Esercito

IL GENERALE FARINA IN VISITA AI MILITARI IN CAMPANIA

13 Settembre 2019: FONTE – Stato Maggiore Esercito – Il Capo di SME a Nola e Persano   La visita è iniziata al Polo di Mantenimento Pesante Sud dove, il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito accolto dal Direttore, Brigadier Generale Pietro Barbera, ha preso parte ad un briefing in cui sono state illustrate le molteplici attività dell’Ente. […]

Leggi

Marina Militare

RIPRENDE L’ADDESTRAMENTO DEI FUTURI COMANDANTI NELL’ANNO ADDESTRATIVO 2019/2020

12 Settembre 2019: FONTE – Marina Militare –   Lo scorso 9 settembre ha avuto inizio l’anno addestrativo 2019/2020 e nello specifico il percorso formativo che preparerà nove tenenti di vascello ad affrontare il loro primo Comando Navale. La 285^ sessione di Scuola Comando Navale, presso la base navale di Augusta, centro di eccellenza da 93 anni nella formazione […]

Leggi

Aeronautica Militare

AERONAUTICA, DIFESA AEREA: INTERCETTATO SUI CIELI DI VENEZIA ULTRALEGGERO TEDESCO SENZA PIANO DI VOLO

13 Settembre 2019: FONTE – Aeronautica Militare – Un caccia F-2000 Eurofighter dell’Aeronautica Militare, in prontezza per il servizio di sorveglianza dello spazio aereo, si è alzato rapidamente in volo ieri mattina dalla base aerea di Istrana (TV), sede del 51° Stormo, per intercettare un ultraleggero tedesco decollato dall’Austria e diretto in Italia senza essere […]

Leggi

 

Video

 

Carabinieri

TRAFFICO ILLEGALE DI RIFIUTI DALL’ITALIA AL NORD AFRICA

13 Settembre 2019: FONTE –  Comando Generale dei Carabinieri – Carabinieri del NOE di Ancona – TRAFFICO ILLEGALE DI RIFIUTI DALL’ITALIA AL NORD AFRICA: I CARABINIERI DEL NOE DI ANCONA UNITAMENTE ALL’AGENZIA DELLE DOGANE ESEGUONO MAXI SEQUESTRO DI 27.000 KG DI RIFIUTI DI VARIO GENERE ED UN INGENTE QUANTITATIVO DI RAEE (RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE […]

Leggi

Polizia di Stato

MATERA: INAUGURATA LA MOSTRA FOTOGRAFICA “FRAMMENTI DI STORIA”

13 Settembre 2019: FONTE – Polizia di Stato –   Dal 13 al 17 settembre 2019, anche a Matera si potrà ammirare la mostra fotografica “Frammenti di Storia. L’Italia attraverso le impronte, le immagini e i sopralluoghi della Polizia Scientifica”. L’esposizione è stata inaugurata questa mattina alla presenza del direttore Centrale anticrimine della Polizia di Stato, […]

Leggi

Guardia di Finanza

CONTROLLI SUI VIADOTTI AUTOSTRADALI - ESEGUITA UNA ORDINANZA CHE COMPRENDE 9 MISURE CAUTELARI

13 Settembre 2019: FONTE – Guardia di Finanza Comando Provinciale di Genova – I militari del I Gruppo della Guardia di Finanza di Genova, coordinati dalla locale Procura della Repubblica, hanno eseguito una ordinanza che comprende nove misure cautelari nei confronti di dirigenti e tecnici di Autostrade per l’Italia s.p.a. e Spea Engineering s.p.a. Si […]

Leggi

Altre Istituzioni

DESME’

24 Luglio 2019: FONTE – Alessandro Macchi – Centro Studi Piemontesi-Ca dè Stùdi Piemontèis –   Desmè è parola piemontese antica, forse originaria delle “terre alte”, che dice del potere interiore di far rivivere in assoluta attualità emotiva momenti mai dimenticati, ma pacatamente riposti nel fondo della memoria. In “Desmé” colpisce innanzi tutto la capacità […]

Leggi

Periferie senza confini

Periferie senza confini

29 Ottobre 2018: FONTE -Unione Stella d’Italia-

Improvvisamente sembra che la ineffabile macchina della disinformazione delle televisioni italiane si sia accorta che esistono zone franche dove vige la illegalità totale e che queste zone franche non sono situate solo nelle vituperate, a torto nella maggior parte dei casi, ma anche nei centri delle città, perfino nel centro della Capitale d’Italia. Questa falsamente ingenua meraviglia dimostra la totale falsità e ipocrisia di un sistema di informazione deteriore, asservito a ideologie, prezzolato e, al contrario di quello che dovrebbe essere, propagatore di incultura e banalità. Supporre che il sistema sia congegnato per divulgare il pensiero unico, per ridurre le capacità intellettive e di scelta delle persone, per creare gabbie ideologiche e di pensiero non pare essere una supposizione fantasiosa visto quello che ci tocca vedere e sentire.

Ora, in tutto questo falso sdegno, in tutto questo falso dolore, in tutta questa falsa indignazione gridata in televisione da personaggi che vanno dal prete salottiero all’ex drogato che viene spacciato per opinionista, nessuno si azzarda a cercare delle responsabilità.

Eppure ci sono responsabilità per il degrado delle città.

Vediamone qualcuna: Occupazioni abusive di stabili da parte dei cosiddetti “centri sociali”, presenza sul territorio di migliaia di irregolari privi di domicilio e documenti, liberalizzazione di fatto dei piccoli crimini come scippi e furti e, soprattutto, libertà di spaccio per gli immigrati clandestini.

La droga uccide in silenzio e lentamente e quindi viene sottovalutata ma poi, un giorno tragico, una ragazzina di sedici anni viene massacrata e stuprata a morte su un letto di immondizia e allora si scopre che esiste un problema, si grida per tre o quattro giorni e poi, visto che non si danno colpe a chi ha permesso questo degrado e non si danno soluzioni per ripulire le zone franche della malavita, si passerà a parlare d’altro.

Ma io vorrei chiedere, con forza, dove guardavano i precedenti Ministri degli Interni mentre un esercito di zombie drogati si impossessava di fabbriche dismesse, di magazzini, di caseggiati interi? Dove erano mentre questi luoghi di degrado morale e materiale si aggregavano, crescevano, venivano frequentati in pieno giorno da drogati e spacciatori? perché tutto questo sfacelo è stato tollerato? Forse in onore di un falso spirito di tolleranza? Forse in onore di un falso spirito d’accoglienza? Forse perché i fautori del libero spaccio e delle liberalizzazione delle droghe vanno accontentati anche loro?

Il decoro urbano e la sicurezza non dovrebbero essere istanze di destra o di sinistra, dovrebbero rappresentare l’assoluto minimo che uno Stato è tenuto a fornire come servizio ai suoi cittadini ma ragioni ideologiche hanno fatto sì che la sinistra di lotta e di potere abbia tollerato e guardato benignamente ai “centri sociali”, vero nucleo del degrado, avamposti di quello che ora improvvisamente scopriamo e scopriamo solo perché c’è scappato un altro morto e vorrei ricordare che la povera ragazza di Roma, che pure avrebbe diritto “parce sepulto” all’oblio, non è stata la sola a essere massacrata da bande di spacciatori clandestini.

E anche questo è l’ennesimo tassello del crollo di un certo tipo di sinistra, quella che non ha nulla a che fare con i grandi e giusti movimenti operai, con le grandi battaglie sociali ma che è figlia di un sessantotto perbenista, ipocrita, borghese, stucchevole nel suo tentativo ridicolo di ammettere tutto, rispettare tutto, amare tutto, perfino il tuo carnefice.

Ora il vento è cambiato, il velo di maya è caduto, ovvero la constatazione che il re è nudo è sotto gli occhi di tutto e dall’Europa al Brasile si torna a parlare di decenza, di sicurezza, di ricostruzione della società disgregata e abbandonata a sé stessa. Tornare a mettere al centro la democrazia che comporta che sia il popolo, e non le banche o la finanza internazionale a decidere per sé stesso, a mettere al centro il lavoro come strumento di dignità e benessere, mettere al centro la legalità non intesa come repressione ma come una cultura che deve permeare tutta la società civile. Questo è quello che bisogna fare, è questa la sfida che va necessariamente affrontata.

Andrea Marrone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *