Esercito

ESERCITO: I 158 ANNI DEL SERVIZIO VETERINARIO

26 Giugno 2019: FONTE – COMANDO LOGISTICO DELL’ESERCITO –   GROSSETO, 26 giugno 2019 – Il Comandante Logistico dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo, ha presenziato oggi a Grosseto alla cerimonia di commemorazione del 158° anniversario del Servizio Veterinario dell’Esercito, costituitosi il 27 giugno 1861 quando, all’indomani dell’Unità d’Italia, vennero riuniti sotto un […]

Leggi

Marina Militare

MARINA MILITARE: NAVE VESPUCCI IN SOSTA A LIVORNO

25 Giugno 2019: FONTE – Marina Militare Comando Marittimo Sud – Nel porto toscano, la nave scuola della Marina Militare imbarcherà gli Allievi dell’Accademia Navale per la campagna estiva 2019    La nave scuola Amerigo Vespucci dal 25 al 30 giugno farà sosta a Livorno dove imbarcherà i cadetti della Prima Classe dell’Accademia Navale. La […]

Leggi

Aeronautica Militare

ESERCITAZIONE: CONCLUSA IN POLONIA LA CAPABLE LOGISTICIAN

18 Giugno 2019: FONTE – Aeronautica Militare –   Un ruolo da protagonista per il personale dell’Aeronautica Militare nell’esercitazione multinazionale sull’interoperabilità dei sistemi logistici   Nel periodo compreso tra il 3 giugno e il 14 giugno 2019 il Drawsko Land Forces Training Centre polacco (350 km Nord-Ovest da Varsavia) ha ospitato una delle più importanti […]

Leggi

 

Video

 

Carabinieri

MAXI-OPERAZIONE DEI CARABINIERI CONTRO LA CAMORRA. 126 PROVVEDIMENTI CAUTELARI E SEQUESTRO DI BENI PER OLTRE 130 MILIONI DI EURO

26 Giugno 2019: FONTE – Comando Generale Arma Carabinieri –  Carabinieri del ROS – Comando Provinciale Carabinieri di Napoli – I Carabinieri del ROS e del Comando Provinciale di Napoli hanno arrestato 126 affiliati ai clan Contini, Mallardo e Licciardi, facenti parte della C.D. “Alleanza di Secondigliano”. La maxi-operazione ha interessato non solo la provincia […]

Leggi

Polizia di Stato

OPERAZIONE ANTIMAFIA IN EMILA ROMAGNA: 16 ARRESTI

25 Giugno 2019: FONTE – Polizia di Stato – Sedici appartenenti ad un gruppo criminale di ’Ndrangheta operante in Emilia Romagna sono stati arrestati oggi dalla Squadra mobile di Bologna in collaborazione con quella di Parma, Reggio Emilia, Piacenza e con il coordinamento del Servizio centrale operativo (Sco). Attraverso le continue attività tecniche durate circa […]

Leggi

Guardia di Finanza

OPERAZIONE BAD JUICE - SEQUESTRATI BENI PER UN VALORE DI OLTRE 6 MILIONI DI EURO

25 Giugno 2019: FONTE – Guardia di Finanza Comando provinciale di Pisa – Le indagini della Procura della Repubblica di Pisa hanno permesso di eseguire in data odierna 9 ordinanze di custodia cautelare in carcere e di sottoporre a sequestro n. 6 società, beni mobili e immobili per un valore complessivo di oltre 6.500.000 di […]

Leggi

Altre Istituzioni

IL DUO MOCERI-BONETTI DEL TEAM ALFA  ROMEO SI AGGIUDICA LA 1000 MIGLIA 2019

23 Maggio 2019: FONTE – Raffaele Fusilli/Stella d’Italia News Foto Mario Serranò Giovanni Moceri e Daniele Bonetti del Team Alfa Romeo si aggiudicano la 1000 Miglia 2019. Il duo a bordo di una Alfa Romeo 6C 1500 SS del 1928 – di proprietà del Museo Alfa Romeo di Arese – ha conquistato così la trentasettesima […]

Leggi

MOI: PRODUZIONE INDISTURBATA DI REATI A TORINO

MOI: PRODUZIONE INDISTURBATA DI REATI A TORINO

20 Gennaio 2019: FONTE – MOVIMENTO STELLA D’ITALIA –

Il Mercato Ortofrutticolo all’Ingrosso -MOI- di Torino fu traferito in altra area della città per permettere la realizzazione del villaggio olimpico quando il capoluogo piemontese diventò sede dei xx giochi olimpici invernali nel 2006. Il villaggio olimpico, un’area composta da numerose e gradevoli palazzine colorate, cessato la sua funzione di ospitare gli atleti passò sotto la gestione dall’amministrazione comunale che decise di destinare le abitazioni alle famiglie torinesi. Alcune palazzine furono occupate regolarmente dai cittadini torinesi altre invece furono abbandonate all’incuria.

Arrivata la voluta ondata migratoria gli edifici abbandonati furono occupati dai clandestini e richiedenti asilo che in massa si riversavano in città.

Nel sonno profondo delle Istituzioni all’interno degli edifici occupati in modo illegale si sviluppò indisturbata una fiorente industria dedita alla produzione di reati. All’interno dell’azienda denominata “ex MOI” si produce ancora oggi in grande quantità: spaccio di droga, prostituzione, ricettazione, furti, violenza privata, stupri, possesso di armi e vari reati contro il patrimonio e la persona omicidio compreso (naturale conseguenza della commissione di altri reati). Siccome gli affari all’interno dell “ex MOI” vanno a gonfie vele la potente e pericolosa mafia nigeriana ha mostrato interesse all’acquisizione della indisturbata “produzione” in larga scala dei reati iniziando a portare le proprie competenze ed esperienze nel settore.

Tutto questo avviene sotto gli occhi dei cittadini torinesi che non solo subiscono le esternalità delle fiorenti attività criminali ma devono pure pagare l’assistenza che le Istituzioni garantisce ai “lavoratori dell’azienda ex MOI”. Proprio così. Nel maggio 2017 è stato firmato un Protocollo d’intesa tra Comune di Torino, Città Metropolitana, Regione Piemonte, Prefettura, Diocesi e Compagnia di San Paolo che insieme al Ministero dell’Interno ha messo a disposizione ingenti risorse. Lo scopo di questo protocollo? Assistere i clandestini cercando di dare loro un’opportunità d’inclusione all’interno della società. Con l’omicidio di due giorni fa avvenuto all’interno delle palazzine “ex MOI” possiamo affermare che il progetto di assistenza sia fallito (cosa che poteva essere facilmente intuibile già all’atto della firma del protocollo).

Ormai il mostro creato ha raggiunto dimensioni troppo grande per essere gestito con i vari benevoli progetti di finta solidarietà o sgomberi dolci. Il mostro va abbattuto: sgombero risolutivo e, considerata la totale incapacità dimostrata dagli attuali gestori del problema che non sarebbero in grado di gestire un post-sgombero, si rende necessario anche l’abbattimento delle palazzine illegalmente occupate.

Nei prossimi giorni il MOVIMENTO STELLA d’ITALIA scriverà al sindaco di Torino e a chi dovrebbe garantire l’ordine e la legalità nelle aree di propria competenza per chiedere cosa intendono fare non per gli occupanti abusivi dell’”ex MOI” ma per i torinesi regolari che regolarmente assicurano mensilmente loro lo stipendio.

Emanuele LAINA

TESTO DI PROPRIETÀ – MOVIMENTO STELLA D’ITALIA –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *