Home Ultime Il Capo di Stato Maggiore della Difesa alla cerimonia per il rientro...

Il Capo di Stato Maggiore della Difesa alla cerimonia per il rientro dall’Afghanistan del NATO Rapid Deployable Corps

0

11 Febbraio 2014 – ore 12,10 : FONTE – Stato Maggiore Difesa –

Ieri  mattina, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Ammiraglio Luigi Binelli Mantelli,  ha accompagnato il sottosegretario di Stato alla Difesa Gioacchino Alfano alla cerimonia per il rientro del NATO Rapid Deployable Corps dall’Afghanistan che si è svolta alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale Claudio Graziano,  nella caserma ‘Ugo Mara’ sede dell’unità multinazionale.

Il Comando del Corpo d’Armata di Reazione Rapida, alla guida del Generale di Corpo d’Armata Giorgio Battisti, è di recente rientrato dopo un anno di impiego presso il Comando Multinazionale dell’International Security Assistance Force (ISAF) in seno al quale, lo stesso Generale Battisti, ha ricoperto il ruolo di Capo di Stato Maggiore della missione.

Nel suo discorso il Capo di Stato Maggiore della Difesa, ammiraglio Luigi Binelli Mantelli, ha voluto sottolineare : “un personale sincero e profondo apprezzamento al generale Giorgio Battisti e ad ogni Ufficiale, sottufficiale e soldato che ha operato in questa delicata missione di “Capacity Building”, ricostruzione post-bellica e di stabilizzazione in un contesto molto difficile dove le controparti spesso coesistono”.  Continuando, il Capo di Stato Maggiore della Difesa ha evidenziato che “i numeri e i fatti dimostrano come la transizione alle autorità afgane della piena responsabilità istituzionale stia procedendo nel modo giusto verso il traguardo del 31 dicembre 2014; tutto ciò grazie al lavoro e alla professionalità e dedizione anche del personale italiano”.

Per tutto il 2013 gli uomini e le donne del Comando di Solbiate Olona hanno contribuito, insieme ai rappresentanti di altri 48 paesi, alla  guida e alla gestione della forza multinazionale impegnata nella delicata fase di transizione delle responsabilità alle Forze di Sicurezza afgane.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version