Esercito

ESERCITO: IMMEDIATAMENTE ORDINATO IL RITIRO DELLA LIBERATORIA

18 Ottobre 2018: FONTE – STATO MAGGIORE ESERCITO – In merito all’articolo pubblicato questa mattina su “Il Fatto Quotidiano”, relativo ad una dichiarazione liberatoria fatta firmare ai soldati della Brigata Garibaldi a premessa del loro impiego in Teatro Operativo, si precisa che si tratta di un’iniziativa impropria in quanto né lo Stato Maggiore dell’Esercito né […]

Leggi

Marina Militare

WEEKEND DI EVENTI E RICONOSCIMENTI PER LO SPORT DELLA MARINA

18 Ottobre 2018: FONTE – MARINA MILITARE – Dopo successi dell’estate, continuano le soddisfazioni per il Gruppo Sportivo della Marina Militare; quattro sono gli eventi da ricordare della scorsa settimana A Gioia Del Colle (BA) si è svolto il 51° Campionato del Mondo militare CISM di Tiro a Volo, nella specialità di skeet e fossa olimpica; la competizione ha visto […]

Leggi

Aeronautica Militare

AERONAUTICA: ULTIMO ATLANTIC TRASFERITO CON UN VOLO SPECIALE AL MUSEO STORICO DI VIGNA DI VALLE

18 Ottobre 2018: FONTE – AERONAUTICA MILITARE – Il trasferimento, da Pratica di Mare al lago di Bracciano, è stato effettuato in collaborazione con il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco grazie ad uno speciale elicottero da trasporto ​E’ “atterrato” da pochi istanti sulle sponde del Lago di Bracciano, dove entrerà a far parte integrante […]

Leggi

 

Video

 

Carabinieri

DROGA: CONTROLLI SERRATI NELLA CAPITALE PER CONTRASTARE I FENOMENI DI SPACCIO

18 Ottobre 2018: FONTE – ARMA DEI CARABINIERI COMANDO PROVINCIALE DI ROMA – Nelle ultime 24 ore, i Carabinieri della Compagnia di Roma Piazza Dante hanno proseguito la stretta contro lo spaccio di droga nelle piazze dello spaccio all’Esquilino, San Lorenzo e anche piazza Vittorio Emanuele II. In manette sono finiti 5 spacciatori, tutti stranieri, sorpresi […]

Leggi

Polizia di Stato

GDF MASSA CARRARA: DENUNCIATI 14 DIPENDENTI DELLA CTT: RUBAVANO GASOLIO E ATTREZZI DAL DEPOSITO

18 Ottobre 2018: FONTE –  Comando Provinciale Guardia di Finanza Massa Carrara – Il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Massa Carrara e la Sezione Polizia Stradale della Polizia di Stato di Massa Carrara hanno avviato, alla fine dello scorso anno una complessa indagine di polizia giudiziaria. In tale ambito, è stato […]

Leggi

Guardia di Finanza

GDF TORINO: FALSO “MADE IN ITALY”, SEQUESTRO PER UN VALORE DI OLTRE 500.000 EURO

18 Ottobre 2018: FONTE –  GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE TORINO – 15.000 articoli di maglieria falsi, migliaia di etichette ed imballi pronti per il confezionamento dei capi di abbigliamento, il tutto per un valore di oltre 500.000 euro. E’ il bilancio di un sequestro effettuato nei giorni scorsi dalla Guardia di Finanza di Torino […]

Leggi

Altre Istituzioni

MOSTRA DAL BISENZIO AL PIAVE. LA GRANDE GUERRA DI GIOVANNI CIPRIANI

16 Ottobre 2018: FONTE – Niccolò Lucarelli – Il 27 ottobre di cento anni fa, cadeva sul Piave il Sergente Maggiore Giovanni Cipriani, cittadino pratese e militare del Regio Esercito nel III Reggimento Fanteria, e decorato di Medaglia di Bronzo al Valor Militare. Un secolo dopo, nell’ambito delle commemorazioni ufficiali della Grande Guerra, Asterisco Associazione […]

Leggi

GDF NUCLEO SPECIALE POLIZIA VALUTARIA: OPERAZIONE “TRUCK”

GDF NUCLEO SPECIALE POLIZIA VALUTARIA: OPERAZIONE "TRUCK"

10 Agosto 2018: FONTE – Guardia di Finanza NUCLEO SPECIALE POLIZIA VALUTARIA –

OPERAZIONE “TRUCK” GUARDIA DI FINANZA: SEQUESTRATO PATRIMONIO IMMOBILIARE DI CIRCA 2 MILIONI DI EURO A IMPRENDITORE VICINO ALLA ‘NDRANGHETA.

Le Fiamme Gialle del Nucleo Speciale Polizia Valutaria di Reggio Calabria, hanno eseguito una misura di prevenzione patrimoniale emessa dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria su richiesta della locale Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia, diretta dal Procuratore Giovanni Bombardieri, con il coordinamento del Procuratore Aggiunto Calogero Gaetano Paci e del Sost. Proc. Antonella Crisafulli. La misura di prevenzione – eseguita nei confronti di Pizzichemi Alberto (classe “1970”) imprenditore di Melito di Porto Salvo (RC) e del suo nucleo familiare – ha interessato 10 beni immobili (tra cui appartamenti e terreni siti in Reggio Calabria e Bologna), l’intero complesso aziendale di una rivendita di tabacchi (sita all’interno di un noto centro commerciale bolognese), nonché altre disponibilità finanziarie. Le attività svolte, che hanno preso spunto dallo sviluppo investigativo di alcune segnalazioni di operazioni sospette inviate dagli intermediari bancari e/o finanziari, hanno consentito di dimostrare come il citato imprenditore, operante prevalentemente nel settore degli autotrasporti, operasse nella zona grigia di contiguità alle cosche IAMONTE (attiva nella fascia ionica della provincia reggina) e PIROMALLI (egemone sulla Piana di Gioia Tauro), così come anche emerso da riscontri operati sulle dichiarazioni di alcuni collaborazioni di giustizia, i quali, nel tempo, hanno indicato il proposto quale soggetto vicino alle citate consorterie di ‘ndrangheta. L’imprenditore, seppur formalmente incensurato perché assolto definitivamente dal delitto di associazione mafiosa, è stato ritenuto dal Tribunale Sezione Misure di Prevenzione inserito “in quella zona d’ombra” contigua alle organizzazioni criminali. La Corte di Appello, infatti, ha evidenziato che il Pizzichemi “è un faccendiere che vive ai margini di quella che può essere considerata una zona grigia, fatta di connivenze e collusioni tra mafia, imprenditoria e poteri pubblici”. Inoltre è stato destinatario nel 2010 di rinvio a giudizio per tentata estorsione, mentre nel 2011 è stato segnalato per frode fiscale mediante l’utilizzo e l’emissione di fatture per operazioni inesistenti. A completare il quadro relativo alla pericolosità del soggetto proposto giungono infine le numerosissime frequentazioni con soggetti pregiudicati o con precedenti di polizia per vari reati, tra cui numerosi soggetti contigui o appartenenti a cosche di ‘ndrangheta.

In tale contesto le investigazioni a carattere economico/patrimoniale delegate dalla D.D.A. reggina al IV Gruppo del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria ed eseguite attraverso la ricostruzione dei flussi finanziari e delle vicende economiche dell’intero nucleo familiare dell’imprenditore, oltre a delineare la pericolosità sociale qualificata del proposto, hanno consentito di rilevare che gli investimenti dallo stesso effettuati nel tempo erano del tutto sproporzionati rispetto alle fonti di reddito legittimamente realizzate. In particolare i finanzieri hanno ricostruito tutti i redditi prodotti dall’imprenditore e dal suo nucleo familiare a decorrere dall’anno 1991 e, confrontandoli con gli acquisti e con gli investimenti effettuati negli anni, hanno dimostrato la netta sproporzione tra i redditi conseguiti e i beni acquisiti e le somme di denaro accumulate. Alla luce di quanto sopra, la citata Sezione Misure di Prevenzione del locale Tribunale con il provvedimento in esecuzione, ha ora disposto l’applicazione della misura di prevenzione sull’intero patrimonio dell’imprenditore e su tutti i beni a quest’ultimo riconducibili, anche per interposta persona, che allo stato ammontano a circa € 2 milioni. Le attività esecutive del provvedimento emesso dall’A.G. reggina sono state eseguite con la collaborazione dei militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Bologna.

TESTO E FOTOGRAFIE DI PROPRIETA’ – Guardia di Finanza NUCLEO SPECIALE POLIZIA VALUTARIA –

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *