Esercito

CONCLUSO L'EXPEDITIONARY ADVISORY PACKAGE ITALIANO

16 Agosto 2017: FONTE – Stato Maggiore Esercito – Le Forze di Sicurezza Afgane, assistite dagli advisor dell’Esercito Italiano, ristabiliscono il pieno controllo nelle aree minacciate della provincia di Farah. ​È terminato nei giorni scorsi, con una importante shura all’interno della base delle Forze di Sicurezza Afgane a Farah, il dispiegamento dell’Expeditionary Advisory Package (EAP), […]

Leggi

Marina Militare

MARINA MILITARE – A FERRAGOSTO OLTRE 2000 MARINAI IMPEGNATI IN OPERAZIONI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI E NELLE CAMPAGNE NAVALI D’ISTRUZIONE

16 Agosto 2017: FONTE – Marina Militare – Le Unitá della Marina Militare operano con continuità nel Mediterraneo, in Oceano Indiano e in Oceano Atlantico per la tutela degli interessi strategici del nostro Paese Sono oltre 2000 i marinai che sono stati impegnati a bordo delle unità navali della Marina Militare anche durante il giorno […]

Leggi

Aeronautica Militare

INCENDI SICILIA: OLTRE 140 MILA LITRI D'ACQUA SGANCIATI DA ELICOTTERI DELL'AERONAUTICA MILITARE IN UN MESE DI ATTIVITÀ

11 Agosto 2017: FONTE – Aeronautica Militare – Ad oggi effettuate circa 65 ore di volo, per un totale di circa 200 sganci, nell’ambito del dispositivo della Difesa in supporto alla Protezione Civile per la lotta agli incendi Da metà luglio gli elicotteri dell’Aeronautica Militare stanno operando in Sicilia nell’ambito del dispositivo della Difesa in […]

Leggi

 

Video

 

Carabinieri

ADDESTRAMENTO A FAVORE DELLE AGENTI DELLA POLIZIA AFGANA

16 Agosto 2017: FONTE – TAAC WEST HQ – I carabinieri del TAAC W hanno condotto il primo corso “Female Body Searching” dedicato alle poliziotte di Herat. Si è concluso dopo circa 2 settimane di attività teoriche e pratiche il corso “Female Body Searching” in favore di 10 agenti dell’Afghan Uniform Police (AUP) e dell’Afghan […]

Leggi

Polizia di Stato

OPERAZIONE “MOVIDA” CONTRO LO SPACCIO DI DROGA

14 Agosto 2017: FONTE – Polizia di Stato – Conclusa ieri l’operazione “Movida”, un’attività intrapresa dalle Squadre mobili di 17 province contro lo spaccio di droga nei luoghi di aggregazione giovanile. L’operazione durata dal 7 al 13 agosto, in modo continuativo, con il coinvolgimento di commissariati, Reparti prevenzione crimine e Volanti, ha prodotto l’arresto di 52 spacciatori e la denuncia in […]

Leggi

Guardia di Finanza

VENEZIA - GUARDIA DI FINANZA: SEQUESTRATI OLTRE 4 MILIONI DI PEZZI

16 Agosto 2016: FONTE – Guardia di Finanza Comando Provinciale Venezia – Nel corso della stagione estiva migliaia sono i turisti, provenienti da tutto il mondo, presenti tra le calli ed i campi di Venezia, in una cornice unica, tra le più belle e suggestive del mondo. In città, accanto ai commercianti e imprenditori che […]

Leggi

Altre Istituzioni

L’AMMIRAGLIO HOWARD PARLA AI DIPLOMATI DELLA DIREZIONE STRATEGICA DELLA NATO PER IL SUD

21 Luglio 2017: FONTE – Comando Interforze Alleato di Napoli – L’Ammiraglio Michelle Howard, comandante del Comando Interforze Alleato di Napoli ha parlato agli ufficiali NATO dell’ “Hub” di direzione strategica della NATO per il sud  nel corso della cerimonia di diploma tenutasi in data odierna. Nel suo intervento, l’Ammiraglio Howard ha sottolineato la velocità di […]

Leggi

“VIGILE DEL FUOCO” PER PROVARE L’ADREANALINA “OPERATIVA” SI TRASFORMA IN UN “INCENDIARIO”

“VIGILE DEL FUOCO” PER PROVARE L’ADREANALINA “OPERATIVA” SI TRASFORMA IN UN “INCENDIARIO”

11 Agosto 2017: FONTE – Comando Legione Carabinieri “Lombardia” Comando Provinciale di Pavia –

Per tale motivo è stato denunciato in stato di libertà, alla Procura della repubblica presso il Tribunale di Pavia, per i reati di incendio doloso (art. 423 c.p.) e truffa aggravata (art.640 bis e 61 c.p.):

P.M., nato a Novara cl. 1989, residente a Palestro (PV);

volontario dei vigili del fuoco, sul cui carico venivano raccolti inconfutabili elementi di colpevolezza, quale autore degli incendi, verificatisi:

– in data 25.02.2014, in Robbio Lomellina (PV), ai danni di un cassonetto per i rifiuti;

– in data 28.03.2014, in Robbio Lomellina (PV), ai danni di un cassonetto per i rifiuti;

– in data 24.04.2014, in Palestro (PV), ai danni di un deposito per i rifiuti;

– in data 15.05.2014, in Rosasco (PV), ai danni di una strada vicinale, relativamente a sterpaglie;

– in data 23.09.2014, in Palestro (PV), ai danni di un’area per lo stoccaggio dei rifiuti;

– in data 01.01.2015, in Palestro (PV), ai danni di un cassonetto per rifiuti;

– in data 28.03.2017, in Confienza (PV), ai danni di un cassonetto per i rifiuti;

e di altri episodi, per cui sono ancora accertamenti in corso, avvenuti tra l’anno 2016 ed il mese di marzo 2017. I Carabinieri del centro in cui si era verificata una serie di “inspiegabili” incendi, tutti concentrati in una zona circoscritta e ai danni di cassonetti dei rifiuti e sterpaglie, notato che ad intervenire sul posto, per primo, era sempre lo stesso vigile del fuoco volontario, decidevano di approfondire gli accertamenti sul suo conto, riuscendo a scoprire che ne era lo stesso autore. Ad aiutare le indagini dei Carabinieri alcune telecamere posizionate nei pressi delle “aree di stoccaggio dei rifiuti” colpite che ne “fissavano” i movimenti, proprio mentre appiccava il fuoco, per raggiungere subito dopo il proprio comando e così essere il primo a ricevere la chiamata e dare il “VIA” operativo all’intervento della squadra. Proprio questa “opportunità”, in particolare il “brivido” di poter giungere sul posto con le sirene “spiegate” è risultata la ragione di quanto commesso dal giovane vigile del fuoco. Lo stesso infatti, ai militari che gli contestavano le prove raccolte a suo carico, si è giustificato, ammettendo i propri addebiti, dicendo che aveva trovato l’incarico “noioso” in quanto, in Lomellina, zona pianeggiante, coltivata a riso e quindi quasi priva di boschi, capitava di rado di dover intervenire operativamente. Stanco di questo e sempre più desideroso di poter emulare i suoi idoli televisivi, segnatamente i protagonisti di una recente serie televisiva in cui sono “raccontati” gli interventi di una squadra di vigili del fuoco in una metropoli degli USA, aveva pensato di “creare” l’occasione adrenalinica, appiccando dei piccoli incendi nelle vicinanze della propria abitazione e del distaccamento che raggiungeva per poter dar l’allarme. In ogni caso, lo stesso, in considerazione che gli accertamenti investigativi permettevano di acclarare che a seguito dei citati interventi, aveva ricevuto la retribuzione prevista per il citato personale, in caso di intervento operativo, in ottemperanza alla legge 469 del 1961 S.M.I. artt. 70/71 e 74 e ripreso dal D.P.R. 76 del 06.02.2004 (regolamento recante norme sul reclutamento di avanzamento ed impiego del personale volontario del corpo nazionale dei vigili del fuoco), che prevede l’emissione di un ordine di pagamento mensile per i volontari, sulla base delle chiamate e degli interventi effettuati, è stato indagato anche per il reato di truffa aggravata. Il giovane vigile dopo essere stato scoperto oltre ad aver ammesso le proprie responsabilità, si è dimesso spontaneamente dall’incarico.

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *