Esercito

TIRATORI SCELTI IN ADDESTRAMENTO

23 Aprile 2019: FONTE – Stato Maggiore Esercito – Perfezionamento del tiro a distanza, autovalutazione dei nuclei tiratori scelti attraverso l’utilizzo delle differenti armi in dotazione e condotta di un’attività di orienteering notturna con addestramento a stazioni. È stato questo lo scopo della “Devil’s bullseye”, l’esercitazione per tiratori scelti condotta dall’8 al 18 aprile nel […]

Leggi

Marina Militare

MARINA MILITARE: GRANDE SUCCESSO DI VISITATORI AL CASTELLO ARAGONESE DURANTE IL PERIODO PASQUALE

24 Aprile 2019: FONTE – Marina Militare Comando Marittimo Sud – Taranto – Dal 18 al 22 aprile, in pieno periodo pasquale, il Castello Aragonese, la cui gestione è affidata al Comando Marittimo Sud, ha suscitato un grande interesse da parte dei turisti. Ben 3.835 sono stati i visitatori (di cui 2.481 nella sola giornata del […]

Leggi

Aeronautica Militare

NELLA NOTTE DI PASQUA DUE VOLI PER SALVARE DUE UOMINI IN PERICOLO DI VITA

23 Aprile 2019: FONTE – Aeronautica Militare – L’elicottero HH139 dell’82° Centro C.S.A.R. di Trapani è decollato dalla base siciliana per trasportare un uomo in imminente pericolo di vita da Lipari (ME) ed un altro da Marettimo (TP) Nella notte di Pasqua, un elicottero  HH-139A dell’82° Centro C.S.A.R. (Combat Search and Rescue – Ricerca e […]

Leggi

 

Video

 

Carabinieri

OPERAZIONE “PIEDI DI CORVO”

24 Aprile 2019: FONTE –  LEGIONE CARABINIERI “MARCHE” Compagnia di Fano – ASSALTI AI BANCOMAT CON L’ESPLOSIVO, SGOMINATA LA BANDA DELLA MARMOTTA. Individuata anche la masseria dove erano occultate le armi e l’equipaggiamento per assalti ai furgoni portavalori; arrestato l’allevatore che le custodiva.   La Compagnia Carabinieri di Fano, coadiuvata dal Nucleo Investigativo del Comando Provinciale […]

Leggi

Polizia di Stato

RAGUSA: MINACCIAVA I FAMILIARI PER LA DROGA, ARRESTATO STALKER

23 Aprile 2019: FONTE – Polizia di Stato – Gli agenti della Squadra mobile di Ragusa hanno arrestato un uomo di anni 46 anni, con l’accusa di estorsione e stalking ai danni della madre e dei fratelli. L’attività investigativa della Mobile ragusana è iniziata due mesi fa su richiesta della procura della Repubblica, per accertare i fatti relativi alla […]

Leggi

Guardia di Finanza

SICUREZZA PRODOTTI: SEQUESTRATI A ROMA OLTRE 9 MILIONI DI ARTICOLI PERICOLOSI, PRONTI A ESSERE VENDUTI PER LE FESTIVITÀ PASQUALI, E DENUNCIATI 4 RESPONSABILI

20 Aprile 2019: FONTE – Guardia di Finanza Comando Provinciale Roma – I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma, nei giorni scorsi, hanno sottoposto a sequestro oltre 9 milioni di articoli pericolosi per la salute dei consumatori e non conformi alle norme, denunciando 4 soggetti cinesi all’Autorità Giudiziaria capitolina. Nell’ambito dell’intensificazione […]

Leggi

Altre Istituzioni

ANNIVERSARIO UNITA NAZIONALE DELLA COSTITUZIONE DELL’INNO DELLA BANDIERA INAUGURAZIONE MUSEO REALIZZATO DAL COORDINAMENTO GIOVANI ALPINI SEZIONE ALTO ADIGE E GRUPPO ALPINI LAIVES

17 Marzo 2019: FONTE – Sezione Alpini Alto Adige – Grandi soddisfazione oggi per la Sezione Alpini Alto Adige che oltre a partecipare come negli anni scorsi alla cerimonia dell’unità Nazionale della Costituzione organizzata dal comune di Laives quest’anno ha realizzato tramite il Coordinamento Giovani Alpini della Sezione il museo per il Centenario della fine […]

Leggi

Il giorno della nostra memoria negata

Il giorno della nostra memoria negata

10 Febbraio 2019: FONTE -Stella d’Italia News-

Nei giorni tragici del settembre 1943 quel grande apparato militare forgiato in secoli di guerre patriottiche, si disintegrò lasciando sole le popolazioni italiane delle frontiere orientali e per l’Istria e la Dalmazia iniziò il calvario. sulle popolazioni inermi calarono le bande criminali di Tito assetate di sangue per uccidere, stuprare, derubare, umiliare, scacciare gli italiani e la loro memoria. i Leoni di San Marco scalpellati via, le carni vive consegnate alle orribili foibe con un sadismo degno delle peggiori belve.

Non era guerra, non era vendetta, non era altro che il deliberato massacro terroristico per eliminate l’etnia italiana da quelle terre fecondate dal lavoro e dall’ingegno italiano, terre di San Marco dove Venezia e ancora oggi, nonostante le devastazioni ben visibile.

Tornare in Istria, terra bellissima, vuole dire immergersi in un sogno, vedere “l’isole di sasso che l’olivo fa d’argento” come cantò D’annunzio, le acque cristalline, cimitero di italiani annegati con una pietra legata al collo, le case, vuoti involucri di vite spezzate che furono felici, i cimiteri abbandonati dove i nomi italiani sbiadiscono nel sole generoso istriano.

Superare l’impatto emotivo, ricondurre l’incubo al sogno, fare un bagno senza pensare agli annegati o una passeggiata senza pensare agli infoibati è, dopo settant’anni, necessario ma per fare questo bisogno fare i conti con questo passato, affrontarlo, esorcizzarlo, consegnarlo alla storia sottraendolo al presente.

Ma per farlo bisognerà non limitarsi alle parole, anche se importanti, dette dal Presidente Mattarella sulle Foibe e sullo scandalo della loro negazione. Bisognerà rendere la negazione delle foibe un crimine come è la negazione della Shoa, bisognerà revocare la spregevole decorazione conferita al boia degli italiani, Tito si fregia ancora, nell’inferno in cui è sicuramente sprofondato, della massima onorificenza conferita dalla Repubblica Italiana, bisognerà sanzionare e zittire l’ANPI che nega con violenza le foibe, che è ancora rancorosamente legata all’odio. E bisognerà che le genti slave che occupano le nostre terre istriane e dalmate riconoscano i torti fatti agli italiani con chiarezza e si adoperino per risarcire i superstiti dell’olocausto istriano dalmata dei beni perduti, delle persone trucidate, delle violenze inaudite subite.

Se ci sarà questa presa di coscienza allora potremo finalmente perdonare ma mai dimenticare, dimenticare il passato vuole dire tradirlo e gli italiani d’Istria e Dalmazia sono già stati fin troppo traditi da settant’anni a oggi.

Andrea Marrone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *