Esercito

ESERCITO: DA SUBITO LA FATICA PROTAGONISTA DEI CAMPIONATI ALPINI

18 Febbraio 2019: FONTE – Stato Maggiore Esercito – San Candido (BZ) 18 febbraio 2019 – 2100 militari, sette giorni, migliaia di chilometri percorsi sulle piste della Pusteria e del Cadore sono i numeri che riassumono in estrema sintesi i campionati sciistici delle truppe Alpine, giunti alla 71^ edizione, aperti, nella giornata di ieri, dal […]

Leggi

Marina Militare

ISTITUTO GEOGRAFICO MILITARE E ISTITUTO IDROGRAFICO DELLA MARINA, OCCASIONE DI SCAMBIO A GENOVA

18 Febbraio 2019: FONTE – Marina Militare – Un’occasione per rinsaldare l’ultracentenario legame di collaborazione e reciproca stima tra i due Istituti L’Istituto Geografico Militare e l’Idrografico della Marina, organi Cartografici dello Stato italiano, sono un’eccellenza nazionale delle Forze armate e un chiaro esempio di capacità duale e complementare della Difesa in supporto alla comunità civile. I […]

Leggi

Aeronautica Militare

DONNA DISPERSA RECUPERATA DA UN ELICOTTERO DELL’AERONAUTICA MILITARE

09 Febbraio 2019: FONTE – Aeronautica Militare – La donna, un’ottaduenne della provincia di Isernia, è stata rintracciata dagli uomini del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) e recuperata da un elicottero HH139 dell’Aeronautica Militare Un elicottero HH 139 del 85° Centro SAR (Search And Rescue) di Pratica di Mare, dipendente dal 15° […]

Leggi

 

Video

 

Carabinieri

IL 7° NUCLEO ELICOTTERI CARABINIERI DI PONTECAGNANO (SA)

18 Febbraio 2019: FONTE – Raffaele Fusilli/Stella d’Italia News –

Leggi

Polizia di Stato

IMMIGRAZIONE CLANDESTINA: 11 ARRESTI A TORINO

16 Febbraio 2019: FONTE – Polizia di Stato – Facevano entrare clandestinamente stranieri in Italia principalmente in Sicilia e Sardegna, curando il loro spostamento fin verso le mete del nord Europa, garantendo loro anche un alloggio temporaneo e documenti falsi. Undici persone sono state arrestate questa mattina dai poliziotti della Squadra mobile di Torino, in collaborazione con […]

Leggi

Guardia di Finanza

MAXI OPERAZIONE ANTIDROGA FIORI DI PRIMAVERA - ARRESTATE 27 PERSONE

12 Febbraio 2019: FONTE – Guardia di Finanza Comando Provinciale di        Lecce – Dalle prime luci dell’alba oltre 100 militari del Comando Provinciale di Lecce e del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata di Roma della G. di F., coordinati dalla Direzione Nazionale Antimafia e dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Lecce, sono impegnati in una […]

Leggi

Altre Istituzioni

UNDICIDUE@2019

07 Febbraio 2019: FONTE – Stella d’Italia News – 11 FEBBRAIO 2019 PALAZZO LASCARIS DI VENTIMIGLIA – TORINO, VIA V. ALFIERI 15 “Sappiamo che questo del NUE 112 è un tema molto sentito dai cittadini. Si tratta del recepimento di una Direttiva Europea. Insieme al Ministero dell’Interno stiamo effettuando un’analisi dell’attività svolta in quei territori […]

Leggi

Franza o Spagna purché se magna

Franza o Spagna purché se magna

23 gennaio 2019: FONTE -Movimento Stella d’Italia-

E così l’Europa carolingia torna a ripresentarsi dopo molti secoli di oblio. Il grande stato che comprendeva gran parte della Francia e della Germania riprende forma anche se i tedeschi non sembrano troppo entusiasti dell’idea di un esercito comune tra le due potenze dominanti europee.

Oggi come oggi il patto tra Parigi e Berlino, fatto tra due leader moribondi e ampiamente delegittimati, appare come una presa di posizione anti italiana ed è indubbiamente l’Italia il terzo incomodo dell’Europa carolingia, l’Italia ha ancora molto da saccheggiare e gli appetiti di Parigi e Berlino soffrono a vedere Roma rialzare la testa.

È la Francia quella che ha la posizione migliore in Europa, il partito pro-francese è trasversale nell’accozzaglia affaristica e priva di scrupoli dell’opposizione. Abbiamo subito visto elementi di questa fazione francesizzante starnazzare petulanti sul crimine perpetrato dalla maggioranza nel dire la verità, e cioè che la Francia affama l’Africa, ne impedisce lo sviluppo, interviene militarmente per sorreggere regimi corrotti e compiacenti, sfrutta qualsiasi risorsa del continente africano senza nessun scrupolo e, contemporaneamente, fa la morale sull’accoglienza mentre respinge brutalmente donne e bambini africani abbandonandoli nei boschi al confine franco italiano. Confine ripetutamente violato dai gendarmi francesi a dimostrare la loro arroganza e prepotenza e, contemporaneamente, l’assoluta incapacità dei governi precedenti nel farsi rispettare.

Benché non siano propriamente un popolo di simpaticoni non è il popolo francese il nemico dell’Italia ma è l’establishment di Macron, il tetro Moscovici e i vari portavoce stizziti e maligni, i ministri puntigliosi a arroganti, la stampa asservita al regime crollante macroniano a essere nemici dell’Italia e, ovviamente, il grande capitale francese che è stato lasciato libero di saccheggiare la nostra economia, di comprare tutto quello che aveva un valore e che producesse reddito, reddito da portare a Parigi.

Saccheggiare l’Italia è stato da sempre un piacevole passatempo per i francesi, lo faceva Carlo Magno, lo hanno fatto i re francesi e poi l‘insuperabile ladro Napoleone che quando non riusciva a rubare altro si portava via perfino le campane delle chiese.

Ora però l’Italia ha cambiato atteggiamento e non ci sta più a farsi insultare e depredare, ora finalmente qualcuno ha il coraggio di dire in faccia ai francesi e al mondo quello che è sotto gli occhi di tutti: la politica criminale francese nei confronti dell’Africa.

Questo non piace ai prezzolati membri della fazione francese, ai complici della spoliazione dell’economia italiana, agli svenditori di aziende, a chi ha cercato di regalare alla Francia un tratto di Mediterraneo con annessi diritti di pesca e di ricerca mineraria, a chi ha scambiato lo sforamento del budget europeo per fare regali elettorali con l’onere di essere il solo paese ad accogliere i nuovi schiavi scaricati sulle nostre coste dagli scafisti criminali e dei loro complici, le famigerate ONG che ora tentano nuovamente di riprendere i loro loschi traffici marittimi.

Anche se questo governo ha nel suo interno delle contraddizioni insanabili, anche se in esso ci sono residui cattomarxisti e di complottisti nemici delle scie chimiche seguaci di uno che voleva far marciare i nostri veicoli diesel con l’olio di colza, nonostante questo riconosciamo ai giallo-verdi di avere finalmente le palle per affrontare da pari a pari l’arroganza franco-tedesca e di rivendicare per l’Italia il ruolo che le compete, quello di essere un partner primario nella costruzione di una nuova Europa, una Europa dei popoli e non della finanza, una Europa delle libertà e non dei vincoli, dei divieti, delle procedure di infrazione, della povertà indotta ad arte.

Andrea Marrone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *