Esercito

L’82° COMMEMORA I CADUTI SUL FRONTE RUSSO

17 Gennaio 2019: FONTE – Stato Maggiore Esercito – L’82° Reggimento Fanteria “Torino” commemora il 76° anniversario dei Fatti d’Arme sul Fronte Russo del 1943. ‘82° Reggimento Fanteria “Torino” ha commemorato il 76° anniversario dei Fatti d’Arme di Tscherkowo avvenuti sul fronte russo il 16 gennaio del 1943. In Russia, l’Unità dell’Esercito Italiano, diede prova delle […]

Leggi

Marina Militare

FOTO-NOTIZIA: MARINA MILITARE: BREVETTATI AL COMSUBIN 12 NUOVI INCURSORI

18 Gennaio 2019: FONTE – Marina Militare Comando Marittimo Sud – “L’indossare il basco verde è un segno distintivo carico di responsabilita”, ha detto il Capo di Stato Maggiore della Marina, ammiraglio Valter Girardelli presente alla cerimonia, rivolto ai neo-incursori, pronti a svolgere le operazioni subacquee, anfibie e terrestri. TESTO E FOTOGRAFIE DI PROPRIETÀ – […]

Leggi

Aeronautica Militare

BAMBINA DI UN MESE TRASPORTATA D'URGENZA DA CAGLIARI A ROMA

17 Gennaio 2019: FONTE – Aeronautica Militare – Tre voli sanitari urgenti in pochi giorni effettuati dall’Aeronautica Militare. Uno dei pazienti è una neonata di un mese di vita Questa mattina una bimba di appena un mese, in gravi condizioni di salute, è stata trasportata, accompagnata dai genitori e da un’equipe medica, da Cagliari a […]

Leggi

 

Video

 

Carabinieri

IL MINISTRO DELLA DIFESA ELISABETTA TRENTA INAUGURA IL MONUMENTO DEDICATO AI 5 CARABINIERI SICILIANI CADUTI A NASSIRIYA.

18 Gennaio 2019: FONTE – Comando Generale Arma dei Carabinieri – Questo pomeriggio, presso la Caserma “A. Bonsignore” di Messina, sede del Comando Interregionale Carabinieri “Culqualber”, il Ministro della Difesa Elisabetta Trenta ha inaugurato il monumento dedicato ai 5 Carabinieri Siciliani caduti a Nassiriya. Alla cerimonia hanno partecipato, con la presenza dei familiari delle vittime […]

Leggi

Polizia di Stato

ISERNIA: OPERAZIONE “LASCIATELI GIOCARE”

18 Gennaio 2019: FONTE – Polizia di Stato – Ancora violenza in una scuola materna: accertati a Isernia circa 150 episodi di maltrattamenti nei confronti di bambini di 2/3 anni commessi da due maestre. Gli uomini della Squadra mobile di Isernia in pochi giorni hanno ricostruito il vissuto quotidiano dei piccoli sui quali le maestre […]

Leggi

Guardia di Finanza

ARRESTI DOMICILIARI PER 2 IMPRENDITORI TOSCANI PER REATI TRIBUTARI E BANCAROTTA FRAUDOLENTA

18 Gennaio 2019: FONTE – Guardia di Finanza Comando Provinciale di Firenze – Dalle prime luci dell’alba, i Finanzieri del Comando Provinciale di Firenze stanno dando esecuzione, nelle province di Firenze, Prato e Livorno e in Campania, a un’ordinanza di misura cautelare personale degli arresti domiciliari, emessa dal Giudice delle Indagini Preliminari presso il Tribunale […]

Leggi

Altre Istituzioni

SANITA’-VIGNALE: TAGLIATI DUE POSTI LETTO PEDIATRI SU TRE. CHIAMPARINO E SAITTA CANCELLANO IL REGINA MARGHERITA E LA SANITA’ PEDIATRICA PIEMONTESE.

15 gennaio 2019: FONTE -Movimento Nazionale per la Sovranità- “Saitta e Chiamparino dopo l’Oftalmico, cancelleranno anche il Regina Margherita e con lui verranno taglieranno ben due posti letto pediatrici ogni tre. Peggio non potevano fare” lo commenta il presidente del Movimento Nazionale per la Sovranità Gian Luca Vignale a margine dell’audizione del sindacato ANAAO ASSOMED […]

Leggi

Marina Militare: Termina il primo ciclo addestrativo a favore della nuova Marina/Guardia Costiera Libica a bordo di Nave San Giorgio

Marina Militare: Termina il primo ciclo addestrativo a favore della nuova Marina/Guardia Costiera Libica a bordo di Nave San Giorgio

08 novembre 2016: FONTE – Marina Militare –

Si è appena concluso il primo dei cinque cicli addestrativi dei 78 trainees libici iniziato lo scorso 26 ottobre, che ha visto impegnate l’Unità anfibia della Marina Militare Italiana San Giorgio e la Nave olandese Rotterdam, entrambe inquadrate nell’Operazione SOPHIA di EUNAVFOR MED.

L’addestramento della Marina/Guardia Costiera libica è seguito dalla Forza Navale Europea ed è frutto di un Memorandum of understanding siglato lo scorso 23 agosto dall’Ammiraglio Enrico Credendino, comandante dell’operazione SOPHIA di EUNAVFORMED e dal commodoro Abdalh Toumia, comandante della Guardia Costiera libica. Per il ciclo appena concluso, ed anche per il prossimo, i trainees sono stati divisi in due gruppi: il primo gruppo ha svolto lezioni teorico-pratiche su Nave San Giorgio per la condotta della navigazione, inglese, telecomunicazioni e gestione eventi di ricerca e soccorso, mentre il secondo gruppo ha svolto lezioni teorico-pratiche su Nave Rotterdam per la lotta antincendio,  attività di boarding e ispezioni mercantili, manutenzione meccanica ed elettrica. Al termine dei primi due cicli la rimanente attività di training di 10 settimane sarà condotta interamente su nave San Giorgio con un ruolo determinante degli istruttori italiani.

Un addestramento completo e complesso che vede affiancati agli istruttori italiani anche team di istruttori provenienti dagli Stati Membri UE, nonché dalle rappresentanze di FRONTEX e UNHCR per una formazione che mira ad avere i primi istruttori libici, in un periodo di circa quattro mesi, in grado a loro volta di trasmettere ai loro equipaggi le conoscenze sulla navigazione costiera e d’altura, la condotta di imbarcazioni e motovedette, la gestione delle telecomunicazioni, l’arte marinaresca, il diritto della navigazione, la Ricerca e Soccorso (SAR),  il Primo soccorso, la capacità di costruire una Maritime Situational Awareness e le conoscenze per una  Vigilanza sulle attività di Pesca nel rispetto del Diritto Internazionale.

La collaborazione, richiesta dal governo libico riconosciuto dalla comunità internazionale e sviluppata sotto l’egida dell’Unione Europea nell’ambito dell’operazione Sophia di Eunavfor Med, si inquadra nelle cosiddette attività di Maritime Capacity Building and Training e Maritime Securety e si concluderà nella primavera del 2017.

L’addestramento della Marina Libica è un importante tassello per la stabilità dell’intera area e rappresenta un passo in avanti per il ritorno alla stabilità nel Paese martoriato che passa anche attraverso una piena capacità di controllo del territorio e dei mari territoriali. Nello specifico tale addestramento ha lo scopo di fornire conoscenze e capacità utili a garantire sorveglianza e sicurezza marittima a vantaggio di tutta l’area mediterranea, ovvero dei Paesi rivieraschi europei ed africani.

Nella sua totalità l’addestramento della Marina libica si svilupperà in tre differenti fasi. La prima, in corso, di 14 settimane circa, prevede l’addestramento e formazione di ufficiali, sottufficiali e marinai imbarcati su nave San Giorgio, i quali al termine saranno abilitati istruttori e quindi formatori a loro volta per equipaggi libici. La seconda fase consiste nell’addestramento dei militari libici nei centri di formazione dei Paesi membri dell’Unione Europea; la terza fase invece riguarderà la formazione e l’addestramento degli equipaggi per la condotta dei pattugliatori e delle motovedette in dotazione alla Marina/Guardia Costiera libica.

Quella della Capacity Building è una attività che la Marina Militare italiana svolge con regolarità e impegno con i Paesi “partner” in ambito NATO, UE ma anche in ambito collaborazioni bilaterali con i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo inclusi quelli del nord Africa, più prossimi alle nostre aree di interesse. L’anno che sta per concludersi ha visto infatti le navi della Marina italiana partecipare alla esercitazione MEDEX congiuntamente alla Marina Algerina, alla esercitazione Sea Border con le Marine di Francia, Malta, Portogallo, Spagna, Algeria, Libia, Mauritania, Morocco e Tunisia, ad una esercitazione bilaterale  con la Marina del Marocco, alla esercitazione ADRION con le Marine di Albania, Croazia, Grecia, Serbia-Montenegro, e Slovenia, e da poco si è conclusa l’esercitazione OASIS 2016 con la Marina tunisina.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *