Esercito

UNIVERSITÀ DI TORINO E TRUPPE ALPINE DELL'ESERCITO INSIEME PRESSO L'ISTITUTO ANGELO MOSSO DEL COL D'OLEN/ALAGNA VALSESIA: 112 ANNI DALLA NASCITA

23 Agosto 2019: FONTE – COMANDO BRIGATA ALPINA TAURINENSE –   Col d’Olen, 23 agosto: Era il 27 agosto del 1907 quando fu inaugurato, sul massiccio del Rosa, l’Istituto intitolato al Professore dell’Università di Torino Angelo Mosso, un laboratorio scientifico che si affiancava all’Osservatorio già esistente, e che fu fortemente voluto dalla Regina Margherita. Lo […]

Leggi

Marina Militare

MARINA MILITARE: LA NAVE SCUOLA PALINURO IN SOSTA A OTRANTO

23 Agosto 2019: FONTE – Marina Militare Comando Marittimo Sud –    Quarta tappa della campagna d’istruzione 2019 a favore degli aspiranti allievi marescialli della Scuola Sottufficiali di Taranto   Otranto – Dal 27 al 30 agosto 2019 la Nave Scuola Palinuro della Marina Militare effettuerà una sosta nel porto di Otranto. L’Unità è impegnata […]

Leggi

Aeronautica Militare

HIGH BLAZE 2019, IL CAPO DI STATO MAGGIORE DELLA RNLAF IN VISITA AD AVIANO

22 Agosto 2019: FONTE – Aeronautica Militare – La visita del Capo di Stato Maggiore della Royal Netherland Air Force all’Aeroporto di Aviano si è svolta in occasione dell’esercitazione “High Blaze 2019” che vede coinvolti elicotteri olandesi in addestramento congiunto   Mercoledì 21 agosto il LtGen Dennis Luyt, Capo di Stato Maggiore della Royal Netherland […]

Leggi

 

Video

 

Carabinieri

ARMATO DI COLTELLO RAPINA UN GIOVANE IN PIENO CENTRO STORICO AD AGRIGENTO

23 Agosto 2019: FONTE – Arma dei Carabinieri Comando Provinciale Agrigento – Armato di coltello, minaccia un giovane 19 enne in pieno centro storico ad Agrigento, facendosi consegnare uno smartphone. Fulmineo intervento dei militari dell’Arma, che in pochi minuti hanno catturato il rapinatore. Stava facendo una passeggiata lungo i vicoli del centro storico di Agrigento […]

Leggi

Polizia di Stato

CUNEO: SEQUESTRATI OLTRE 2 CHILI DI ANFETAMINE

23 Agosto 2019: FONTE – Polizia di Stato – È bastato poco ai poliziotti della Squadra mobile di Cuneo per capire che nella casa di un tunisino c’era qualcosa che lo preoccupava. Gli agenti erano arrivati in casa dell’uomo dopo una serie di controlli a campione effettuati nei fine-settimana, per arginare il consumo di droghe […]

Leggi

Guardia di Finanza

OPERAZIONE MONTAGNE D’EURO - TRUFFA ALL’UNIONE EUROPEA. DISPOSTO IL SEQUESTRO DI BENI PER OLTRE 10 MILIONI DI EURO

22 Agosto 2019: FONTE – Guardia di Finanza Comando Provinciale Como – La Guardia di Finanza di Menaggio, a conclusione di una complessa attività di indagine coordinata dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Sondrio, Dott. LATORRE Stefano, ha smascherato un articolato e strutturato sistema fraudolento mirato all’indebito ottenimento di contributi europei stanziati nel piano della […]

Leggi

Altre Istituzioni

DESME’

24 Luglio 2019: FONTE – Alessandro Macchi – Centro Studi Piemontesi-Ca dè Stùdi Piemontèis –   Desmè è parola piemontese antica, forse originaria delle “terre alte”, che dice del potere interiore di far rivivere in assoluta attualità emotiva momenti mai dimenticati, ma pacatamente riposti nel fondo della memoria. In “Desmé” colpisce innanzi tutto la capacità […]

Leggi

Un regno si conclude

Un regno si conclude

14 gennaio 2015: FONTE -Unione Stella d’Italia-

Oggi si conclude il più lungo periodo in cui un Presidente della Repubblica è rimasto in carica. Non so se esserne contento o meno. Nell’era Napolitano abbiamo assistito all’attacco speculativo verso l’Italia, all’articifioso aumento del famigerato spread, alle forzate dimissioni di Berlusconi ed alla sua damnatio memorie giudiziaria. poi la peggior calamità dal dopoguerra in poi: il governicchio degli incompetecnici di Monti e dei suoi complici, l’opacità del governo Letta, l’esplosione di proclami ottimistici senza costrutto del governo Renzi. Tutti accomunati dall’essere stati orchestrati dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e nessuno di loro passato al vaglio di una qualsiasi elezione.

Cosa si proponeva Napolitano cercando soluzioni sempre più tardive ed improvvisate? Certamente far fronte al declino dell’Italia, e questo è un fatto che gli fa onore e forse anche mettere una pietra tombale sulle opposizioni, marginalizzarle al punto tale da farle diventare manifestazioni folcloristiche del defunto spirito di Masaniello.

Siamo quindi, grazie a lui, entrati nel regno del pensiero unico e ci siamo restati a lungo raccattando imbarazzanti successi come l’aumento folle delle spese di governo, della disoccupazione, della povertà, la perdita di dignità nazionale ad opera dell’India, l’invio di nostri militari in zone di guerra per perseguire interessi altrui ecc. ecc..

Fine di una gerontocrazia, comunque e di una visione assolutista del mandato presidenziale.

Che succederà ora? Ci sarà una nuova, estenuante, umiliante ridda di smentite su possibili nomi e alla fine sceglieranno qualche personaggio amico del pensiero unico.

Una cosa sola è certa: se venisse eletto il boiardo di stato Prodi come Presidente di questa Repubblica io mi dimetterò da italiano.

Andrea Marrone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *