Carosino (TA) – Brucia auto e tenta di incendiare negozio della convivente. Arrestato 42enne

22 Luglio 2013 – ore 12,30 : FONTE – Arma dei Carabinieri Comando Provinciale di Taranto –

Un rumore simile ad un petardo, il fumo che comincia ad uscire da un negozio nel centro di Carosino ed una macchina che si è allontanata a forte velocità. Questo è quanto riferito intorno alle ore 02.30 all’operatore della Centrale Operativa della Compagnia di Martina Franca, da una donna che ha prontamente avvisato il 112, abitante poco distante da quell’esercizio commerciale. Immediatamente, l’operatore ha subito richiesto l’intervento dei Vigili del fuoco di Taranto ed inviato sul posto personale della Stazione Carabinieri di San Giorgio Jonico. I militari giunti in loco hanno cominciato a svolgere gli accertamenti del caso, identificare la proprietaria del negozio ed escutere persone in grado di riferire elementi. Si è appreso che la donna, già intorno a mezzanotte, aveva avuto l’ennesimo diverbio con il convivente, il quale più volte l’aveva minacciata che le avrebbe danneggiato il negozio. Quindi, i militari si sono messi alla ricerca del convivente che è stato trovato in casa e si è lasciato condurre, senza opporre resistenza alcuna presso gli uffici della locale Stazione Carabinieri. Qui ha ammesso tutte le responsabilità in ordine all’incendio del negozio che, fortunatamente, ha solo causato danni alla saracinesca, ad alcuni capi di abbigliamento esposti in vetrina ed alle pareti dell’ingresso. Ma quello che è emerso durante le fasi dell’interrogatorio è il fatto che, dopo l’ennesimo litigio con la convivente, l’uomo è uscito di casa con la macchina della donna e, prima di dare alle fiamme il negozio, ha portato l’autovettura in aperta campagna incendiandola con del liquido infiammabile. Ora un 42enne del luogo, già noto alle Forze dell’Ordine, si trova ristretto presso la Casa Circondariale di Taranto dove, di fronte al competente giudice, dovrà rispondere di danneggiamento a seguito di incendio del negozio e dell’autovettura.

Condividi

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Sponsor

Articoli correlati