Esercito

VENTENNALE DELL’INGRESSO IN KOSOVO DEL CONTINGENTE ITALIANO

20 Settembre 2019: FONTE – Stato Maggiore Esercito –   Il Capo di SME presente alle celebrazioni   Caserta, 20 settembre 2019. Conclusa con una cerimonia militare in piazza Carlo II, alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Generale di Corpo d’Armata Salvatore FARINA, del Comandante Generale dell’Arma del Carabinieri Generale di Corpo d’armata […]

Leggi

Marina Militare

I PALOMBARI DELLA MARINA MILITARE CONTINUANO IN MANIERA ININTERROTTA LE OPERE DI BONIFICA A MOLA DI BARI (BA), NEL LAGO DI BRACCIANO (RM) E NEL LAGO DI VARNA (BZ)

19 Settembre 2019: FONTE – Marina Militare –   Dal 1° gennaio 2019 sono già 35.440 gli ordigni esplosivi neutralizzati   Dall’11 settembre 2019 i Palombari del Gruppo Operativo Subacquei (GOS) del Comando Subacquei ed Incursori della Marina Militare (Comsubin), distaccati presso i Nuclei SDAI (Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi) di Taranto, La Spezia ed Ancona hanno […]

Leggi

Aeronautica Militare

ACCADEMIA AERONAUTICA: GLI ALLIEVI SALUTANO IL NUOVO COMANDANTE

19 Settembre 2019: FONTE – Aeronautica Militare – Dopo due anni trascorsi alla guida dell’Accademia, il Generale Degni cede il comando dell’Istituto al Generale Tarantino   Si è svolta mercoledì 18 settembre, sul piazzale delle Medaglie d’Oro dell’Accademia Aeronautica di Pozzuoli, la cerimonia di avvicendamento tra il Generale di Divisione Aerea Enrico Degni e il Generale di Brigata Aerea Paolo Tarantino quale nuovo Comandante dell’Istituto. La cerimonia […]

Leggi

 

Video

 

Carabinieri

ORTONA – VASTA OPERAZIONE DI CONTROLLO DEL TERRITORIO: MULTE AGLI ESERCIZI PUBBLICI E UN ARRESTO

20 Settembre 2019: FONTE – LEGIONE CARABINIERI “ABRUZZO E MOLISE” Comando Provinciale di Chieti – Ha visto impegnati 30 militari dell’Arma, tra cui un’unità antidroga del Nucleo Cinofili di Chieti, personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Chieti e del N.A.S. di Pescara, la vasta operazione di controllo del territorio messa in atto ieri […]

Leggi

Polizia di Stato

TORINO: SCONTRI PER SGOMBERO CENTRO SOCIALE, IDENTIFICATI GLI AUTORI

20 Settembre 2019: FONTE – Polizia di Stato – Quattordici misure cautelari emesse dalla procura della Repubblica di Torino sono state eseguite questa mattina dagli uomini della Digos nei confronti di militanti anarchici che lo scorso 9 febbraio si son resi responsabili degli scontri durante l’operazione “Scintilla”: lo sgombero dello storico centro sociale “Asilo”. Tre persone sono […]

Leggi

Guardia di Finanza

OPERAZIONE CARTHAGO - SGOMINATO TRAFFICO INTERNAZIONALE DI DROGA TRA MAROCCO, SPAGNA, SVIZZERA, OLANDA ED ITALIA

19 Settembre 2019: FONTE – Guardia di Finanza Comando Provinciale Trento – Lo spaccio anche a pochi passi da scuole e piazze di Trento e Bolzano. Indagati settantatré narcotrafficanti, fra i quali esponenti della camorra e della “quarta mafia foggiana”. Quindici gli arresti eseguiti dalle Fiamme Gialle in varie località d’Italia e all’estero. Sequestrati oltre […]

Leggi

Altre Istituzioni

DESME’

24 Luglio 2019: FONTE – Alessandro Macchi – Centro Studi Piemontesi-Ca dè Stùdi Piemontèis –   Desmè è parola piemontese antica, forse originaria delle “terre alte”, che dice del potere interiore di far rivivere in assoluta attualità emotiva momenti mai dimenticati, ma pacatamente riposti nel fondo della memoria. In “Desmé” colpisce innanzi tutto la capacità […]

Leggi

SCORIE DA FOSFORO: TRE DIRIGENTI SYNDIAL INDAGATI PER DISASTRO AMBIENTALE E GESTIONE DI DISCARICA ABUSIVA DI RIFIUTI PERICOLOSI

SCORIE DA FOSFORO: TRE DIRIGENTI SYNDIAL INDAGATI PER DISASTRO AMBIENTALE E GESTIONE DI DISCARICA ABUSIVA DI RIFIUTI PERICOLOSI

13 Giugno 2019: FONTE – Comando Generale Arma Carabinieri – Carabinieri del NOE di Sassari –

I Carabinieri del N.O.E. di Sassari coordinati dalla  Procura della Repubblica Sassarese, al termine di complesse ed approfondite indagini, avviate fin dal 2015, a seguito del rinvenimento da parte dei militari, di una vasta area di quattro ettari, adibita a discarica di rifiuti speciali pericolosi  (scarti di processi chimici del fosforo e scorie fosforose con presenza anche di “radionuclidi naturali”) nel polo petrolchimico, in area denominata “palte fosfatiche” ubicata all’interno della zona gestita dalla Syndial S.p.a., ricadente nel S.I.N. (Sito Interesse Nazionale), oggetto di operazioni di bonifica ambientale, già sottoposta a sequestro preventivo, hanno notificato l’avviso di conclusione indagini e informazione di garanzia, emesso dalla citata Autorità Giudiziaria, a carico di tre dirigenti della società del Gruppo ENI, specializzata nelle attività di bonifiche ambientali di siti industriali.

L’ipotesi accusatoria è quella di aver realizzato e gestito nella citata area, dal 2011 al giugno 2015, una discarica non autorizzata di rifiuti speciali pericolosi, cosi commettendo un fatto diretto a causare un disastro ambientale, dal quale poteva derivare un pericolo per la pubblica incolumità, consentendo anche lo sversamento nella falda e sul terreno delle acque di dilavamento.

Nel sito interessato, sono state avviate, le operazioni di bonifica.

 

TESTO E FOTOGRAFIA DI PROPRIETÀ – COMANDO GENERALE ARMA CARABINIERI – CARABINIERI DEL NOE DI SASSARI –

 

ABBIAMO RICEVUTO E PUBBLICHIAMO INTEGRALMENTE IN CALCE LA POSIZIONE E PRECISAZIONE DI ENI SPA

“In merito alle notizie stampa relative all’indagine dei Carabinieri del NOE di Sassari riguardo all’area industriale di Porto Torres, Syndial (Eni) ribadisce la propria totale estraneità e quella dei propri dirigenti coinvolti, per tutte le ipotesi di reato prospettate dalla Procura della Repubblica di Sassari che vedono al momento contestati i reati di realizzazione e gestione di discarica non autorizzata, di disastro ambientale e getto pericoloso di cose e per i quali la società sarebbe indagata ai sensi del D.Lgs 231.

Le condotte oggetto di indagine sono riferibili a passate gestioni, certamente precedenti al subentro di Eni e di Syndial nella proprietà del sito e certamente non attribuibili all’operato della società o di suoi dipendenti. Le indagini poste in essere dall’azienda escludono la presenza di una situazione di rischio ambientale sia nell’area in questione, sia nelle aree limitrofe.

Si precisa, inoltre, che l’area oggetto di indagine rientra nel Progetto operativo di bonifica “Progetto Nuraghe – Fase 2″, attualmente in fase di istruttoria funzionale all’emanazione del decreto di autorizzazione definitivo da parte del Ministero dell’Ambiente”.

ENI SPA

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *