Esercito

TIRATORI SCELTI IN ADDESTRAMENTO

23 Aprile 2019: FONTE – Stato Maggiore Esercito – Perfezionamento del tiro a distanza, autovalutazione dei nuclei tiratori scelti attraverso l’utilizzo delle differenti armi in dotazione e condotta di un’attività di orienteering notturna con addestramento a stazioni. È stato questo lo scopo della “Devil’s bullseye”, l’esercitazione per tiratori scelti condotta dall’8 al 18 aprile nel […]

Leggi

Marina Militare

MARINA MILITARE: COMMEMORAZIONE DEL 74° ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE D’ITALIA

23 Aprile 2019: FONTE – Marina Militare Comando Marittimo Sud – Il prossimo 25 aprile, alle ore 10.00, presso Piazza della Vittoria, la Marina Militare in collaborazione con il Comune di Taranto, celebrerà il 74° Anniversario della Liberazione d’Italia dal nazifascismo, per ricordare coloro che hanno sacrificato la propria vita per assicurare un futuro prospero […]

Leggi

Aeronautica Militare

NELLA NOTTE DI PASQUA DUE VOLI PER SALVARE DUE UOMINI IN PERICOLO DI VITA

23 Aprile 2019: FONTE – Aeronautica Militare – L’elicottero HH139 dell’82° Centro C.S.A.R. di Trapani è decollato dalla base siciliana per trasportare un uomo in imminente pericolo di vita da Lipari (ME) ed un altro da Marettimo (TP) Nella notte di Pasqua, un elicottero  HH-139A dell’82° Centro C.S.A.R. (Combat Search and Rescue – Ricerca e […]

Leggi

 

Video

 

Carabinieri

AMBIENTE: INDAGATE 13 PERSONE PER REATI DI DISASTRO AMBIENTALE E UNA MISURA CAUTELATE DEGLI ARRESTI DOMICILIARI

23 Aprile 2019: FONTE – Comando Generale Arma Carabinieri – Carabinieri NOE di Potenza – In data odierna, a conclusione di una lunga e complessa attivita’ investigativa svolta attraverso accertamenti tecnici, indagini tradizionali, consulenze tecniche e l’acquisizione e lo studio di una ponderosa documentazione – su disposizione della Procura della Repubblica di Potenza, che ha coordinato le indagini• […]

Leggi

Polizia di Stato

RAGUSA: MINACCIAVA I FAMILIARI PER LA DROGA, ARRESTATO STALKER

23 Aprile 2019: FONTE – Polizia di Stato – Gli agenti della Squadra mobile di Ragusa hanno arrestato un uomo di anni 46 anni, con l’accusa di estorsione e stalking ai danni della madre e dei fratelli. L’attività investigativa della Mobile ragusana è iniziata due mesi fa su richiesta della procura della Repubblica, per accertare i fatti relativi alla […]

Leggi

Guardia di Finanza

SICUREZZA PRODOTTI: SEQUESTRATI A ROMA OLTRE 9 MILIONI DI ARTICOLI PERICOLOSI, PRONTI A ESSERE VENDUTI PER LE FESTIVITÀ PASQUALI, E DENUNCIATI 4 RESPONSABILI

20 Aprile 2019: FONTE – Guardia di Finanza Comando Provinciale Roma – I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma, nei giorni scorsi, hanno sottoposto a sequestro oltre 9 milioni di articoli pericolosi per la salute dei consumatori e non conformi alle norme, denunciando 4 soggetti cinesi all’Autorità Giudiziaria capitolina. Nell’ambito dell’intensificazione […]

Leggi

Altre Istituzioni

ANNIVERSARIO UNITA NAZIONALE DELLA COSTITUZIONE DELL’INNO DELLA BANDIERA INAUGURAZIONE MUSEO REALIZZATO DAL COORDINAMENTO GIOVANI ALPINI SEZIONE ALTO ADIGE E GRUPPO ALPINI LAIVES

17 Marzo 2019: FONTE – Sezione Alpini Alto Adige – Grandi soddisfazione oggi per la Sezione Alpini Alto Adige che oltre a partecipare come negli anni scorsi alla cerimonia dell’unità Nazionale della Costituzione organizzata dal comune di Laives quest’anno ha realizzato tramite il Coordinamento Giovani Alpini della Sezione il museo per il Centenario della fine […]

Leggi

India: il ruggito di San Marco e il raglio della Diplomazia

India 05 Aprile: ormai non è più un sospetto ma è una certezza che il governo del Kerala, con la complicità del governo centrale indiano, stia cercando di fabbricare delle prove per incriminare i nostri Fucilieri di Marina rapiti e tenuti ostaggio e questo, con tutta probabilità, per scoraggiare gli armatori e i governi delle navi oggetto di pirateria da parte di pirati operanti dalle basi sicure del Kerala dove “qualcuno” li protegge, arma e guida.

Visto che i frammenti di proiettili recuperati dalla imbarcazione di quelli che vengono detti innocenti pescatori ma su cui permane il dubbio possano essere, in effetti, pirati, sono compatibili con le armi in dotazione alla Nato, i nostri Militari per il governo ostile dell’India devo essere per forza colpevoli. Quindi, visto che l’esame balistico delle armi sequestrate non mostra compatibilità con le tracce delle rigature dei frammenti di proiettili allora deve, necessariamente essere stata nascosta o gettata in mare l’arma del presunto delitto.

Quindi rinnovo dell’atto di pirateria consistente nel sequestro dell’Enrica Lexie, nuovo rinnovo dell’atto di rapimento dell’equipaggio della nave italiana e dei quattro altri Fucilieri di Marina, tutti ostaggi di un governo apertamente criminale nei suoi comportamenti e che si poggia alla solita magistratura da terzo mondo asservita alla politica.

E, ovviamente, nuovo interrogatorio dei nostri immensamente dignitosi Fucilieri di Marina chiusi da un mese in una lurida prigione indiana e sottoposti a una umiliante privazione della libertà mentre indossano l’uniforme di Militari in servizio nella Marina Militare Italiana, rappresentanti di uno Stato che, fino a ora, non ha saputo fare di meglio per loro che belare e ragliare profferte d’amicizia e stima verso i sequestratori e stentate rimostranze fatte a mezza voce.

Ma durante l’interrogatorio il carattere indomito dei Fucilieri di Marina ha dimostrato a noi e al mondo che c’è un’altra Italia, quella che mantiene la schiena dritta nelle avversità, quella che non si piega e che, orgogliosamente, è rappresentata dal Leone di San Marco.

I nostri Militari, prigionieri di un governo corrotto che li tiene in ostaggio, hanno risposto come si fa a nemici in guerra: «In base alle istruzioni ricevute dal nostro governo non siamo disponibili a rispondere, perché non riconosciamo la vostra giurisdizione sul nostro caso».

Il Leone ha ruggito, speriamo che la DIplomazia smetta di ragliare.

Una risposta a India: il ruggito di San Marco e il raglio della Diplomazia

  • Sono giorni che ripeto che gli Indiani non hanno prove e che stanno cercando di fabbricarle per incriminare i Nostri Fucilieri di Marina.
    Hanno fatto bene i due Fucilieri di Marina a rispondere picche a chi cerca di nascondere la verità e di cambiarla.
    Il nostro Governo impari da loro e prenda immediatamente provvedimenti seri nei confronti del Governo Indiano.
    Questa storia deve immediatamente finire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *