Esercito

IL 3° ALPINI IN ADDESTRAMENTO MONTANO

20 Giugno 2018: FONTE – Stato Maggiore Esercito – Addestramento concluso sui ghiacciai del Gruppo del Rosa e in Val Chisone. Il 3° alpini ha pianificato e condotto nei giorni scorsi, un’imponente esercitazione di reggimento volta a intensificare le capacità di vivere, muovere e combattere in ambiente montano, attraverso differenti attività addestrative, che si sono […]

Leggi

Marina Militare

LA MARINA MILITARE AL SEAFUTURE 2018

20 Giugno 2018: FONTE- Marina Militare – La Marina Militare sarà protagonista anche quest’anno a La Spezia nel corso dell’edizione di Seafuture 2018 con numerose attività culturali e promozionali legate alla storia, al mare e alla marittimità della Forza Armata.  La Marina Militare protagonista anche quest’anno a La Spezia nel corso dell’edizione di Seafuture 2018 con numerose attività […]

Leggi

Aeronautica Militare

CENTENARIO DELLA MORTE DI FRANCESCO BARACCA

20 Giugno 2018: FONTE – Aeronautica Militare 1^ Brigata Aerea Operazioni Speciali – Celebrata a Lugo la cerimonia di commemorazione Martedì 19 giugno, a cent’anni esatti dal tragico incidente in cui perse la vita sul Montello, si è celebrata a Lugo, sua città natale, la cerimonia commemorativa del Maggiore M.O.V.M. Francesco Baracca, eroe della 1ª Guerra […]

Leggi

 

Video

 

Carabinieri

TOLLO – RUBANO GASOLIO ED ATTREZZATURA DA UNA RIMESSA AGRICOLA, ARRESTATI

20 Giugno 2018: FONTE – LEGIONE CARABINIERI “ABRUZZO E MOLISE” Comando Provinciale di Chieti – Dopo i numerosi furti commessi in diverse stalle e rimesse agricole isolate di Tollo, Miglianico e della Val di Foro, i Carabinieri di Ortona erano sulle loro tracce da alcune settimane. E stanotte, proprio una pattuglia del Nucleo Operativo e […]

Leggi

Polizia di Stato

PADOVA: GABRIELLI RICORDA TRE CADUTI

20 Giugno 2018: FONTE – Polizia di Stato – Questa mattina, a Padova, il capo della Polizia Franco Gabrielli ha partecipato all’intitolazione della sezione di Polizia ferroviaria alla memoria dell’agente scelto Arnaldo Trevisan e della sede del Servizio tecnico logistico e patrimoniale alla memoria dell’assistente capo Giovanni Borraccino e all’agente Giordano Coffen, tutti vittime del […]

Leggi

Guardia di Finanza

GDF NUCLEO SPECIALE POLIZIA VALUTARIA: OPERAZIONE "EMME 3"

20 Giugno 2018: FONTE – Guardia di Finanza NUCLEO SPECIALE POLIZIA VALUTARIA COMANDO PROVINCIALE REGGIO CALABRIA –  OPERAZIONE “EMME 3” GUARDIA DI FINANZA: ASSOCIAZIONE PER DELINQUERE FINALIZZATA ALLA TRUFFA AGGRAVATA AI DANNI DI DIVERSI ISTITUTI BANCARI E ALL’AUTORICICLAGGIO: ARRESTATO L’AVVOCATO M.S. E SEQUESTRATO INGENTE PATRIMONIO RICONDUCIBILE ALLA SUA FAMIGLIA E AI SUOI SODALI. Le Fiamme […]

Leggi

Altre Istituzioni

XXX RADUNO NAZIONALE ARTIGLIERI D'ITALIA - MONTEBELLUNA, 21-24 GIUGNO 2018

20 Giugno 2018: FONTE – Associazione Nazionale Artiglieri d’Italia –   Montebelluna 21-24 giugno 2018   MONTEBELLUNA (Treviso) – «Con il sacrificio nella gloria, con la storia nella vita». Con questa parole il XXX Raduno Nazionale dell’Associazione Nazionale Artiglieri d’Italia intende celebrare i cento anni dalla Battaglia del Solstizio, che si svolse dal 15 al 23 […]

Leggi

GDF PALERMO: SEQUESTRO SUL PATRIMONIO DI UN EX DIRIGENTE DELL’INAIL ACCUSATO DI CORRUZIONE

GDF PALERMO: SEQUESTRO SUL PATRIMONIO DI UN EX DIRIGENTE DELL’INAIL ACCUSATO DI CORRUZIONE

13 Novembre 2017: FONTE – Guardia di Finanza Comando Provinciale Palermo –

GUARDIA DI FINANZA DI PALERMO: APPLICATA LA MISURA DI PREVENZIONE DEL SEQUESTRO SUL PATRIMONIO DI UN EX DIRIGENTE DELL’INAIL ACCUSATO DI CORRUZIONE.

I finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Palermo hanno dato esecuzione alla misura di prevenzione patrimoniale disposta nei confronti di Giuseppe La Mantia, ex Vice Direttore INAIL di Palermo e già Direttore dell’ufficio di Termini Imerese, ritenuto responsabile di aver consentito illecitamente il rilascio di numerosi DURC (Documenti unici di regolarità contributiva), a favore di una pluralità di imprenditori che lo ricompensavano pagando sostanziose mazzette. Il provvedimento emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Palermo, su proposta della Procura della Repubblica di Palermo, è stato eseguito dalle Fiamme Gialle del G.I.C.O. di Palermo, che hanno operato il sequestro per equivalente di immobili e conti correnti nella disponibilità dell’ex dirigente, per un valore complessivo pari a 516 mila euro. Le indagini condotte dai finanzieri hanno permesso di ricostruire la fitta rete di complicità tra La Mantia, all’epoca ai vertici degli uffici palermitani dell’INAIL, ed imprese compiacenti che – nonostante il ricorrere di evidenti cause ostative, come l’esistenza di cartelle esattoriali mai pagate – venivano favorite nell’entrare in possesso delle certificazioni di regolarità contributiva. Il rilascio di Documenti Unici di Regolarità Contributiva del tutto falsi ha consentito ad imprenditori privi di scrupoli di realizzare, tra il 2007 ed il 2012, ingenti guadagni attraverso la partecipazione ad appalti e gare pubbliche senza averne titolo e, in altri casi, di ottenere pagamenti da pubbliche amministrazioni nonostante fosse sistematicamente evaso il versamento di contributi e premi assicurativi dovuti all’INPS ed dell’INAIL, determinando così un rilevantissimo danno alle casse dell’Erario ed una distorsione delle regole di funzionamento della concorrenza e del mercato. Per le sue “prestazioni”, l’alto funzionario colluso veniva ricompensato con la consegna di buste contenenti denaro, che riscuoteva direttamente presso il proprio ufficio, ovvero ottenendo l’accredito di somme direttamente su conti correnti di cui era titolare o di cui aveva la disponibilità perché intestati a familiari o persone a lui vicine. In taluni casi, la “mazzetta” veniva riscossa anche sotto forma di concessione dell’uso gratuito di cellulari e auto di lusso.

Oltre alle condotte di corruzione e concussione, gli investigatori hanno ricostruito l’inclinazione a commettere illeciti del La Mantia Giuseppe, il quale truffava la stessa INAIL, attestando falsamente le proprie presenze in ufficio, e chiedeva ad altri dipendenti di sottrarre e distruggere la documentazione custodita presso gli uffici INAIL di Termini Imerese (PA), durante l’esecuzione di perquisizioni svolte nei suoi confronti, da parte dei finanzieri all’uopo incaricati dall’Autorità Giudiziaria. Le investigazioni condotte hanno, inoltre, fatto emergere la vicinanza del La Mantia a diversi esponenti di “cosa nostra”, quali il costruttore Camillo Graziano, della famiglia mafiosa dell’Arenella, il capo del mandamento San Lorenzo, Vincenzo Giacalone, e gli esponenti del clan Madonia, del quale per diverso tempo era stato il “cassiere”. Del La Mantia avevano, peraltro, parlato anche alcuni collaboratori di giustizia, riferendo di una sua partecipazione alla gestione degli appalti di cui al tempo si era occupato Angelo Siino, il “ministro dei lavori pubblici” della Mafia. Nel corso delle investigazioni, sono stati – infine – documentati i rapporti d’affari intercorsi tra Giuseppe La Mantia e Giuseppe Damiata, anche quest’ultimo colpito da misura di prevenzione eseguita dalla Guardia di Finanza nel dicembre 2016 e con il quale il La Mantia divideva gli “utili” derivanti dalla gestione illecita di alcune cooperative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *