrotta, ITALAIR ha volato oltre 42.000 ore di volo nei cieli del Libano e di Israele, ha effettuato oltre 1.800 missioni di evacuazione di emergenza e trasportato circa 170.000 persone, tra cui molte personalità importanti e un Santo (San Giovanni Paolo II nel 1997).

 

Quarantennale

 

La cerimonia del quarantennale di ITALAIR si è svolta nella base di Naqoura il giorno 2 luglio a cui hanno aderito quasi tutti i militari che nei mesi precedenti, unitamente al loro comandante Ten. Col. Giancarlo Zacà, si sono prodigarti per organizzare al meglio l’evento. Per l’occasione è stata allestita una mostra fotografica che illustrava la storia dello Squadrone, dai primi voli sino al giorno d’oggi, immortalando le situazioni più significative della vita lavorativa e del volo dei nostri militari. A rappresentare il Comando AVES era presente il Brig. Gen. Giuseppe Benvenuto, comandante del Sostegno AVES.

Vi hanno partecipato, giunti appositamente dall’Italia per l’importante anniversario, 39 “Veterani” tra ufficiali e sottufficiali, piloti e specialisti, oggi non più in servizio attivo, che negli anni si sono avvicendati nella compagine di ITALAIR, compresi anche 4 ex-comandanti.

Successivamente vi è stata la commemorazione dei caduti dell’incidente di volo del 6 agosto del 1997, occorso all’AB205 UN-281, costato la vita a 3 membri dell’equipaggio e a 2 passeggeri, a cui hanno partecipato anche i parenti delle vittime. Intenso e commovente è stato infatti il momento della benedizione della lapide in ricordo dei caduti di ITALAIR fatta dal cappellano militare don Paolo Solidoro ricordando i nomi del Capitano Antonino Sgrò, del Tenente Giuseppe Parisi, del Maresciallo Capo Massimo Gatti, dell’appuntato dei Carabinieri Daniel Forner e del Sergente irlandese John Lynch che, durante lo svolgimento di una missione di volo notturno, persero la vita nei pressi del villaggio di Bint Jbeil.

Va ricordato anche che un simile episodio, fortunatamente senza vittime, si registrò già nel 1995, quando un altro AB205 UN-274 fu colpito dalla contraerea di Hezbollah, provocando un incendio a bordo e costringendo il velivolo ad atterrare in emergenza, con l’equipaggio che una volta al suolo, venne attaccato dalla forze nemiche. L’elicottero venne distrutto alcuni giorni dopo con dell’esplosivo (come previsto dalle normative italiane) dal Ten. Col. Felice Visalli, ritornato in libertà dopo essere stato trattenuto dalla forze ostili come prigioniero, in cambio della liberazione del resto dell’equipaggio.

 

Cerimonia a Tiro

 

Mentre nella serata del 3 luglio, per celebrare l’importante ricorrenza del quarantennale, si è tenuta una cerimonia commemorativa presso le antiche vestigia romane dell’ippodromo di Tiro, alle quale hanno preso parte, oltre alle autorità locali militari e civili, l’ambasciatore d’Italia in Libano S.E. Massimo Marotti, l’Head of Mission e Force Commander di UNIFIL Generale di Divisione Stefano Del Col, il comandante del Settore Ovest di UNIFIL e comandante del contingente italiano in Libano.

Dopo lo schieramento delle varie compagnie del nostro contingente, la fanfara della Brigata Aosta ha intonato l’inno di Mameli, a cui è seguito il passaggio degli AB 212 ed il discorso del Gen. Del Col. Ma il momento che ha suscitato uno scrosciante applauso di tutti gli intervenuti è stata l’esibizione del coro dei ragazzi locali che, vestiti nei colori del tricolore italiano, hanno eseguito con maestria noti motivi di musica leggera italiana ed alcune canzoni popolari libanesi.

La giornata è poi terminata con un conviviale organizzato dai nostri militari in cui anche i civili libanesi vi hanno preso parte ed hanno così condiviso con i nostri caschi blu una serata in amicizia, a dimostrazione di quanto sia ancora l’attaccamento e la riconoscenza della popolazione libanese verso i nostri uomini in divisa, in particolar modo verso quelli di ITALAIR, un’amicizia radicata e ben salda da quarant’anni.

 

Credits

L’autore desidera ringraziare il Ten. D’Ippolito e il Cap. Dossi per il supporto ricevuto durante la visita ad UNIFIL-ITALAIR.

 

TESTO E FOTOGRAFIE DI PROPRIETÀ –  TESTO STEFANO REDUZZI – FOTO ITALAIR E LARA REDUZZI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *