Home Guardia di Finanza Sequestrati oltre 2 mln di prodotti non conformi al codice del consumo

Sequestrati oltre 2 mln di prodotti non conformi al codice del consumo

0

23 Maggio 2013 – ore 12,20 : FONTE –GdF Comando  Provinciale di Milano –

Sono oltre due milioni gli articoli sequestrati dai Finanzieri del Comando Provinciale di Milano, stoccati all’interno di tre magazzini, nelle aree industriali di Agrate Brianza (MB),Lachiarella (MI) e Pieve Emanuele (MI).

Si trattava di merce pronta ad essere distribuita ai dettaglianti della provincia di Milano e di Monza.

Sono perlopiu’ cosmetici (smalti, rossetti, fondotinta e rimmel), accessori per telefonini (cover, auricolari, caricabatteria), per abbigliamento (bracciali, catenine, anelli, cinture), materiale elettrico (lampadine, luci natalizie, led) casalinghi (posateria, utensili da cucina, oggetti ornamentali) e giocattoli (macchinine, bolle di sapone, bambole). Tutti prodotti rigorosamente senza etichettature ne’ marchio CE.

Un vasto campionario quello sequestrato dalla Guardia di Finanza di Monza, del valore al dettaglio stimato in oltre tre milioni di euro.

Prodotti che, in base alla normativa a tutela dei consumatori, non sono considerati sicuri in quanto non e’ certa la loro provenienza ne’ e’ indicata la composizione. Dunque, si tratta di prodotti che non possono essere immessi in consumo.

Le Fiamme Gialle Monzesi, dopo alcuni giorni di pedinamenti ed appostamenti sono intervenute per mettere i sigilli su centinaia di scatoloni, stipati sugli scaffali di tre capannoni dove operano altrettante aziende riconducibili a cittadini di origine cinese. Uno dei magazzini era privo di insegne ed e’ risultato non dichiarato alle autorità.

I responsabili delle aziende colpite dai sequestri adesso, oltre a dover pagare una sanzione molto salata (che può’ arrivare sino a 200 mila euro) se vorranno ottenere il dissequestro della merce dovranno far certificare la conformità’ dei prodotti agli standard della Comunità Europea (marchio CE) ed indicare su tutti gli articoli la composizione. In quanto importatori, inoltre, dovranno dimostrare la provenienza dei prodotti. In caso contrario scatteranno la confisca e la distruzione dei beni, chiaramente a loro spese.

 

 

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version