Esercito

LA BRIGATA “PINEROLO” COMPIE OGGI 198 ANNI

13 Novembre 2019: FONTE – COMANDO BRIGATA “PINEROLO” –   La Brigata “Pinerolo” compie oggi 198 anni, infatti il 13 novembre 1821 il reggimento “Saluzzo”, che tra 1672 ed 1738 era stato protagonista di battaglie epiche non solo sulla penisola italica ma anche al di fuori di essa, con decreto reale fu trasformato in Brigata […]

Leggi

Marina Militare

MARINA MILITARE: IL CASTELLO ARAGONESE RAGGIUNGE IL TRAGUARDO DI UN MILIONE DI VISITATORI

11 Novembre 2019: FONTE – Marina Militare Comando Marittimo Sud –   La prima attrazione culturale della città, e una delle prime della Regione Puglia, celebrerà l’evento in Piazza d’Armi   Taranto – Il Castello Aragonese taglierà l’importante traguardo di “un milione di visitatori” dalla data di apertura al pubblico avvenuta il 21 marzo 2005. […]

Leggi

Aeronautica Militare

AERONAUTICA, DOPPIO INTERVENTO SALVA VITA NEL CUORE DELLA NOTTE PER DUE PICCOLE PAZIENTI

23 Ottobre 2019: FONTE –  Aeronautica Militare –   Due trasporti sanitari urgenti sono stati effettuati nella notte a favore di una bimba di cinque anni e una neonata di 3 giorni   Un velivolo C-130J della 46^ Brigata Aerea di Pisa e un Falcon 900 del 31° Stormo di Ciampino si sono alzati in […]

Leggi

 

Video

 

Carabinieri

SEQUESTRO RECORD DI COCAINA AL PORTO DI GIOIA TAURO (RC): TRA LE BANANE, NASCOSTI QUASI 1.200 KG DI SOSTANZA PURISSIMA

14 Novembre 2019: FONTE – Comando Generale Arma Carabinieri –   Lunedi mattina, i carabinieri del R.O.S. e del comando provinciale di Reggio Calabria, unitamente ai finanzieri del comando provinciale della Guardia di Finanza, con il supporto dei funzionari dell’Agenzia delle dogane di Gioia Tauro e il concorso operativo di funzionari Europol hanno sequestrato 1.176 […]

Leggi

Polizia di Stato

DROGA E SPARI: 6 ARRESTI NEI QUARTIERI POPOLARI DI TRAPANI

14 Novembre 2019: FONTE – Polizia di Stato –   Operazione “Reset” della Squadra mobile di Trapani contro lo spaccio di droga nei quartieri popolari di Milo e Palme. Il risultato è di sei persone arrestate e tre sottoposte a obbligo di dimora. Gli indagati sono tutti responsabili di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. […]

Leggi

Guardia di Finanza

OPERAZIONE MENSA DEI POVERI

14 Novembre 2019: FONTE – Guardia di Finanza Comando Provinciale di Varese –   CORRUZIONE E TRUFFA AI DANNI DEL BILANCIO DELL’UNIONE EUROPEA: LA GUARDIA DI FINANZA DI MILANO E DI BUSTO ARSIZIO ESEGUE MISURE CAUTELARI PERSONALI NEI CONFRONTI DI 3 PERSONE.   Nella mattinata odierna, nell’ambito dell’operazione “Mensa dei poveri”, finanzieri del Nucleo Polizia […]

Leggi

Altre Istituzioni

E’ PARTITA VARDIREX

07 Novembre 2019: FONTE – ANA Associazione Nazionale Alpini – L’esercitazione sulla maxi-emergenza che coinvolge Esercito, Marina, Dipartimento di Protezione Civile, Guardia Costiera, Vigili del Fuoco, Guardia di Finanza, Enti Locali ed Associazione Nazionale Alpini   VARDIREX 2019 – INIZIO TRA ESERCITAZIONI E IMPIEGHI REALI SI CONCLUDE LA PRIMA GIORNATA   Avviata oggi la fase […]

Leggi

L’HUB DELLA NATO ORGANIZZA UNA CONFERENZA SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI

L’HUB DELLA NATO ORGANIZZA UNA CONFERENZA SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI

31 Maggio 2019: FONTE – JFC Naples –

 

L’Hub di Direzione Strategica della NATO per il Sud e il Comando Supremo Alleato alla Trasformazione hanno organizzato una Giornata di Studio dal titolo “L’impatto dei cambiamenti climatici sulla stabilità in Medio Oriente e Nord Africa” tenutasi il 30 maggio 2019, a Napoli.

La NATO mantiene un elevato livello di interesse nella stabilità di Medio Oriente e Nord Africa perché questa aumenta il livello di sicurezza in Europa.

L’HUB ritiene che, tra le varie sfide globali, i cambiamenti climatici rappresentino una sfida che, pur non richiedendo interventi militari, ha implicazioni di sicurezza.

Gli accademici locali, esperti di settore e rappresentanti di organizzazioni internazionali che hanno partecipato alla giornata di studio si prefiggevano di aiutare la NATO a capire come i cambiamenti climatici possano influenzare la stabilità in Medio Oriente e in Nord Africa.

Relatrice di punta è stata S.E. l’Ambasciatrice Josefa Correia Sacko, Commissario per l’Economia e l’Agricolutura Rurale dell’Unione Africana.

L’Ambasciatrice Sacko è annoverata tra le 100 personalità mondiali piú influenti in fatto di politiche climatiche nel 2019.

“L’Africa è il continente piú vulnerabile ai cambiamenti climatici nonostante produca solo il 3,8% delle emissioni di gas serra” riferisce l’ambasciatrice Sacko “I Capi di Stato Africani hanno istituito tre commissioni sul clima al COP 22 del 2016, una per la Regione del Sahel, una seconda per il Bacino del Congo e la terza per gli Stati Isolani dell’Africa. La NATO puó contribuire in modo sostenibile allo sforzo teso a mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici mettendo fine alle fatali migrazioni di giovani africani verso l’Europa.”

La giornata di studio si e’ occupata di come i cambiamenti climatici possano provocare  trasformazioni sociali ed economiche e di come questo possa comportare delle sfide per la  sicurezza.

I cambiamenti climatici peggiorano gli attuali rischi sociali, economici ed ambientali, possono alimentare rivolte e sfociare in veri e propri conflitti.

I cambiamenti climatici aumentano le preoccupazioni legate alla sicurezza perché possono avere ripercussioni sulle risorse idriche ed alimentari, inasprire la corsa all’accaparramento delle risorse naturali, portare alla perdita di fonti di sostentamento, provocare disastri dovuti al clima, aumentare i flussi migratori e gli spostamenti in massa.

I paesi colpiti da una crisi sono piú vulnerabili ai rischi di sicurezza causati dai cambiamenti climatici.

Gli sforzi di stabilizzazione spesso non tengono conto dell’impatto dei cambiamenti climatici.

Nel contempo, la fragilità degli stati mette a repentaglio gli sforzi di adattamento ai cambiamenti climatici,specie nelle comunità piu’ vulnerabili.

Gli esperti militari della NATO e di molti dei suoi stati membri ritengono che i cambiamenti climatici siano un “moltiplicatore di minaccia” capace di inasprire le conseguenze della povertà cronica, della debolezza delle istituzioni nel gestire le risorse e ricomporre i conflitti, della persistente sfiducia tra comunità e nazioni e del livello inadeguato di accesso ad informazioni e risorse.

L’Africa è il continente piú vulnerabile ai cambiamenti climatici nonostante produca solo il 3,8% delle emissioni di gas serra.

I Capi di Stato Africani hanno istituito tre commissioni sul clima al COP 22 del 2016, una per la Regione del Sahel, una seconda per il Bacino del Congo e la terza per gli Stati Isolani dell’Africa.

La NATO puó contribuire in modo sostenibile allo sforzo teso a mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici mettendo fine alle fatali migrazioni di giovani africani verso l’Europa.

I cambiamenti climatici influiscono sulla disponibilità di risorse, hanno già provocato eventi migratori ed inasprito la corsa all’accaparramento di risorse limitate, soprattutto in alcuni punti caldi.

Il danno ambientale causato dai cambiamenti climatici oltrepassa i confini nazionali e il fatto che risorse quali l’acqua (si pensi ai fiumi, ai laghi, ecc.) spesso attraversano i confine,  offre un esempio tangibile di quanto sia urgente che i paesi cooperino alla soluzione di problemi comuni.

Vari rapporti governativi e pubblicazioni di gruppi di esperti hanno sottolineato come i cambiamenti climatici, se gestiti correttamente, possano rappresentare un’occasione senza precedenti di riavvicinamento tra antichi rivali geopolitici.

Potrebbe trattarsi di un sogno, certo, ma è senz’altro vero che esistono soluzioni capaci di mitigare i rischi e l’impatto dei cambiamenti climatici, sempre che i paesi abbiano la volontà politica di attuarle.

La giornata di studio ha dimostrato che la NATO, attraverso la sua Direzione Strategica dell’ HUB per il Sud, contribuisce all’ulteriore consolidamento di rapporti internazionali improntati alla pace e all’amicizia attraverso un rafforzamento di libere istituzioni nei paesi sui quali focalizza la propria attenzione e promuovendo condizioni di stabilità e di benessere.

TESTO E FOTOGRAFIA DI PROPRIETÀ JFC NAPLES –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *