Successo di pubblico per l’apertura del Palazzo AM

26 Marzo 2013 : FONTE – Aeronautica Militare –

Tra sabato 23 e domenica 24, sono stati oltre 2.500 i visitatori che marzo hanno potuto accedere al Palazzo dell’Aeronautica, a Roma, nell’ambito della “Giornata FAI di primavera” del Fondo Ambiente Italiano, importante iniziativa nazionale di promozione culturale organizzata sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica e giunta quest’anno alla sua 21^ edizione.

Il Palazzo AM, edificio monumentale costruito a Roma nei primi anni ’30 per ospitare l’allora neo costituita Aeronautica Militare e tuttora sede istituzionale della Forza Armata, è stato uno dei settecento beni aperti straordinariamente al pubblico in tutta Italia nel fine settimana, uno dei cinque della Capitale insieme alla Caserma dei Corazzieri del Quirinale, a Palazzo Antonelli, a Palazzo Spada e all’Acquario Romano.

A pochi giorni dalla ricorrenza dei 90 anni della costituzione dell’Aeronautica Militare, l’atto di nascita come forza armata indipendente risale infatti al 28 marzo 1923, l’iniziativa con il FAI ha voluto sottolineare la sensibilità della Forza Armata nel perseguire – insieme a privati cittadini, aziende ed altre Istituzioni attente – uno dei principi ispiratori da oltre 35 anni dello stesso FAI e tra gli articoli fondamentali della Costituzione Italiana, ovvero quello dell’educazione alla conoscenza e alla tutela del patrimonio storico e artistico della Nazione.

Nei due giorni di apertura straordinaria, grazie al supporto dei volontari FAI, il pubblico ha potuto visitare le sale storiche del Palazzo Aeronautica, i dipinti murali ed arredi che le caratterizzano; tra queste, in particolare, le Sale delle Crociere Atlantiche, imprese aviatorie di cui Italo Balbo, commissionario del progetto dell’edificio, fu uno dei protagonisti.

In anteprima per il pubblico presente è stata inoltre presentata una ricostruzione virtuale del Palazzo Aeronautica, grazie alla quale è possibile “passeggiare” al suo interno ed interagire con oggetti ed opere d’arte dell’epoca attraverso una fedelissima ricostruzione delle sale storiche.

 

 

Condividi

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Sponsor

Articoli correlati