Esercito

ESERCITO: I 158 ANNI DEL SERVIZIO VETERINARIO

26 Giugno 2019: FONTE – COMANDO LOGISTICO DELL’ESERCITO –   GROSSETO, 26 giugno 2019 – Il Comandante Logistico dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo, ha presenziato oggi a Grosseto alla cerimonia di commemorazione del 158° anniversario del Servizio Veterinario dell’Esercito, costituitosi il 27 giugno 1861 quando, all’indomani dell’Unità d’Italia, vennero riuniti sotto un […]

Leggi

Marina Militare

MARINA MILITARE: NAVE VESPUCCI IN SOSTA A LIVORNO

25 Giugno 2019: FONTE – Marina Militare Comando Marittimo Sud – Nel porto toscano, la nave scuola della Marina Militare imbarcherà gli Allievi dell’Accademia Navale per la campagna estiva 2019    La nave scuola Amerigo Vespucci dal 25 al 30 giugno farà sosta a Livorno dove imbarcherà i cadetti della Prima Classe dell’Accademia Navale. La […]

Leggi

Aeronautica Militare

ESERCITAZIONE: CONCLUSA IN POLONIA LA CAPABLE LOGISTICIAN

18 Giugno 2019: FONTE – Aeronautica Militare –   Un ruolo da protagonista per il personale dell’Aeronautica Militare nell’esercitazione multinazionale sull’interoperabilità dei sistemi logistici   Nel periodo compreso tra il 3 giugno e il 14 giugno 2019 il Drawsko Land Forces Training Centre polacco (350 km Nord-Ovest da Varsavia) ha ospitato una delle più importanti […]

Leggi

 

Video

 

Carabinieri

MAXI-OPERAZIONE DEI CARABINIERI CONTRO LA CAMORRA. 126 PROVVEDIMENTI CAUTELARI E SEQUESTRO DI BENI PER OLTRE 130 MILIONI DI EURO

26 Giugno 2019: FONTE – Comando Generale Arma Carabinieri –  Carabinieri del ROS – Comando Provinciale Carabinieri di Napoli – I Carabinieri del ROS e del Comando Provinciale di Napoli hanno arrestato 126 affiliati ai clan Contini, Mallardo e Licciardi, facenti parte della C.D. “Alleanza di Secondigliano”. La maxi-operazione ha interessato non solo la provincia […]

Leggi

Polizia di Stato

OPERAZIONE ANTIMAFIA IN EMILA ROMAGNA: 16 ARRESTI

25 Giugno 2019: FONTE – Polizia di Stato – Sedici appartenenti ad un gruppo criminale di ’Ndrangheta operante in Emilia Romagna sono stati arrestati oggi dalla Squadra mobile di Bologna in collaborazione con quella di Parma, Reggio Emilia, Piacenza e con il coordinamento del Servizio centrale operativo (Sco). Attraverso le continue attività tecniche durate circa […]

Leggi

Guardia di Finanza

OPERAZIONE BAD JUICE - SEQUESTRATI BENI PER UN VALORE DI OLTRE 6 MILIONI DI EURO

25 Giugno 2019: FONTE – Guardia di Finanza Comando provinciale di Pisa – Le indagini della Procura della Repubblica di Pisa hanno permesso di eseguire in data odierna 9 ordinanze di custodia cautelare in carcere e di sottoporre a sequestro n. 6 società, beni mobili e immobili per un valore complessivo di oltre 6.500.000 di […]

Leggi

Altre Istituzioni

IL DUO MOCERI-BONETTI DEL TEAM ALFA  ROMEO SI AGGIUDICA LA 1000 MIGLIA 2019

23 Maggio 2019: FONTE – Raffaele Fusilli/Stella d’Italia News Foto Mario Serranò Giovanni Moceri e Daniele Bonetti del Team Alfa Romeo si aggiudicano la 1000 Miglia 2019. Il duo a bordo di una Alfa Romeo 6C 1500 SS del 1928 – di proprietà del Museo Alfa Romeo di Arese – ha conquistato così la trentasettesima […]

Leggi

Franza o Spagna purché se magna

Franza o Spagna purché se magna

23 gennaio 2019: FONTE -Movimento Stella d’Italia-

E così l’Europa carolingia torna a ripresentarsi dopo molti secoli di oblio. Il grande stato che comprendeva gran parte della Francia e della Germania riprende forma anche se i tedeschi non sembrano troppo entusiasti dell’idea di un esercito comune tra le due potenze dominanti europee.

Oggi come oggi il patto tra Parigi e Berlino, fatto tra due leader moribondi e ampiamente delegittimati, appare come una presa di posizione anti italiana ed è indubbiamente l’Italia il terzo incomodo dell’Europa carolingia, l’Italia ha ancora molto da saccheggiare e gli appetiti di Parigi e Berlino soffrono a vedere Roma rialzare la testa.

È la Francia quella che ha la posizione migliore in Europa, il partito pro-francese è trasversale nell’accozzaglia affaristica e priva di scrupoli dell’opposizione. Abbiamo subito visto elementi di questa fazione francesizzante starnazzare petulanti sul crimine perpetrato dalla maggioranza nel dire la verità, e cioè che la Francia affama l’Africa, ne impedisce lo sviluppo, interviene militarmente per sorreggere regimi corrotti e compiacenti, sfrutta qualsiasi risorsa del continente africano senza nessun scrupolo e, contemporaneamente, fa la morale sull’accoglienza mentre respinge brutalmente donne e bambini africani abbandonandoli nei boschi al confine franco italiano. Confine ripetutamente violato dai gendarmi francesi a dimostrare la loro arroganza e prepotenza e, contemporaneamente, l’assoluta incapacità dei governi precedenti nel farsi rispettare.

Benché non siano propriamente un popolo di simpaticoni non è il popolo francese il nemico dell’Italia ma è l’establishment di Macron, il tetro Moscovici e i vari portavoce stizziti e maligni, i ministri puntigliosi a arroganti, la stampa asservita al regime crollante macroniano a essere nemici dell’Italia e, ovviamente, il grande capitale francese che è stato lasciato libero di saccheggiare la nostra economia, di comprare tutto quello che aveva un valore e che producesse reddito, reddito da portare a Parigi.

Saccheggiare l’Italia è stato da sempre un piacevole passatempo per i francesi, lo faceva Carlo Magno, lo hanno fatto i re francesi e poi l‘insuperabile ladro Napoleone che quando non riusciva a rubare altro si portava via perfino le campane delle chiese.

Ora però l’Italia ha cambiato atteggiamento e non ci sta più a farsi insultare e depredare, ora finalmente qualcuno ha il coraggio di dire in faccia ai francesi e al mondo quello che è sotto gli occhi di tutti: la politica criminale francese nei confronti dell’Africa.

Questo non piace ai prezzolati membri della fazione francese, ai complici della spoliazione dell’economia italiana, agli svenditori di aziende, a chi ha cercato di regalare alla Francia un tratto di Mediterraneo con annessi diritti di pesca e di ricerca mineraria, a chi ha scambiato lo sforamento del budget europeo per fare regali elettorali con l’onere di essere il solo paese ad accogliere i nuovi schiavi scaricati sulle nostre coste dagli scafisti criminali e dei loro complici, le famigerate ONG che ora tentano nuovamente di riprendere i loro loschi traffici marittimi.

Anche se questo governo ha nel suo interno delle contraddizioni insanabili, anche se in esso ci sono residui cattomarxisti e di complottisti nemici delle scie chimiche seguaci di uno che voleva far marciare i nostri veicoli diesel con l’olio di colza, nonostante questo riconosciamo ai giallo-verdi di avere finalmente le palle per affrontare da pari a pari l’arroganza franco-tedesca e di rivendicare per l’Italia il ruolo che le compete, quello di essere un partner primario nella costruzione di una nuova Europa, una Europa dei popoli e non della finanza, una Europa delle libertà e non dei vincoli, dei divieti, delle procedure di infrazione, della povertà indotta ad arte.

Andrea Marrone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *