Home Ultime Esercitazione NATO: nello Ionio a caccia di sommergibili

Esercitazione NATO: nello Ionio a caccia di sommergibili

0

28 Febbraio 2013: FONTE – Marina Militare-

Sono dieci i paesi della NATO che partecipano a questo evento addestrativo antisommergibile: Canada, Francia, Germania, Grecia, Italia, Norvegia, Spagna, Turchia, Regno Unito e Stati Uniti.

Otto navi militari, tre sommergibili e circa venti aerei ed elicotteri sono impegnati nella più importante esercitazione NATO nelle acque del Mar Ionio, a est della Sicilia.  Nome dell’esercitazione: Proud Manta 2013. Obiettivo: incrementare il livello operativo della lotta subacquea (antisom), con l’impiego di mezzi aerei, di superficie e di sommergibili.

  

L’attività si sviluppa all’interno di uno scenario complesso, creato appositamente per le esigenze addestrative, che propone situazioni geopolitiche molto vicine a realtà in cui la NATO potrebbe essere chiamata ad operare. Una simulazione che vede in campo una Task Force di ampia portata, integrata, multidimensionale e multinazionale, con lo scopo di garantire la sicurezza dei mari e il contrastare della minaccia sottomarina, rappresentata dalla presenza di più sommergibili.

  

La Marina Militare partecipa con il cacciatorpediniere Luigi Durand de la Penne, al comando del Capitano di Vascello Luigi Sinapi, nave Levanzo, al comando del Tenente di Vascello Raffaele Carputo, il sommergibile Scirè, al comando del Capitano di Corvetta Alessandro Nalesso, e una componente aerea costituita da velivoli ad ala fissa, con il ruolo di pattugliatori marittimi, ed elicotteri EH101 AB212, in funzione anti-sommergibile. Inserita nel Task Group 439.03 anche Nave De La Penne, insieme alla fregata tedesca Emden, alle  corvette tedesche Braunschweig e Oldenburg, alla fregata Jan de Vien e alla rifornitrice Meuse, della Marina francese, e al cacciatorpediniere  americano Barry.

 

Anche una nave oceanografica del centro NATO per la ricerca e la sperimentazione, la USS Alliance,  partecipa all’esercitazione sperimentando nuove tecnologie e software creati per la localizzazione dei sottomarini.  In particolare sarà sperimentata una barriera antisommergibile che utilizza mezzi autonomi di supeficie e subacquei, come il nuovo veicolo Weive Glider  che è al suo primo test in una esercitazione dell’alleanza nord atlantica. Iniziata il 23 febbraio, la Proud Manta si concluderà il 4 marzo.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version