Esercito

L’ESERCITO DISINNESCA DUE ORDIGNI DELLA 2^ GUERRA MONDIALE A FOSSACESIA (CH) .

26 Marzo 2019: FONTE – 11° REGGIMENTO GENIO GUASTATORI – Oggi gli artificieri dell’Esercito dell’11° Reggimento Genio Guastatori di Foggia, unità specialistica alle dipendenze della Brigata “Pinerolo”, hanno effettuato le operazioni brillamento di due granate di artiglieria da 88 mm di fabbricazione inglese risalenti alla Seconda Guerra Mondiale. L’intervento, coordinato dalla Prefettura di CHIETI, si […]

Leggi

Marina Militare

MARINA MILITARE: I PALOMBARI DEL COMSUBIN INTERVENGONO D’URGENZA NELLE ACQUE DI SAN CATALDO (LE) PER NEUTRALIZZARE 51 ORDIGNI ESPLOSIVI

23 Marzo 2019: FONTE – Marina Militare Comando Marittimo Sud – Gli ordigni esplosivi, risalenti alla seconda guerra mondiale, sono stati rinvenuti da un cittadino lungo il bagnasciuga Dal 13 al 22 marzo 2019 i Palombari del Gruppo Operativo Subacquei (GOS) del Comando Subacquei ed Incursori della Marina Militare (Comsubin), distaccati presso il Nucleo SDAI (Sminamento […]

Leggi

Aeronautica Militare

STORMO AL CENTRO: LA TRASFORMAZIONE DELL'AERONAUTICA MILITARE PRENDE FORMA

22 Marzo 2019: FONTE – Aeronautica Militare – A Ghedi l’incontro dei Comandanti di Stormo per un punto di situazione ed un confronto sullo stato di avanzamento dei programmi del Piano Squadra 4.0 Il 20 e 21 marzo, presso il 6° Stormo di Ghedi (BS), il Generale di Squadra Aerea Fernando Giancotti ha presieduto l’incontro […]

Leggi

 

Video

 

Carabinieri

TERRA DEI FUOCHI I CARABINIERI DEL NOE DI CASERTA SEQUESTRANO DISCARICA ABUSIVA CONTENENTE 12.000 MC DI RIFIUTI SPECIALI. 1 DENUNCIA

26 Marzo 2019: FONTE – Comando Generale Arma Carabinieri -Nucleo Operativo Ecologico di Caserta- Prosegue senza sosta l’attività di controllo dei Carabinieri per la Tutela Ambientale finalizzata al contrasto dei reati in danno all’ambiente nella cd. Terra dei Fuochi. Nel corso di una pianificata attività volta a prevenire in particolare gli incendi di rifiuti illegalmente […]

Leggi

Polizia di Stato

MODENA: FINTI ESAMI DI ITALIANO PER STRANIERI, 5 ARRESTI

26 Marzo 2019: FONTE – Polizia di Stato – Esami fittizi sulla conoscenza della lingua italiana per far ottenere il permesso di soggiorno. Questo è il motivo che ha portato all’arresto di cinque persone da parte della Squadra mobile di Modena accusate di corruzione, falsità ideologica, truffa, contraffazione di documenti necessari per il rilascio di carta di […]

Leggi

Guardia di Finanza

OPERAZIONE “DARK ASSISTANCE”

25 Marzo 2019: FONTE – Guardia di Finanza Comando Provinciale Roma – SCOPERTA CASA DI CURA ABUSIVA, TROVATI FARMACI E CIBI SCADUTI. TITOLARE INDAGATA PER OMICIDIO COLPOSO, MALTRATTAMENTI E ALTRE VIOLAZIONI. I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma hanno sottoposto a sequestro una casa di cura completamente abusiva, creata all’interno di […]

Leggi

Altre Istituzioni

ANNIVERSARIO UNITA NAZIONALE DELLA COSTITUZIONE DELL’INNO DELLA BANDIERA INAUGURAZIONE MUSEO REALIZZATO DAL COORDINAMENTO GIOVANI ALPINI SEZIONE ALTO ADIGE E GRUPPO ALPINI LAIVES

17 Marzo 2019: FONTE – Sezione Alpini Alto Adige – Grandi soddisfazione oggi per la Sezione Alpini Alto Adige che oltre a partecipare come negli anni scorsi alla cerimonia dell’unità Nazionale della Costituzione organizzata dal comune di Laives quest’anno ha realizzato tramite il Coordinamento Giovani Alpini della Sezione il museo per il Centenario della fine […]

Leggi

Commercio e territorio

Commercio e territorio

30 Novembre 2018: FONTE -Unione Stella d’Italia-

Ieri ho avuto il piacere di pranzare con alcuni amici in uno dei più suggestivi ristoranti di Chiavari, in Liguria. La giornata era splendida, un sole tiepido, qualche barca di pescatori sotto costa, coppie con i passeggini in passeggiata, una delle poche non devastate dalle mareggiate dello scorso mese.

Mentre parlavamo della situazione politica e sociale del nostro Paese non ho potuto fare a meno di pensare come il commercio di qualità e la difesa del territorio siano indissolubilmente legati.

Locali come quello in cui ci siamo riuniti portano lustro, producono reddito e occupazione, creano le premesse per la circolazione delle persone che è il primo antidoto contro il degrado e la delinquenza spicciola e gratificano chi li frequenta.

Però questo fatto non è sempre chiaro per una burocrazia ottusa, permeata da un certo senso di invidia sociale e soprattutto convinta che il commerciante sia sempre e comunque un personaggio da punire, reprimere, mettere sotto accusa. Infatti quel bellissimo posto, dotato di una cucina d’eccellenza e di una cantina invidiabile, di un personale attento, cortese e competente viene sottoposto a una serie di controlli dove, quando si risulta in regola con una cosa, immediatamente se ne va a ricercare un’altra con l’apparente logica del “scava scava e qualcosa salterà fuori”.

Indubbiamente vista la selva di leggi, leggine, regolamenti, norme, usi e consuetudini temo che nessun imprenditore, piccolo o grande che sia, possa essere sempre e completamente nelle regole.

Una vecchia strategia dello stato, complicare le cose per impedire di essere in regola, schierare contro i commercianti una forza d’urto di codicilli contraddittori che lo mettano alla mercé dell’interpretazione di chi lo sta controllando.

Penso e credo che sarebbe ora di finirla, sarebbe ora di semplificare veramente, non come hanno fatto i governi precedenti che per semplificare immettevano altre complicazioni in un sistema allucinante che avrebbe fatto la felicità letteraria di Kafka.

Punire i commercianti sempre e comunque rende tutti più poveri, costringe i commercianti a cercare di aggirare le regole nella impossibilità di adempiere in pienezza ad esse, costringe lo stato a rincorrere con multe assurde i commercianti spesso spendendo più di quello che incassa visto che mette i multati nella impossibilità di pagare a causa degli importi marziani, aumenta i costi e quindi punisce anche i consumatori facendo la felicità di due sole categorie di professionisti, guarda caso categorie da cui provengono moltissimo deputati e senatori: avvocati e commercialisti.

Sarebbe ora di smettere di essere tanto distanti dal popolo dei commercianti da sembrare gendarmi asburgici alla ricerca perenne di cavilli per punire, punire, punire. Lasciamo respirare il commercio, lasciamo che i commercianti continuino a essere un elemento imprescindibile del decoro urbano.

Andrea Marrone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *