Cambio alla Brigata Alpina “ Taurinense “

06 Settembre 2013 – ore 12,00 : FONTE – Comando delle Forze Operative Terrestri –

Al termine di una cerimonia svoltasi ieri mattina alla caserma “Monte Grappa”, il Generale Dario Ranieri ha ceduto il Comando della Brigata alpina “Taurinense” al Generale Massimo Panizzi.
Nel periodo trascorso sotto la guida del Generale Ranieri, la “Taurinense” è stata schierata per oltre sei mesi in Afghanistan, dove ha fornito un contributo importante al processo di transizione della responsabilità del Paese alle Autorità e alle forze di sicurezza locali.
Sempre in ambito internazionale, è stata sviluppata la partnership tra la Brigata e la 27^ Brigata degli “Chasseurs des Alpes” francesi, che porterà in futuro alla costituzione di un Comando Brigata non permanente italo-francese.
Sul territorio nazionale, la “Taurinense” ha proseguito le Operazioni “Strade Sicure” e “Gran Sasso”, al fianco delle Forze dell’Ordine, mentre gli specialisti del Genio della Brigata sono stati impegnati nella neutralizzazione di decine di residuati bellici in tutto il nord-ovest d’Italia, conducendo anche una campagna di prevenzione in alcune scuole della provincia di Torino.
Alla cerimonia, nel corso della quale sono stati ricordati i Caduti in tempo di guerra e di pace, ha presenziato il Generale Alberto Primicerj, Comandante delle Truppe Alpine, insieme alle Autorità civili, militari e religiose del Piemonte.
La “Taurinense”, erede delle Divisioni “Cuneense” e “Taurinense”, fu costituita a Torino il 15 aprile 1952. Attualmente l’Unità, che ha sede a Torino, è costituita da: Comando di Brigata, Battaglione di supporto logistico, tre Reggimenti di Fanteria alpina (il 2° a Cuneo, il 3° a Pinerolo ed il 9° a L’Aquila), 1° Reggimento artiglieria da montagna a Fossano, il Reggimento “Nizza Cavalleria” (1°) a Bellinzago Novarese ed il 32° Reggimento genio guastatori a Torino.
Nel 1991 la “Taurinense” viene impiegata in Kurdistan in soccorso della popolazione locale, mentre nel 1992 supporta il processo di pace in Mozambico, sotto l’egida dell’Onu.
A partire dal 1996 la Brigata ed i suoi Reparti vengono schierati nelle missioni di peacekeeping nei Balcani, mentre dal 2003 è l’operazione in Afghanistan a costituirne il principale impegno, durato fino all’aprile di quest’anno.

 

Condividi

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Sponsor

Articoli correlati