Cambio al vertice della Joint Air Task Force

29 Aprile 2013 : ore 18,00 : FONTE – Aeronautica Militare –

Il Colonnello Luca Maineri è subentrato al Colonnello Carlo Moscini al comando della Joint Air Task Force (JATF) di Herat – l’unità da cui dipendono gli assetti di volo dell’Aeronautica Militare assegnati al Comando Operativo NATO. LA cerimonia di avvicendamento si è svolta sabato 27 Aprile  presso la base ‘Camp Arena’ di Herat, sede del Regional Command West (RC-W), il comando a guida italiana che opera nell’area occidentale dell’Afghanistan.

Con circa 200 militari (tra i quali una piccola componente di avio-rifornitori dell’Esercito), la JATF garantisce molteplici capacità sia in ambito operativo che di supporto. Il sostegno alle operazioni è assicurato dai C-130 del task group ‘Albatros’, uno strumento efficace dimostratosi di estrema affidabilità soprattutto per raggiungere le tante aree del Paese altrimenti inaccessibili. I velivoli YEC27-J JEDI (Jamming and Electronic Defence Instrumentation), capaci di neutralizzare le comunicazioni avversarie e contrastare la minaccia costituita dagli ordigni esplosivi improvvisati (C-IED), unitamente ai caccia AMX in forza al task group ‘Black Cats’, che svolgono missioni di ricognizione tattica e supporto aereo ravvicinato alle truppe, garantiscono l’indispensabile cornice di sicurezza per le operazioni delle forze di terra.

I velivoli a pilotaggio remoto ‘Predator’ del task group ‘Astore’ – impiegati invece per missioni di tipo ISR (Intelligence, Surveillance, Reconaissance) – con la loro tecnologia, sono il vero e proprio ‘occhio dall’alto’ della Coalizione e costituiscono una capacità ormai irrinunciabile a favore della protezione delle truppe nazionali e alleate, nonché della popolazione civile.

Il Generale di Brigata Ignazio Gamba, comandante di RC-W, nel suo intervento si è congratulato con il Colonnello Moscini per l’encomiabile lavoro svolto e ha dato il benvenuto al Colonnello Maineri, sottolineando come la sinergia tra la componente aerea e le truppe al suolo sia un fattore decisivo per il successo delle operazioni del contingente internazionale, in modo particolare durante l’attuale delicato periodo di transizione tra le forze ISAF e quelle afghane.

Nel discorso di commiato, il colonnello Moscini ha ringraziato il personale della JATF, “in grado di esprimere tutte le capacità di pregio della Forza Armata”, e ha espresso loro il suo più vivo apprezzamento per l’eccellenza del lavoro svolto.

Condividi

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Sponsor

Articoli correlati